Dettagli Recensione

 
La scomparsa di Patò
 
La scomparsa di Patò 2018-03-19 15:30:45 Belmi
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    19 Marzo, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il dossier

“Un evento mirabile e misterioso s’è verificato in Vigàta il 21 marzo 1890, Venerdì Santo, durante la sacra rappresentazione della Passione di Cristo, popolarmente detta il “Mortorio”: il ragioniere Antonio Patò, direttore della locale sede della “Banca di Trinacria”, funzionario irreprensibile, marito integerrimo e padre amoroso di due vivacissimi bambini, oltre che apprezzato Giuda nella predetta rappresentazione, come da copione è precipitato, al termine di questa, nella botola approntata per aprirsi, con meravigliosa verosimiglianza, sotto i piedi del traditore di Cristo, ma non è più riemerso per ricevere l’applauso del pubblico e poi rientrare nei consueti suoi panni di cittadino modello. Scomparso nel nulla, volatilizzato. Ma unni sinni ì Patò?”

“Murì Patò o s’ammucciò?”

Ho letto la vecchia versione edita da Mondadori, uscita nel 2000. Camilleri ci presenta il dossier con cui le forze congiunte della Polizia, dei Carabinieri, della Chiesa, della stampa, dei familiari, degli abitanti e di “illustri” turisti, si sono cimentate nella ricerca di Patò.

L’autore con ogni mezzo cartaceo e non, ci racconta la realtà siciliana di fine ottocento. Utilizza lettere, scritte sui muri, biglietti anonimi, interviste, protocolli, materiale riservato, dispacci a mano, articoli di giornali e soprattutto tanta ironia.

A tratti il libro diventa davvero esilarante e fra le righe possiamo leggere quello che spesso altri tentano di celare.

Per chi come me ha letto Montalbano, ritornare a Vigàta e Montelusa è sempre un piacere, specialmente quando la narrazione è così divertente.

“Mi fici pirsuaso ca quel grannissimu curnuto di raggiuneri…
MODERI I TERMINI!
…ca quel curnutu di raggiuneri…
TI HO DETTO DI MODERARE I TERMINI!
E non li moderai? Il grannissimu ci lo livai, ma u curnuto ci resta!”.

Un libro che consiglio anche se il passare da un articolo giornalistico, a una lettera scritta in corsivo, a una scritta a macchina e così via non è proprio il massimo, all’inizio bisogna entrare nel meccanismo e ricordarsi tutti i nomi, poi la lettura diventa solo un piacere!

Buona lettura!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Brava Fede, complimentoni!!! Ottima recensione.
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri