Dettagli Recensione

 
L'ultimo spartito di Rossini
 
L'ultimo spartito di Rossini 2019-01-05 09:45:50 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    05 Gennaio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi era l'uomo Gioacchino Rossini

Simona Baldelli, nata a Pesaro, pubblica il suo primo romanzo Evelina e le fate nel 2013, finalista al Premio Calvino, a cui segue Il tempo bambino e La vita a rovescio. Ora pubblica L’ultimo spartito di Rossini: una biografia romanzata del grande compositore Gioacchino Rossini, che cade proprio nell’anno del 150esimo dalla sua morte. Un tributo importante e deferente ad uno degli uomini più importanti della storia della musica. Un libro che cerca di mettere in maggiore evidenza l’uomo Rossini, più che il musicologo.
Siamo a Passy, nel 1868. Rossini ha subito un’operazione e sta attendendone una seconda, per rimuovere un brutto tumore. Con lui ad assisterlo c’è Olympe Pellisier, seconda moglie, famosa cortigiana, ex amante del pittore Horace Vernet, e dello scrittore Honorè de Balzac. Rossini a trentasette anni decide di ritirarsi dalle scene, e compone soltanto per serate con amici ed cultori della materia. Ecco la scrittrice, con perizia e metodo, indaga sul perché di questo ritiro. Parte d un’infanzia povera, per giungere alla sua ricchezza, al suo essere prima rivoluzionario repubblicano e poi conservatore. Di lui mette in luce il suo lato godereccio ed ironico, amante delle belle donne e della buona cucina. Narra della sua abitudine di stare a tavola per un’intera giornata, di mangiare piccoli bocconi che gli costa l’appellativo di “Pizghen”, ovvero pezzettini in dialetto.

Fino a giungere alla fine vicina, in cui pensa a quell’ultimo spartito, quell’opera perfetta mai scritta, che doveva essere in grado di sedurre il pubblico e critica in parti uguali. Per la scrittrice un’opera importante, non sempre facile da costruire, indagatrice di un’altra realtà, differente da quella comunemente conosciuta, perché a lei interessa:

“Di Rossini soprattutto il silenzio. E capire perché si levassero, costanti, fastidiose, le voci puntigliose del dissenso; tanto più indispettite quanto il musicista arriva al cuore del pubblico. Quasi si fosse imbattuto, con duecento anni di anticipo, in quel livore sociale di cui oggi tanto si dibatte.”.

Una ricerca precisa, puntuale, raffinata per la costruzione della vita vissuta ed intima di un uomo:

“Immenso, senza limiti, fuori dal tempo, perciò immortale.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ama i libri di Simona Baldelli, quali Evelina e le fate o Il tempo bambino.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri