Gratitude Gratitude

Gratitude

Saggistica

Autore

Editore

Casa editrice


Ci son quelli che amano i bilanci, la nostalgia, tornare piuttosto che partire. Ci son quelli, invece, che guardano sempre avanti e preferiscono mille volte gli inizi alle conclusioni. Lorenzo Jovanotti Cherubini è uno così, uno che, non appena finisce un disco, non vede l'ora di farne uno nuovo. Ma anche per quelli come lui arriva prima o poi il momento di volgere lo sguardo all'indietro e fare, se non un vero e proprio bilancio, almeno un backup. Per liberare spazio salvando il passato. A venticinque anni da È qui la festa?, il suo primo grande successo, Lorenzo Cherubini tira il fiato e si racconta: la passione per il rap, le notti in consolle, gli inizi a Radio Deejay e, all'improvviso, la sensazione di essere al centro della scena della musica italiana, senza sapere bene come. E poi i viaggi, le idee, le canzoni scritte di getto e subito incise, o quelle tenute in un cassetto per anni. Come Bella, rimasta musica fino all'arrivo della moglie Francesca. Sì, perché c'è anche questo in Gratitude, c'è forse soprattutto questo: l'ispirazione che viene dalle persone e dall'amore per le persone. La donna della vita, un fratello che non c'è più ma che si sente sempre...

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuti 
 
4.0  (2)
Approfondimento 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Gratitude 2014-05-13 10:53:56 Sydbar
Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Sydbar Opinione inserita da Sydbar    13 Mag, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gratitude=Gratitudine

Approcciarsi ad una biografia è sempre un'incognita, in fondo è la storia della vita di un individuo, noi non possimo giudicarla perchè come si diceva in Radiofreccia "Noi non sappiamo proprio un ca... della vita di un altro".
In questo caso la cosa però è più semplice perchè Gratitude è la storia dei primi 25 anni di carriera di uno dei personaggi dello spettacolo più popolari d'Italia...Jovanotti al secolo Lorenzo Cherubini.
Ho trovato quest'opera all'interno del mega cofanetto BackUp e ho voluto attendere il momento più appropriato per leggerlo, forse per tirarmi un po' su da una serie di stati di sconforto.
Lorenzo racconta ogni concepimento gestazione e parto delle sue opere dalle quali immediatamente scaturisce uno sviluppo dal vivo in concerti.
Alcune cose le conosciamo davvero tutti anche senza dover leggere il libro, altre sono delle grandi rivelazioni ma poi francamente non sono poi così tante.
Sicuramente Lorenzo è stato "Un ragazzo fortunato" anche perchè molto giovane ha avuto la possibilità di lasciarsi catapultare nel mondo che più si adatta alla sua persona...quello della musica, quella che ti parte da dentro che si improvvisa e per i lettori come il sottoscritto rimangono indelebili quelle prime uscite su DJ Television o su Radio DJ, quella moda del cappellino BOY, del jeans di una nota marca e di una America stelle e strisce a cui questo artista si è ispirato nei primi anni.
Per me è stato molto malinconico l'inizio dell'opera anche se mi aspettavo, soprattutto per alcuni passaggi, un po' più di approfondimenti e curiosità.
L'opera scorre liscia come una bella canzone che segue il suo ritmo, il suo groove, le sue rime e le sue improvvisazioni come gli spettacoli live dell'autore.
Forse si poteva concedere maggiormente il "nostro" signor Cherubini, in alcuni passaggi è davvero poco convincente e fugace però per chi ha scandito con una parte della sua musica alcuni momenti della propria vita, la lettura di questa biografia era imprescindibile.
Gratitudine per quanto ci hai donato in questi 25 anni.
Buona lettura a tutti.
Syd

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Biografie
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Gratitude 2013-12-12 08:24:33 C.U.B.
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    12 Dicembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un ragazzo fortunato

Correva l'anno 1985 e lui era poco piu' che un ragazzino, erano i giorni della sua prima canzone, del suo primo disco e di lì a poco sarebbe arrivata la chiamata di Claudio Cecchetto a cambiargli la vita.
Io ero poco piu' che una bambina, ma fremevano gli anni, giravano i dischi e in quegli impianti stereo mastodontici degli anni Novanta la sua musica era sempre piu' diffusa e io sempre lì, dieci anni indietro suppergiu' a rincorrerlo.
Joe Vanotti, il nome italoamericano che per un errore tipografico si legge diversamente, ma si pronuncia uguale. Jovanotti, questo ragazzone di quasi 50 anni che dice di non saper cantare o suonare uno strumento ma che continua a saltare e sorridere e comporre canzoni e mixare energia, a cui spesso direi grazie, perche' mi carica di buonumore. 
Se amate la sua musica e i suoi testi certamente apprezzerete anche questa autobiografia  in cui Lorenzo racconta la sua carriera e poi l'amore, i viaggi, i libri, le idee, gli errori.
Leggendo la sensazione e' di primavera, magari che ne so, all'Arena di Verona in una pausa prova, coi piedi penzoloni dal palco e un Chinotto in mano, lui parla e tu ascolti. E mentre ascolti dici bello fare un passo indietro e scoprire di sapere ancora a memoria le sue prime canzoni piu' immature, quelle a cui non pensi da vent'anni. Bello avvertire un brivido quando cita proprio il tuo titolo preferito.
Con una scrittura semplice e colloquiale, ripercorrere la sua evoluzione professionale e momenti intimi della sua vita mi ha emozionata, mi ha commossa piu' volte perche' a me questo  tipo piace da matti.
E se lo leggo così come se lo ascolto penso positivo, e mi scopro a sorridere per 176 pagine con quel bellissimo sorriso ebete che ha il lettore -ovunque- quando sta solo col suo libro. E tra una jella e l'altra ci scappa che mi senta pure io una ragazza fortunata. 
Essenzialmente lui, in ogni parola del testo. Se con lui state bene non perdetevi il libro, corredato tra l'altro di belle foto e di citazioni dalla sua letteratura preferita.
Buona lettura, che e' un po' come un concerto, sia durante che dopo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
300
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri