Dettagli Recensione

 
La legione degli immortali
 
La legione degli immortali 2014-09-15 20:48:35 franziska
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
franziska Opinione inserita da franziska    15 Settembre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Atuatuca

Ecco un libro da leggere. Ne consiglio la lettura perché, più di molti altri, ambientati nello stesso periodo, questo testo riesce a fondere, in modo straordinario e travolgente, gli episodi storici realmente avvenuti con il mondo interiore e intimo dei legionari protagonisti delle vicende qui narrate.
Da una parte, sullo sfondo, la Storia. Cesare, imprevedibile, audace e vittorioso; i suoi legati, Labieno, duro e rigoroso, Cotta e Sabino, inadatti al comando congiunto. Dall’altra, in primo piano, la X legio ( poi la XIV ) con i suoi uomini, semplici e genuini, temprati da forti esperienze comuni, capaci di sacrificare la vita pur di salvare l’onore di Roma.
A mio avviso, delle due, è la parte intimistica quella migliore, ovvero quella che caratterizza il testo in modo unico e indimenticabile. La mano dello scrittore è ferma, senza sbavature, priva di retorica e ci regala pagine di rarefatta bellezza. Il lettore è portato a partecipare, a palpitare insieme ai protagonisti, a condividerne gioie, dolori, dubbi, paure. Qui c’è tutta l’epica romana, il racconto e l’eco delle battaglie, le lotte furibonde, gli scontri titanici, le gesta eroiche senza le quali lo stesso Cesare nulla avrebbe potuto; ma c’è anche l’amore per una donna, delicato e struggente, una storia tenera in aperto contrasto con la brutalità degli eventi. C’è la sacralità dell’amicizia, la dedizione verso i compagni, la fedeltà alla causa e all’aquila, simbolo di tutti i sacri e consolidati valori romani.
Nell’offrire questa gamma di situazioni e sentimenti, il tono del racconto cambia continuamente. Si passa dal registro celebrativo a quello che sottolinea la piccola e grande semplicità del quotidiano, così come si presentava in un accampamento militare; ci si muove in un clima da romanzo giallo o mystery, oppure in un contesto che esprime una robusta “ vis comica “.
Sono, però, le pagine dedicate alla battaglia di Atuatuca quelle che più rimangono nel cuore. Conoscevo l’episodio per averlo letto in uno dei volumi della McCullough, dedicati alla storia della Repubblica romana. La scrittrice, con eccezionale bravura e massima precisione nei dettagli, ci fornisce un completo resoconto, espresso in modo drammatico e oggettivo, di un oscuro episodio che ha lasciato il segno nella storia di Roma. Qui, lo stesso episodio, mette in evidenza e rivela con forza, emozioni, sentimenti e impulsi più intimi, profondi, soggettivi, senza abdicare ad una globale oggettività. Qui le lame penetrano non solo nella carne e nel cuore dei legionari , ma anche , metaforicamente , nella carne e nel cuore del lettore, che grida, urla, spera, piange con i “suoi” personaggi. Alla fine, superstite fra i superstiti, rimane allucinato, esausto, di fronte al silenzio, al vuoto, ai fantasmi dei caduti che sembrano fluttuare nelle nebbie di Atuatuca.
La storia ha, però, ancora più di una verità da sfoderare e non di poco conto. Tuttavia, neppure la conclusione, sapientemente condotta, dà pieno conforto e sollievo. La malinconia rimane così il segno distintivo di questo libro, potente, coinvolgente, emozionante, in una parola indimenticabile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Gondes
16 Settembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Franziska, sono contento che ti sia piaciuto, perché é veramente un libro scritto come pochi!
In risposta ad un precedente commento
franziska
16 Settembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao ! Grazie dell'apprezzamento.Questo è uno dei migliori libri che abbia letto negli ultimi anni.Non pensavo di potermi emozionare e commuovere così.Ti farà piacere sapere che la tua recensione mi ha spinta ad acquistare il testo che, a giudicare dalla copertina, non mi ispirava molto.
In risposta ad un precedente commento
Gondes
16 Settembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie mille. Questo è il bello di Qlibri. Anche a me spesso mi è capitato la stessa cosa. Ricordo che un giorno mi inviò un messaggio una lettrice di Qlibri per consigliarmi un libro che io non conoscevo assolutamente; bene, dal quel momento è diventato uno dei miei autori preferiti: Luca Di Fulvio. Ciao e buone letture. Denis
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Io sono il castigo
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Eredità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il senso della mia vita
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Primavera
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Ohio
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La selva degli impiccati
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La locanda del Gatto nero
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Come un respiro
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Predatori e prede
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
La pista. La prima indagine di Selma Falck
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo scarafaggio
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Se scorre il sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri