Otello Otello

Otello

Saggistica

Editore

Casa editrice


Il moro Otello sposa segretamente Desdemona, figlia di un senatore veneziano, e deve scagionarsi davanti al doge dall'accusa di averla sedotta con la forza. Viene poi mandato a difendere Cipro e Desdemona ottiene di seguirlo. Con loro c'è Jago, geloso di Cassio che riesce far ubriacare e far cadere in disgrazia. Cassio viene spinto a chiedere l'intercessione di Desdemona, Jago invece fa credere a Otello che Cassio sia l'amante della moglie. Otello, reso folle dalla gelosia, ordina a Roderigo di uccidere Cassio e soffoca lui stesso Desdemona. Ma Roderigo muore ucciso da Jago e sul suo corpo vengono trovate lettere che provano l'innocenza di Cassio. Otello, disperato, si uccide.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuti 
 
5.0  (2)
Approfondimento 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Otello 2016-02-28 10:47:32 Valerio91
Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    28 Febbraio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La gelosia e la parola

Ed eccomi qui, alle prese con il secondo appuntamento consecutivo con il caro Shakespeare, appuntamento che non si è rivelato meno proficuo e ricco del primo.
Con il suo inconfondibile stile, William ci porta a scrutare le conseguenze che porta un'altra delle sfaccettature dell'animo umano, se portata all'estremo.
Se per Macbeth era l'ambizione, per l'Otello parliamo della gelosia.

Otello, anche detto il Moro, è un rinomato generale al servizio della Repubblica di Venezia, distintosi per il valore dimostrato in battaglia (come Macbeth).
Otello sposa la giovane e bella Desdemona, che pur di convolare a nozze con lui è disposta a scappare da suo padre, tanto è l'amore che prova per il suo Otello.
Con la minaccia turca alle porte di Cipro però, il Moro non può ancora godersi i benefici delle nozze, e sarà inviato lì per fare da governatore e fronteggiare i nemici in arrivo. Me ben altri e ben più temibili saranno i nemici che si troverà ad affrontare.
Si recherà lì insieme alla stessa Desdemona, al suo fedele luogotenente Cassio e al suo diabolico alfiere Iago. Sarà proprio quest'ultimo, alla disperata ricerca di trarne dei vantaggi personali, a provocare l'immensa tragedia descritta in questo libro. Con le sue trame diaboliche e le sue menzogne, tesserà una tela nella quale intrappolerà tutti, anche sé stesso. Introdurrà nella mente di Otello il tarlo della gelosia, in modo meschino e subdolo. Viste dall'esterno, le prove che Iago offre a Otello riguardo l'infedeltà di Desdemona sono di scarso valore, ma Shakespeare vuole mettere in risalto proprio questo concetto: "[...] inezie leggere come l'aria sono per il geloso conferme forti come l'evidenza delle Sacre Scritture".
Ed è proprio così, Otello viene reso pazzo dalla gelosia infondata che Iago fomenta in lui, che scaturisce dal suo troppo amore e dal possesso, e lascia che i suoi occhi e il suo cuore lo ingannino enormemente. La realtà disegnata da quegli occhi contaminati dalla gelosia è lontana un'abisso da quella pura e vera, eppure agli occhi del Moro appare inconfutabile. Il mondo di Otello è nero, il suo amore Desdemona diventa una prostituta, il suo fedele servitore Cassio diventa un traditore, mentre l'unico a salvarsi dal suo severo giudizio è Iago, che invece di apparire come il diavolo che è in realtà, gli appare come un angelo onesto al quale deve tutto. La gelosia può dar vita a mostri che nel mondo reale non esistono nemmeno in minima parte, e quest'ultima può devastare un uomo, quando viene fomentata dalle parole.
Le parole. Esse hanno un potere che nemmeno la spada. Si insinuano silenziose nelle nostre fibre vitali, le corrompono, pizzicano violentemente le corde del nostro cuore, inebetiscono la mente più lucida e sono in grado di renderla folle. Semplici parole, pronunciate da un diavolo come Iago, che le adopera senza alcun freno, hanno potuto ferire, uccidere, dannare nel corpo e nell'anima. Tutto a causa della parola e della sua parente più prossima, la menzogna. Esse costruiscono un castello di carte composto dalle vite con le quali giocano, ed esse stesse si trasformano nel soffio di vento che quelle vite poi distrugge.
Quando l'uomo diventa schiavo delle proprie passioni, è in quel momento che la rovina si nasconde dietro l'angolo. È stato così per Macbeth, è stato così per Otello, può essere così per qualunque uomo.

"Guardatevi, mio signore, dalla gelosia! È il mostro dagli occhi verdi che schernisce la carne di cui si nutre. Beato vive il cornuto che, certo del suo destino, non ama chi gli fa torto. Ma oh!, quali minuti maledetti conta chi stravede eppure dubita, sospetta eppure ama con passione!"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

Otello 2015-01-23 14:09:01 FrankMoles
Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0
Contenuti 
 
5.0
Approfondimento 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
FrankMoles Opinione inserita da FrankMoles    23 Gennaio, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'inspiegabilità del male

Otello, detto “Il Moro”, è un comandante al servizio di Venezia che ha sposato Desdemona, figlia del nobile senatore Brabanzio; questo viene informato del matrimonio “innaturale” da Roderigo, aspirante alla mano di Desdemona e pertanto istigato da Iago, alfiere di Otello che tuttavia trama alle sue spalle per un presunto torto di letto e per un torto d’onore: Otello ha infatti nominato come suo luogotenente Cassio e non lui. Otello viene incaricato dal doge di andare a Cipro per allontanare i Turchi e lo segue anche la sua sposa. Lì Iago, forte della fiducia, più volte affermata, di Roderigo, Cassio e Otello, riesce a far destituire Cassio dalla sua posizione col contributo di Roderigo. Inoltre egli insinua nella mente del Moro il sospetto che Cassio sia divenuto l’amante della sua sposa, infiammando l’animo del generale con prove ingannevolmente addotte, su tutte un fazzoletto che Otello aveva regalato a Desdemona e che sua moglie Emilia, amica di quest’ultima, gli aveva procurato trovandolo per terra: Iago fa credere a Otello che Cassio ne fosse in possesso, il che diventa per lui la prova definitiva. Schiacciato dalla gelosia che ha ormai sconfitto il suo sentimento d’amore, il Moro, aizzato ancora una volta da Iago, uccide di notte Desdemona, la quale fino all’ultimo reclama la sua incolpevolezza e ribadisce il suo amore di fronte a tutto. Sopraggiunge dunque Emilia, che viene a scoprire dunque l’inganno ordito da suo marito. Quando tutti giungono e scoprono la morte di Desdemona, la donna rivela le trame di Iago, il quale nel frattempo si era liberato con l’inganno di Roderigo, ma non aveva potuto far lo stesso con Cassio. L’alfiere di Otello uccide su due piedi la moglie, ma subito dopo il Moro, colpito dai rimorsi della verità, si uccide a sua volta in nome del suo amore. Iago viene quindi portato via, ma alla confessione preferisce il silenzio e la tortura, mentre Cassio prende il posto di Otello.

La tragedia è palesemente giocata sulle opposizioni tra i personaggi che la popolano. Otello e Iago sono ritratti in maniera diametralmente opposta a partire dal colore della pelle, elemento significativamente sovvertitore del tradizionale simbolismo che vedeva riflessi nel bianco la purezza e l’onore e nel nero la barbaria e il satanismo. Essi dunque ben rappresentano l’inganno cui la realtà spesso sottopone gli uomini, troppo superficiali per andar oltre i loro sensi. Ai due uomini corrispondono due donne, che, sebbene non messe in contrapposizione, rivelano inevitabilmente il divario tra loro esistente in termini sociali e morali attraverso i loro discorsi e le loro azioni, pure tenendosi sempre fedeli l’una all’altra.

Il personaggio di Otello contiene in sé l’instabilità delle passioni umane che tutti noi esperiamo quotidianamente. In lui il trapasso da un’emozione all’altra avviene quasi inavvertitamente, con una naturalezza tipica dei più riusciti personaggi shakespeariani, individui comuni e al tempo stesso unici nel loro genere. Ecco dunque che il Moro passa in un attimo dall’amore all’odio, dalla dolcezza al furore della gelosia, dalla cieca e sorda follia omicida all’amaro pentimento; passaggi bruschi e continui determinati, come nella vita di tutti i giorni, da avvenimenti, parole e pensieri indotti parimenti dal mondo interiore e da quello esterno. Al contrario Desdemona, forse il personaggio più irreale della tragedia, si fa portavoce della stabilità: ella non contravviene mai all’ordine prestabilito, non ribellandosi al suo amato, nemmeno quando è sul punto di ucciderla, e facendosi immagine della perfezione morale in accordo alla cristianità. Il suo saldo e intoccabile amore sopravvive a tutte le pene che il suo nobile cuore le procura, conferendole quasi un’aura di divinità, soprattutto se paragonata alla schietta umanità di Emilia. Tutti i personaggi sono tuttavia sovrastati da Iago, fin dall’inizio vero protagonista della tragedia. In grado di catalizzare l’attenzione su di sé, l’alfiere di Otello palesa fin da subito i suoi intenti, comunicati al pubblico in una continua rottura dell’illusione scenica attraverso monologhi che, oltre ad accrescere il pathos, poiché l’informazione è sempre incompleta, ne evidenziano il carattere. Iago è un infido, in grado di manipolare tutto e tutti a suo piacimento, facendo leva sull’immeritata fedeltà che tutti gli riconoscono (Roderigo, Cassio, Otello, Desdemona). Può essere considerato una sorta di anti-Amleto: a differenza dell’altro celebre personaggio shakespeariano, in cui il pensiero soverchia l’azione rendendolo incapace di agire secondo il suo destino per 4 atti, Iago fin dal primo atto agisce senza ritegno, servendosi delle sue parole ingannatrici e sibilline affinché gli altri si comportino secondo i suoi piani e intervenendo senza esitazione in prima persona quando necessario. Ma quali sono i suoi scopi? Iago pretende di vendicare un non meglio precisato “furto” di donna subito da Otello e la mancata nomina come luogotenente. Tuttavia, ciò che di lui stupisce, meravigliando e sconvolgendo al tempo stesso, è l’assoluta indifferenza con cui gioca con le emozioni e le aspirazioni degli altri. Egli ha evidentemente il controllo della situazione, grazie alla forza del suo multiforme linguaggio, capace di mascherare la verità come più opportuno in ogni situazione, servendosi tanto di oscene licenziosità quanto di pungenti reticenze. La sua estraneità a qualsiasi tipo di morale ne fa un personaggio emblematico in quanto freddo e lucido calcolatore la cui soddisfazione risiede solo nel portare a compimento le sue trame, a confronto delle quali le giustificazioni addotte nient’altro sono che pretesti per compiere il male senza il benché minimo bagliore di pentimento. Il suo silenzio finale, segno di disinteresse anche nei confronti della propria sorte oltre che di quella altrui, è una delle più ardite e intelligenti trovate di Shakespeare, in grado di svelare una tragica e misteriosa verità sulla natura dell’uomo: il male esiste, ma non è spiegabile.

Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Elefante a sorpresa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ladra di frutta
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La foresta d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La danza del Gorilla
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri