Saggistica Storia e biografie Suzanne Valadon. L'amore felino
 

Suzanne Valadon. L'amore felino Suzanne Valadon. L'amore felino

Suzanne Valadon. L'amore felino

Saggistica

Editore

Casa editrice


Marina Alberghini, fiorentina, laureata in Storia dell'Arte e in Pittura, è incisore e storica felina. Vive a Fiesole con tredici gatti e due cani. Esperta di letteratura francese, ha curato per Mursia le traduzioni italiane di opere di Pierre Loti e Thèophile Gautier, oltre a diverse antologie. Sempre con Mursia ha pubblicato Jacopo Bassano e il suo gatto, Il gatto cosmico di Paul Klee, L'ombra del gatto, All'ombra del gatto nero, La notte incantata, Un gioiello per il re e la prima biografia italiana di Céline, Louis-Ferdinand Céline-gatto rendagio, vincitore del Premio Firenze, Fiorino d'oro per la saggistica. È membro della Società d'Etudes céliniennes, Presidente dell'Accademia dei Gatti Magici, consigliere degli Artisti Fiesolani ed è presente nel Dizionario Scrittrici toscane del Novecento.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuti 
 
4.0  (2)
Approfondimento 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Scorrevolezza della lettura
Contenuti*  
Interesse suscitato
Approfondimento*  
Grado di approfondimento dei temi trattati
Piacevolezza*  
Grado di soddisfazione al termine della lettura
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Suzanne Valadon. L'amore felino 2015-08-11 12:26:12 Mian88
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    11 Agosto, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Dare – Amare – Dipingere "

Classe 1865 Marie-Clèmentine Valadon, in arte Suzanne Valadon, per tutta la sua vita fece dell'espressione ” Non io!” la sua colonna portante.
Figlia di una lavandaia dall'animo bigotto e dallo spirito spezzato dalle avversità della vita, si trasferì all'età di soli 5 anni in quel di Montmartre e se così non fosse stato probabilmente non avremmo mai conosciuto questa donna né saremmo mai stati arricchiti dal suo pensiero che dalle sue opere.
La piccola statura propria dell'artista non rispecchiava certo la versatilità della stessa, anzi! Chiunque conoscesse Marie avrebbe certo concluso che le “dimensioni” non le rendevano giustizia perché dentro ella era un vulcano in eruzione di idee, carisma, emozioni.
La sua bellezza era diversa da quella delle coetanee del tempo; i folti capelli ramati incorniciati a quel viso austero dalla pelle leggermente bruna, avvalorati da quegli occhi grandi ed espressivi e dall'assenza di quella bocca a cuore bensì da zigomi alti e pronunciati, a cui si aggiungeva un naturale portamento regale, la rendevano una creatura a cui alcun uomo poteva anche solo auspicare di poter opporre resistenza.
Bramosa di imparare la giovane desiderava studiare ma la povertà e la necessità di lavorare la strapparono dai libri tra i nove e i dieci anni. Nella sua vita conobbe la mendicanza e quando le opportunità dei lavori canonici quale far da sarta, prostituta o cuoca le si prospettarono davanti ella rispose: -”Non io!”-. In particolare, in merito al secondo, fu ben lieta di concedersi ma in tutta libertà e soltanto quando ella stessa lo avrebbe desiderato, un pensiero ben lontano dalla mentalità ottocentesca.
Avrebbe sfruttato la sua bellezza dedicandosi a far da modella, musa ispiratrice ai grandi pittori del tempo quali Renoir, Toulouse-Lautrec, Degas, Puvis, e molti altri ancora. Ma il suo scopo finale non era questo, voleva andare oltre, voleva dipingere, essere lei stessa l'artefice di quell'arte che per tanti anni la vedeva protagonista di quelle tele.
Ed anche quando, all'età di diciotto anni, rimase incinta si rifiutò di abortire perché per lei nessun essere doveva essere privato della vita. Vane furono le raccomandazioni della madre che anzi fu la causa della successiva rovina di quel nascituro, Maurice Utrillo, che già all'età di tredici anni fu da questa avviato all'alcolismo puro e semplice. La nonna non sapeva infatti come gestire quegli sbalzi d'umore che caratterizzavano il giovane, non aveva gli strumenti per identificare la malattia mentale che lo aveva colpito, e così per placare lo stato di agitazione in cui soventemente questo cadeva gli somministrava l'alcol quasi come se fosse una medicina.
L'animo di Suzanne fu sempre incline alla protezione degli animali, cani, gatti e non solo. Veniva dalla strada la nostra artista e mai avrebbe negato asilo ad un esserino bisognoso anche e soprattutto negli anni della guerra. Fu così che, durante questi anni, raccolse da terra un gatto rosso, forse pelle e ossa, ma orgoglioso ed inarrestabile come lei. Perché alla fine la nostra protagonista altro non era che l'umanificazione di un felino. La sua personalità, le sue movenze ne rispecchiavano interamente i caratteri. Raminou, il meraviglioso micio rosso, diventò il suo principale soggetto pittorico nonché suo ispiratore e fedele alleato. Per una strega veniva presa durante le sue passeggiate la donna, era strano per gli altri abitanti vederla con in spalla quel piccolo animale che mai da questa si staccava, fiero e lieto di esser con la sua mamma gatta. Altro non erano che ineguagliabilmente inseparabili i due perché una cosa sola.
La particolarità di questo romanzo risiede ne binomio artista-animale da compagnia. Il testo si apre con l'affermarsi del famoso Chat Noir e con il susseguirsi di pittori, musicisti, letterati di un tempo di svolta per la società umana, un clima di novità di cambiamento che ha lasciato ai posteri un tesoro inestimabile.
E solcando il cammino di Suzanne il lettore scoprirà caratteri sconosciuti di Renoir, la meticolosità quasi maniacale in Degas, la rigida metrica di Satie, la passione di Lautrec, la classicità di Puvis de Chevannes e molto altro ancora. Tutti autori, tranne uno di cui vi lascio il piacere di venire da soli a conoscenza, felicemente affiancati dalla presenza animale in particolare felina.
Un misto tra favola e realtà a causa del mixarsi di un ritmo che unisce narrazione a voce diretta con tanto di citazioni e dialoghi. Dettaglio che talvolta risulta eccessivo se si considera la quantità di punti esclamativi che ne scandiscono le pagine nonché la farraginosa scorrevolezza che in taluni casi costringe alla rilettura.
L'epoca narrata è irresistibile, è semplicemente affascinante. E quando l'amore tra umano-animale è sincero, nemmeno la morte sarà in grado di spezzare quel filo rosso che lega i due viventi. Ce lo dimostrano le ultime righe dello scritto:
“Ogni tanto, al cimitero di Montmartre, si potrà vedere una strana coppia, un ometto minuto che tiene in braccio un vecchio gatto rosso. Sostano a lungo davanti a una tomba semplicissima, sulla quale è un medaglione con un cuore che ha nel centro una rosa, e la scritta: “Dare – Amare – Dipingere”-.
Una chicca di rara bellezza in sole 93 pagine, un romanzo capace di arricchire e di trasmettere emozioni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
come in copertina consigliato: “Per i gatti che amano le donne, per le donne che amano i gatti, per coloro che amano entrambi”.
Ma non lasciatevi ingannare dalla presenza felina, è adatto a tutti coloro che amano l'arte ed hanno piacere di leggere un testo di arricchimento.
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Suzanne Valadon. L'amore felino 2015-07-09 10:24:39 C.U.B.
Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
3.0
Contenuti 
 
4.0
Approfondimento 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    09 Luglio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Artisti di Montmartre : Suzanne e Raminou

Nata nel 1865 da una lavandaia e un padre sconosciuto, Marie-Clèmentine Valadon si trasferì presto a Montmartre. Piccola di statura e bellissima, i folti capelli scuri ed i grandi occhi blu incoronavano quel portamento regale, quella avvenenza carismatica a cui gli uomini non sapevano opporre resistenza. 
Modella,  musa ispiratrice di grandi pittori come Renoir e Toulouse-Lautrec , Degas, Puvis. Testarda e anticonformista, libertina amante di molti degli artisti che la immortalarono in preziose tele, non si piego' davanti alle raccomandazioni della madre quando incinta si rifiuto' di abortire quel figlio senza padre. Marie-Clèmentine era solare, allegra, amava la vita e il bambino era vita, oltre ogni diceria, oltre la poverta'. Amava anche disegnare, dipingere, e su consiglio di Lautrec cambio' nome diventando Suzanne, piu' adatto ai colori accesi delle sue opere. 
Suzanne che proteggeva gli animali, che aiutava i randagi anche negli stenti della guerra. Fu  così che raccolse da terra un gatto rosso, pelle e ossa ma altero, sensuale, vincente come lei. Raminou che la pittrice si porta sulla spalla, come fossero una cosa sola. Raminou che lei ritrae nei suoi dipinti, occhi negli occhi, sorridente e misterioso, malizioso sembra cercare un contatto alieno con quelle pupille che ti fissano.Che fissano Suzanne .

Successe un giorno in cui riflettevo su quanto i nostri animali domestici spesso ci assomiglino. Osservando delle foto storiche di artisti accanto ai loro cuccioli mi imbattei in questo titolo di Marina Alberghini, che ha avuto il merito di proporre una prospettiva molto originale: raccontare la biografia di grandi nomi accostandoli alle figure dei loro fedeli compagni di vita. Il testo, al cui stile attribuisco un voto medio per l'abbondanza di punti esclamativi che detesto, e' piuttosto insolito. Poco tecnico ma nemmeno romanzato, il ritmo mischia una narrazione che a volte sa di favola, a volte sembra la voce diretta di qualcuno che visse effettivamente il frizzante spirito di Montmartre. Tra stralci di frasi realmente pronunciate e immagini di quadri,  la vita della Valadon scorre dall'atelier del conte Puvis de Chavannes, o da Rue Cortot dove l'allegro Pierre Auguste Renoir si innamorò del suo giardino, o dal grande studio di Lautrec nel Boulevard de Clichy.
Un'epoca speciale, un pullulare di intellettuali e artisti, una donna ostinatamente libera votata alla vita, nonostante le restrizioni dei tempi. Fino alle ultime pagine, dove un vecchio gatto rosso sosta davanti a una tomba di semplice fattura, al cimitero di Montmartre.
Diverso, una chicca. Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri