Dettagli Recensione

 
La banda Sacco
 
La banda Sacco 2013-12-01 09:50:18 Cristina72
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Cristina72 Opinione inserita da Cristina72    01 Dicembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La banda degli onesti

“Non si po' annare a travagliare la terra come per annare a fari la guerra”.
Questo libro è la storia di un'ingiustizia perpetrata ai danni di un'intera famiglia e smaschera i meccanismi perversi dell'organizzazione mafiosa, privandola di quell'aura “d'onore” che ancora oggi si attribuisce alle sue origini.
Chi erano i Sacco?
Camilleri ce li presenta in tutta la loro generosità, pronti ad offrire a chiunque ne avesse bisogno “'na scanata di pani frisco, 'na forma di cacio, tanta frutta e un ciasco di vino”.
Onesti agricoltori ed abili imprenditori, a cominciare dal capostipite Luigi che a Raffadali, piccolo centro rurale dell'agrigentino, osa l'inosabile: denunciare il tentativo di estorsione della mafia locale, che pretende parte degli introiti del suo duro lavoro.
Non c'è più pace da quel momento, né per lui né per i suoi familiari:
“Luigi sta mannanno a buttane le regole dettate dalla mafia e da tutti osservate. Luigi è praticamente un morto che cammina”.
I suoi cinque figli maschi si vedono così costretti ad andare a coltivare le loro terre in assetto di guerra nel timore di agguati. Armati fino ai denti, cominciano a far paura ai criminali: “Coi Sacco capaci di tutto e accussì 'ncaniati, meno ci si fa sentiri e megghiu è”.
Le ritorsioni mafiose non si fanno comunque attendere, e qualsiasi tentativo di denuncia cade nel vuoto: “Avete le prove che sono stati loro?”.
Il peggio arriverà quando la mafia comincerà a servirsi di un'arma molto più potente del ferro e del fuoco: la legge. Sarà infatti la mente machiavellica di un avvocato, punto di riferimento dei rozzi mafiosi del posto, a sferrare i colpi più terribili.
Imbrogliare le carte, trasformare i persecutori in perseguitati e viceversa: ecco il capolavoro.
Ed il piano diabolico riesce in pieno, mentre mani fino ad allora macchiate solo di terra finiscono per sporcarsi di sangue.
Il regime fascista e i metodi discutibili del prefetto Mori (proprio colui che era stato mandato da Mussolini a sradicare la mafia) faranno il resto: i Sacco, socialisti da sempre, vanno presi vivi o morti.
Ed ecco nascere “la banda Sacco”, accusata, tra le altre cose, di avere ucciso due feroci capimafia (strano genere di briganti, che non risponde mai al fuoco delle forze dell'ordine).
Li seguiamo nei rifugi improvvisati, sempre pronti alla fuga, braccati da mafiosi e carabinieri, imputati di tutto l'imputabile anche senza prove. Si fa terra bruciata intorno a loro, arrestando persino l'anziana madre.
Diventano eroi per gli abitanti di Raffadali, ma hanno addosso quella solitudine che contraddistingue chi si ribella al giogo mafioso, e che spesso ne preannuncia la morte.
C'è differenza tra l'essere uccisi e vedersi sottratti quarant'anni di vita?
La triste verità è che la giustizia tardiva non è più giustizia ed ha sempre il sapore amaro della sconfitta.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
270
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

10 risultati - visualizzati 1 - 10
Ordina 
gracy
01 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Bellissimo commento Cristina, che trova complicità con i raffadalesi con cui ho avuto modo di parlare del libro che ancora non ho letto.
Concordo con Gracy, bellissimo commento (ricordo male o in passato avevi espresso qualche riserva su Camilleri?) :-)
@Bruno: la Redazione mi ha proposto di recensirlo ed era un'offerta che non potevo rifiutare ;-)
Comunque il linguaggio di Camilleri ci sta, dà un tocco di originalità alla narrazione.
@Gracy: hai materiale di prima mano, aspetto la tua rece!
Grazie ad entrambi :-)
SARY
02 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Cristina mi associo ai complimenti, bel commento.
In risposta ad un precedente commento
gracy
02 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Cristina mi intrometto e ti messaggio un subliminale circa il Sommo
..d-e-v-i-l-e-g-g-e-r-e-l-a-t-r-i-l-o-g-i-a-d-e-l-l-a-m-e-t-a-m-o-r-f-o-s-i-
..stop!
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
02 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ok, Gracy, metto in lista!
In risposta ad un precedente commento
gracy
02 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Curiosa di sapere un tuo parere...a trilogia ultimata!!!
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
02 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Sissi, dammi na para i misi ;-)
In risposta ad un precedente commento
gracy
02 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Sissi...tantu un'annu scadenza comu i yogurt! :P
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
03 Dicembre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
@Sary: ieri ho dimenticato di ringraziarti per il tuo commento! Lo faccio adesso, ciao :-)
10 risultati - visualizzati 1 - 10

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Le ossa parlano
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
Annientare
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri