Malamore Malamore

Malamore

Saggistica

Editore

Casa editrice


"Le donne hanno più confidenza con il dolore. È un compagno di vita, è un nemico tanto familiare da essere quasi amico. Ci si convive, è normale. Strillare disperde le energie, lamentarsi non serve. Trasformarlo, invece: ecco cosa serve. Trasformare il dolore in forza. È una lezione antica, una sapienza muta e segreta: ciascuna lo sa. Le storie qui raccolte sono scie luminose, stelle cadenti che illuminano a volte molto da lontano una grande domanda: cosa ci induce a non respingere, anzi a convivere con la violenza? Perché sopporta chi sopporta, e come fa? Quanto è alta la posta in palio? Alcune soccombono, molte muoiono, moltissime dividono l'esistenza con una privata, indicibile, quotidiana penitenza. Alcune ce la fanno, qualche altra trova nell'accettazione del male le risorse per dire, per fare quel che altrimenti non avrebbe potuto. Sono, alla fine, gesti ordinari. Chiunque può capirlo misurandolo su di sé. Sono esercizi di resistenza al dolore."

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.5  (2)
Contenuti 
 
2.5  (2)
Approfondimento 
 
2.5  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Malamore 2015-08-30 13:19:31 mia77
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
mia77 Opinione inserita da mia77    30 Agosto, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Malamore di Concita de Gregorio

Questo interessante libro di Concita de Gregorio propone molteplici testi, che offrono una ricostruzione del genere femminile sotto la lente d'ingrandimento del "dolore"e della capacità di sopportazione, che entrano sempre in gioco nel legame tra donna e uomo, qualunque esso sia. Esiste una consapevolezza della debolezza maschile e una presunta forza femminile che si esercita nel tollerare la sopraffazione. Un eccesso di considerazione di sé: sarò capace di aspettare, di gestire la tua ira perché ne conosco l'origine. Concita de Gregorio ha indagato questa rischiosa illusione attraverso storie vere di donne che cercano di resistere ad abusi quotidiani. Il sopruso quotidiano subìto da molte donne, vittime delle circostanze e di uomini indegni, ma spesso anche di se stesse, abbandonate al proprio insano desiderio di dimostrarsi forti, invincibili, di mettersi alla prova anche a costo di sprecare la propria vita, deprezzarla e spesso perderla. Infatti, se la forza bruta e le sue esibizioni più esteriori sono appannaggio del sesso maschile, la millenaria arte della resistenza sottile e costante a un dolore continuo è cosa femminile. Il malamore è una pianta maligna la cui devota cura ha esiti catastrofici, e che deve essere sradicata senza esitazioni. Dargli acqua ogni giorno, alzare l'asticella della resistenza al dolore è una folle tentazione che può costare la vita.
Sempre efficiente questa scrittrice e giornalista, che avevo già apprezzato nel suo ultimo libro e che continuerò ad approfondire per il suo stile, il suo pensiero, la sua fermezza e la sua efficacia. In questo libro ho sottolineato svariate frasi che mi hanno colpita, tra queste ne ho selezionate due per chi non avrà la possibilità di leggerlo:
"Vince chi sa aprire la porta e guardare "con occhi più grandi". Non chi rifiuta di vedere, non chi per paura o soggezione non apre neppure, non vuol sapere né sentire. Vince chi apre, chi guarda, chi resta fermo e guarda meglio, poi richiude, torna su per le scale. Vince chi va all'inferno e ritorna" e ancora "I gatti mangiano i topi ed è inutile cucinare loro carciofi. La più grande prova di forza è affrancarsene, liberarsi di loro, imparare a evitarli, lasciarli soli. Questo sì è uno straordinario successo: non dover dimostrare più niente, non mettersi alla prova. Non affezionarsi all'errore. Non difendere la cattiva scelta... Non si indossano uomini che ci fanno stare peggio. Non ci si mette addosso qualcosa, qualcuno che ci sciupa. Sappiatelo, bambine, e ora andate sole".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Malamore 2008-10-05 20:29:41 Simona Ventola
Voto medio 
 
1.0
Stile 
 
1.0
Contenuti 
 
1.0
Approfondimento 
 
1.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Simona Ventola    05 Ottobre, 2008

Malamore

Di questo enorme dolore la De Gregorio fa uno scudo, diventa una scusante per non cambiare, per sopportare e trasformarsi in eroine o per infliggere agli altri sotto sotto anche se con altre forme la stessa violenza. Del dolore occorre liberarsi, non esserne vittime compiacenti, o eroine sadiche.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri