Dettagli Recensione

 
L'angelo di Monaco
 
L'angelo di Monaco 2020-07-06 21:31:15 ALI77
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    06 Luglio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UNA CRIME STORY DA LEGGERE

Siamo di fronte ad una crime story ambientata nel 1931 e il prologo del romanzo ci svela che una ragazza sta morendo, lei è Angelika o Angela Raubal, detta Geli, nipote di Hitler.
L'indagine sulla morte di Geli è al centro del romanzo, inizialmente tutti gli elementi fanno pensare che la giovane si sia tolta la vita, ma per Sauer e Forster, i due commissari che indagano sul caso, le cose sembrano essere andate diversamente.
"La storia non la scrive chi vince, avrebbe dovuto dirgli, ma chi sopravvive.
Anche gli sconfitti, prima o poi, trovano voce."
Inizia così per i due, la ricerca della verità che non sarà facile da scoprire, tra strani suicidi, testimoni che non parlano, la mancata autopsia e vari depistaggi delle indagini; i due metteranno a repentaglio la loro stessa vita pur di risolvere il caso.
"«Vai a casa. E guai a te se vengo a sapere che continui a indagare sul caso Raubal. Lascia che i morti riposino in pace.»"
Inizialmente Sauer e Forster avrebbero dovuto, in sole otto ore, trovare le prove e dare una spiegazione del motivo per cui Geli si sia uccisa, ma non riuscendoci il caso viene subito archiviato per poi essere riaperto. C'è sicuramente qualcosa di strano sotto, qualche verità scomoda che non doveva venire alla luce.

Il romanzo parte da un fatto realmente accaduto la morte di Geli, che non sembra essere solamente la nipote di Hitler, ma alcune voci la darebbero come la fidanzata/amante dell'allora leader del partito nazionalsocialista dei lavoratori.
L'amore dello zio per Angela era sicuramente particolare, molto possessivo, non potremmo mai sapere cosa sia successo veramente, se Geli si sia suicida, per la paura di superare un provino di canto lirico; oppure sia stata eliminata, perché era una persona scomoda per la futura ascesa politica di Hitler.
Personalmente trovo, che la motivazione che è stata data per il suicidio, sia alquanto debole.
Fabiano Massimi si destreggia in questo crime storico tra realtà e finzione e lo fa molto bene per quasi tutta la durata del romanzo, forse meno nella parte finale dove la parte storica, lascia il posto ad ad una conclusione un po' troppo romanzata.
Nella prima parte ho trovato la narrazione un po' statica, quasi come se i personaggi continuassero a girare attorno ad un cerchio, ma non trovassero una via d'uscita per procedere con l'indagine.
Dopo aver superato queste prime cento pagine, la storia mi ha coinvolto moltissimo e ho trovato che la vicenda sia stata sempre più coinvolgente e incalzante; volevo capire cosa fosse successo a Geli, o meglio quale soluzione l'autore avesse pensato per la morte di Angela, visto è rimasto un caso tuttora irrisolto.
"Forse, si disse, il destino non esiste tutti i giorni, ma in alcuni sì.E questo è ciò che sto vivendo ora.Questa è la mia occasione."

Lo stile di Fabiano è sicuramente molto curato, ho trovato che abbia fatto un'ottima ricostruzione storica, è un libro che si legge velocemente nonostante sia comunque un romanzo storico di quasi cinquecento pagine. Ho trovato che i capitoli brevi e l'utilizzo alla fine di questi, dei cliffhanger, che io personalmente adoro, abbia aumentato la tensione e la curiosità del lettore nel proseguire la lettura.
Credo che parlare di Geli e mettere in luce questo fatto storico, sia stata un'idea vincente, questo libro è sicuramente un modo per ricordarla, forse non sapremo mai la verità sulla notte del 18 settembre del 1931, ma almeno l'autore le ha dato una sorta di rivincita.
Credo che oggi scrivere un romanzo storico inserendo anche degli elementi thriller sia molto difficile, credo lo sia proprio come genere letterario, molte sono le insidie che si va incontro, se l'autore non si documenta bene e non cura i dettagli storici, potrebbe incorrere in gravi errori di credibilità del libro stesso.
Nel nostro caso credo che l'autore sia riuscito, per almeno tre quarti del romanzo, a confondere perfettamente la realtà e la finzione narrativa, forse nella parte finale ci sono un po' troppi colpi di scena e intuiamo che la conclusione sia stata una libertà narrativa che l'autore si è concesso. Poco male, purtroppo di elementi e prove schiaccianti su quello che è successo veramente non ci sono e quindi Fabiano ha dato una sua conclusione alla storia.
Dobbiamo considerare anche che siamo di fronte a un libro d'esordio, un caso letterario a quanto posso leggere nella fascetta gialla del libro, che è in corso di traduzione in dieci paesi, quindi assolutamente mi sento di consigliare questo romanzo. La storia è interessante e poco conosciuta, il libro si legge velocemente perché si vuole scoprire cosa succederà alla fine, ai nostri commissari e cosa scopriranno su Geli.
Finalmente un buon libro nel panorama narrativo italiano.

Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri