Dettagli Recensione

 
Gomorra
 
Gomorra 2012-07-09 08:35:17 Cristina72
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Cristina72 Opinione inserita da Cristina72    09 Luglio, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Maledetti bastardi, sono ancora vivo!”

“Robbe', cos'è un uomo senza laurea e con la pistola?”
“Uno stronzo con la pistola.”
“Bravo. Cos'è un uomo con la laurea senza pistola?”
“Uno stronzo con la laurea.”
“Bravo. Cos'è un uomo con la laurea e con la pistola?”
“Un uomo, papà!”
“Bravo, Robertino!”

Suo padre ce l'ha messa tutta per inculcargli un certo modo di stare al mondo, ma Roberto Saviano ha capito da solo che l'arma della parola non è meno potente, e ha deciso di usare quella per sentirsi un uomo.

Il suo libro più famoso, oltre a mettere drammaticamente in luce l'ambiente in cui è nato e cresciuto, dà l'esatta percezione del tempo in cui viviamo. Sensazione a volte fastidiosa ma necessaria, come la verità nuda e cruda.

Lo immagino percorrere chilometri con la Vespa attraverso la sua terra sfruttata, avvelenata, insanguinata, spinto dalla necessità di capire tutto, di conoscere a fondo le dinamiche di un'economia criminale di portata mondiale, che nasce in un territorio “dove la ferocia è annodata agli affari, dove niente ha valore se non genera potere”. Ferocia delle più brutali (ci sono pagine davvero sconvolgenti), mezzo veloce ed efficace per oliare all'occorrenza certi meccanismi inceppati.

“Gomorra” è un libro scomodo, tocca i nervi scoperti di molti e punta il dito contro il volto “pulito” del sistema, quello mondato dal sangue, che si afferma fuori dalle terre di camorra creando sviluppo e lasciandosi la “monnezza” alle spalle.

Perché questa è la logica di fondo del crimine: se qualcuno di camorra ci muore, qualcun altro ci vive, e alla grande. A tutti gli altri non resta che voltare la testa dall'altra parte e cercare di tirare a campare. Ribellarsi, rivendicare la forza della parola contro chi ti impone il silenzio, può costarti caro.
Ma Saviano è uno di quelli che ha scelto di correre il rischio, l'unico modo “per considerarsi ancora uomini degni di respirare”.

Nell'ultima pagina – fra le più intense - riprende le parole gridate a squarciagola da Papillon, l'evaso dalla Cayenna protagonista del romanzo di Henri Charrière e dell'omonimo film:
“Maledetti bastardi, sono ancora vivo!”. Messaggio rabbioso, intrepido grido di libertà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

6 risultati - visualizzati 1 - 6
Ordina 
Ho visto solo il film. Mi ha fatto un effetto strano: di vuoto ed inutilità personale al centro dello stomaco. Ho per tanto evitato il libro, non me la sono sentita... Ma anche il libro è interamente in gergo, giusto?
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
09 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
No, il libro è in italiano.
Io il film non l'ho visto proprio perché scoraggiata da quel dialetto incomprensibile.
In risposta ad un precedente commento
rivendell
09 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Sono belli entrambi, certo il film devi seguirlo leggendo i sottotitoli.
Non so cosa ne pensate voi ma, secondo me, Saviano dovrebbe continuare a scrivere libri o articoli giornalistici ed evitare la TV.
Io lo trovo noiosissimo in TV!
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
09 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
A me invece piace più ascoltarlo che leggerlo, secondo me sarebbe stato un ottimo insegnante. Certo, deve guardarsi dalla sovraesposizione mediatica.
complimenti Cristina !
la miglior recensione letta su Gomorra da quando è stato pubblicato il libro !!!
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
10 Luglio, 2012
Ultimo aggiornamento:
10 Luglio, 2012
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie Silvia, addirittura! :-)
6 risultati - visualizzati 1 - 6

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Léon
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri