Dettagli Recensione

 
Di luce propria
 
Di luce propria 2021-06-12 09:29:13 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    12 Giugno, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un fotografo speciale

Dopo aver pubblicato La masnà, Tutta questa vita, Destino, La figlia sbagliata, Respira con me, Raffaella Romagnolo pubblica Di luce propria, un romanzo storico di grande impatto narrativo.
Racconta la storia, complessa ed innovativa, di Antonio Casagrande. Abbandonato sulla ruota, avvolto in quella che si chiamava “Tela di Genova” o più comunemente “jeans”, cresce in orfanotrofio, in attesa di essere adottato. Ma lui è storpio, mezzo cieco e nessuno lo vuole. Un giorno, schierato insieme agli altri in un grande stanzone, ma al contempo diverso da tutti gli altri, viene scelto dal fotografo Alessandro Pavia, un uomo grande e grosso, che lui soprannomina Barbablu. Perché? Cosa la vita ha in serbo per lui, che si considera spacciato da sempre? Di qui si dipana una ricostruzione storica destinata ad essere ricordata perché lui, Antonio Casagrande, orfano su cui nessuno avrebbe mai scommesso nulla, è destinato a diventare testimone di un’impresa titanica:
“ritrarre tutti i partecipanti alla spedizione dei Mille di Garibaldi”.
Così Antonio diviene grande e :
“Fece ciò che non aveva mai smesso di fare da quando il suo padrone gli aveva insegnato i rudimenti dell’arte: misurare ombre, colori, profondità di campo e contrasto. Ma la consueta, esaltante sensazione di controllo sul Creato non sarebbe durata. Quel che ha importanza, disse a se stesso in un fulmineo istante di chiaroveggenza, quel che davvero conta risulta sempre offuscato.”
Un grande romanzo storico, frutto di costante ricerca e documentazione. Riporta il lettore all’indietro nel tempo, quando l’Italia era costituita, ma “bisognava fare gli italiani”, alla spedizione dei Mille, e alla figura di Garibaldi, ai funerali di Mazzini. Con un protagonista d’eccezione: Antonio Casagrande, il cui
“occhi cieco è luce pura. Non vede poco, vede troppo. E nel mirino della macchina fotografica, Antonio si prepara a sfidare la morte.”
Per gli amanti della storia, della fotografia. Intenso, preciso, avvincente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Che bella e toccante recensione, Ornella!
Il libro mi pare assai interessante. Un frammento di storia messo sotto la lente d'ingrandimento tramite accurate ricerche e tocco letterario.
Non so però quanto ci sia di documentato e quanto di puramente romanzato, e come vengano usati documenti e fonti. Personalmente, nel romanzo storico-biografico non amo il 'romanzato' ; preferisco l'uso rigoroso della documentazione, magari legato al processo di scoperta delle fonti da parte dell'autore.
Grazie Emilio.
il romanzo è romanzato, perdonami il bisticcio di parole. ovvero l'autrice prende la vita di un famoso personaggio e lo racconta a modo suo. ma è basato su approfondite ricerche e lei è molto precisa nei riscontri e nella terminologia. poi, ripeto, si tratta comunque di un romanzo. Ma è molto ben documentato. spero di aver risposto bene.... ciao
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri