Dettagli Recensione

 
Evelina e le fate
 
Evelina e le fate 2013-10-17 09:52:24 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    17 Ottobre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Pesaro e provincia tra i tedeschi e le bombe degli

Una bella storia, con un inizio spettacolare, tra la neve e l'arrivo degli sfollati (visto con gli occhi di una bambina piena di fantasia) in un casolare nelle campagne di Candelara (PU).
Subito dopo la storia si affloscia un po' e molte pagine sono dedicate a rispolverare usi, tradizioni, modi di dire e soprattutto di cucinare dei nostri nonni/bisnonni con tanto di descrizione di piatti tipici e modalità di loro preparazione un po' noiosi per chi non ama questi argomenti. Poi la storia, dopo un terzo del libro in cui bisogna tenere duro, si fa molto interessante, con la comparsa dei tedeschi, della bambina ebrea, dei dissapori tra gli sfollati. Sapere alla fine che il libro è ispirato a una storia vera è addirittura commovente e spiega come mai le cose non si risolvono tutte felicemente come in una bella favola, anche se, in un certo senso, Evelina riesce a mettere ogni fatto al posto giusto, con la sua rara capacità di vedere attraverso le cose e le persone in modo infantile ma profondo. I dialoghi che all'inizio erano noiosi e un po' stantii diventano vivi e vibranti, commoventi e i bambini della storia escono quasi dal libro lasciando al lettore un'incredibile sensazione di vivacità e di freschezza. Anche la famiglia di Evelina, ruvida e tenera al tempo stesso entra nel cuore.
Il libro ha un'inizio lento ma poi, superata la fase più culinaria e descrittiva delle tradizioni, si legge in un lampo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... a chi abita in provincia di Pesaro, ha avuto morti durante "il bombardamento", a chi abita nella vicina Romagna. A tutti gli "stranieri" offresi servizio di traduzione online per le frasi dialettali, visto che Evelina e famiglia parlano solo il dialetto.
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Ciao Mario, anch'io lessi questo testo con grande curiosità!
Trovo che la giovane autrice abbia dato una buona prova di scrittura.
Belle le immagini filtrate attraverso gli occhi di una bambina; un'angolazione diversa per riflettere sulle brutture della guerra e sulla quotidianità della gente di allora.
In risposta ad un precedente commento
Mario Inisi
17 Ottobre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Infatti. Simona dice di aver voluto essere fedele ai ricordi della madre e questo rende il libro anche più bello.
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una piccola pace
Gente in Aspromonte
L'Eneide di Didone
La malalegna
Come vento cucito alla terra
La fortuna
La scelta
La tigre di Noto
L'alta fantasia
Le disobbedienti
L'amante del doge
L'inverno del pesco in fiore
Trema la notte
Il cielo sbagliato
La malinconia dei Crusich
Archimede. Il matematico che sfidò Roma