Dettagli Recensione

 
Gomorra
 
Gomorra 2014-12-12 22:19:13 Rollo Tommasi
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Rollo Tommasi Opinione inserita da Rollo Tommasi    13 Dicembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Raccontare il male

Porto di Napoli. Un container sospeso a mezz'aria da una gru. Difetto di fabbricazione, o distrazione umana, o qualsiasi altro fattore imponderabile: uno sportello si apre, e grandinano giù cadaveri. Teste che si spaccano sull'asfalto. Ossa che si rompono. Corpi congelati che piovono dall'alto come chicchi di grandine, ma grossi come oblunghe meteoriti.
I cinesi che non muoiono mai: quel giorno (invece di sparire anonimamente dalla circolazione e riapparire salme nel paese di provenienza) si spappolano su una banchina portuale. Il gioco di prestigio è finito: scoperto il trucco. Trucco miserabile come tutto ciò che riguarda la criminalità organizzata. Che ha un solo scopo: accumulare soldi e potere sulla pelle di altri.

Avere ventisette anni. Infiltrarsi nei gradi più bassi della manovalanza criminale, per osservare con i propri occhi, per la necessità di capire. E poter semplicemente descrivere ciò che si è visto.
Non stupisce che “Gomorra”, tra i libri di impegno civile pubblicati in Italia negli ultimi decenni, sia diventato quello più venduto, più letto, più citato, più tradotto, più copiato.
Ha tra l'altro documentato la vergogna della “terra dei fuochi”, con grande anticipo rispetto a tante indagini successive (in parte le ha addirittura ispirate). Ha persino spiegato il perché di qualcosa che sembra essere fuori da ogni logica umana: “I boss non hanno avuto alcun tipo di remora a foderare di veleni i propri paesi, a lasciar marcire le terre che circoscrivono le proprie ville e i propri domini. La vita di un boss è breve, il potere di un clan tra faide, arresti, massacri ed ergastoli non può durare a lungo. Ingolfare di rifiuti tossici un territorio, circoscrivere i propri paesi di catene montuose di veleni può risultare un problema solo per chi possiede una dimensione di potere a lungo termine e con responsabilità sociale. Nel tempo immediato dell'affare c'è invece solo il margine di profitto elevato e nessuna controindicazione”. C'è una “logica dell'immediato”, nulla da dire... che però sulla lunga distanza non può che far pensare a come la banalità del male si sia evoluta: è ormai diventata la stupidità del male.

Quante volte abbiamo pensato (o magari dubitato) che un libro può cambiare le cose?
Roberto Saviano, pubblicando nel 2005 il suo primo saggio, ci riesce: la pubblica opinione inizia ad interessarsi di qualcosa di cui non sapeva nulla; lo Stato si mette alle calcagna di uno spietato clan camorristico – quello dei Casalesi (l'equivalente dei Corleonesi per la mafia, o dei Pesce per la 'ndrangheta) – e lo demolisce, smontandolo pezzo per pezzo. Perché lo Stato è più forte dei Casalesi? No, lo Stato non è più forte: non può esserlo perché è anche lo Stato dei Totò Cuffaro e dei Bruno Contrada (in attesa di una parola definitiva su personaggi come Nicola Cosentino o sui sospettati di aver condotto da protagonisti la trattativa con la mafia).
E' la legge ad essere più forte di qualunque organizzazione criminale. Solo quella.
E la legge non ha altra sostanza che la civiltà ed altra forma che la parola. Stessa sostanza e forma di cui, nei casi migliori, risulta essere fatto un libro...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Boh!... Potrei sbagliarmi ma non ricordo che, all'uscita di questo libro, ne esistessero altri concepiti allo stesso modo...
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2
Ordina 
Rollo Tommasi
13 Dicembre, 2014
Ultimo aggiornamento:
13 Dicembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
A chi può essere interessato:
nei 36 commenti che precedono quello sopra ce ne sono molti di grande livello e che riescono ad individuare aspetti del libro come nel mio non sono riuscito a fare. Vale la pena di consultarli.
In risposta ad un precedente commento
silvia71
13 Dicembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
il tuo commento Rollo è tra i più interessanti e meno retorici che ho letto su Gomorra!
Mi dovrò decidere a leggerlo, grazie
siti
13 Dicembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Bella chiusura di commento ma a me gli occhi di Saviano mi suscitano una tristezza infinita. Spero solo che lo STATO sia in grado di proteggerlo.
Gran bel commento, Rollo.
So abbastanza del libro, ma non l'ho letto.
A Silvia ed Emilio:
è un libro assolutamente unico nel modo in cui disegna il generale attraverso il particolare: riesce a spiegare un intero universo attraverso episodi. Sotto questo aspetto ha una forza enorme, e merita di essere letto.

A Laura:
capisco la tua sensazione. Saviano non si è trovato volutamente in questa situazione (lo ha spiegato tante volte): a me piace invece la sua determinazione nel continuare a raccontare, a puntualizzare, a contrastare il fenomeno criminale, essendosi reso conto che la strada imboccata ha un solo verso. Laddove altri avrebbero invece cercato di minimizzare., magari di "sottrarsi" a quanto già fatto. Sarebbe stata una mossa inutile: Saviano lo ha capito presto.
Mi basta leggere il tuo commento Rollo..... E' un libro che anche io dovrò decidermi a leggere....
Anche io devo decidermi a leggerlo. E' sempre bello leggere i commenti e le sfumature che porta ogni lettore a questo Saviano.
E' anche vero che legge non significa sempre giustizia, ma quella è un'altra storia :-)
Grazie a Francesca e C.U.B..
Per quanto riguarda la legge, Cristina, mi riferivo ad essa come parola scritta per sottintendere la forza della regola, dunque anche la giustizia che porta. Se poi, come pure accade, riteniamo che le leggi non sono tutte giuste, allora possiamo essere d'accordo. Ma questo può dipendente dall'imperfezione umana, o, più di frequente, dal fatto che anche i criminali arrivano, a volte, a scrivere la legge: non credo che sia il caso del nostro Paese, e nei paesi dove è accaduto, come la storia insegna, non resta che la rivoluzione o la guerra.
In risposta ad un precedente commento
Cristina72
16 Dicembre, 2014
Segnala questo commento ad un moderatore
Dimentichi le italianissime leggi ad personam ;-)
11 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il valore affettivo
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Gli occhi di Sara
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri