Dettagli Recensione

 
Archimede. Il matematico che sfidò Roma
 
Archimede. Il matematico che sfidò Roma 2021-11-21 16:44:14 silvia71
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    21 Novembre, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cercando Archimede

Se ci mettiamo alla ricerca di un approfondimento sulla vita e le gesta dell’esimio Archimede, in realtà scopriremo che le notizie certe tramandateci sono esigue e poco attendibili a seguito di manipolazioni e mistificazioni.
Archimede vive a Siracusa a metà al III secolo a.c. e durante l’assedio romano con le proprie abilità nel campo della meccanica diventa una risorsa indispensabile di re Gerone per resistere agli attacchi messi in atto dai generali di Roma le cui mire espansionistiche impongono loro di dominare la Sicilia e il mar Mediterraneo.

Taluna aneddotica ce lo rappresenta come uomo solo, dedito unicamente agli studi e alla sperimentazione nel campo della geometria, matematica, ottica, astronomia; studi sfociati in scoperte e principi che gli hanno conferito una fama immortale.
Partendo dalle poche certezze fornite delle fonti storiche in merito alla collocazione spazio temporale, lo scritto di Francesco Grasso propone una ricostruzione romanzata dell’ultimo periodo vissuto dal matematico, diviso tra passione per la ricerca e la messa in atto delle proprie invenzioni tecniche e l’insegnamento a qualche nuovo discepolo volenteroso di apprendere. La voce narrante è affidata ad uno di questi ultimi giovani che ha affiancato il siracusano nelle giornate dedicate agli esperimenti, alle costruzioni di marchingegni ma che ne ha conosciuto anche le relazioni complesse con l’entourage del re e da ultimo con i familiari.

Il lavoro pecca di sostanza e soffrendo della vacuità documentale non riesce a sopperire ad essa con una nutrita ricostruzione che affondi a piene mani nel contesto storico, sociale e politico.
La proposta editoriale si presta ad un segmento di pubblico di giovanissimi da far avvicinare alla Storia in maniera leggera sia per contenuto sia per stile e linguaggio.
Lettura non adatta a chi ricerca profondità di contenuto in stretta relazione con l’utilizzo di una soddisfacente bibliografia.

Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Peccato!
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Lepanto nel cuore
La malalegna
Come vento cucito alla terra
La fortuna
La scelta
La tigre di Noto
L'alta fantasia
Le disobbedienti
L'amante del doge
L'inverno del pesco in fiore
Trema la notte
Il cielo sbagliato
La malinconia dei Crusich
Archimede. Il matematico che sfidò Roma
Di luce propria
La banda degli uomini