Narrativa italiana Classici Le sottilissime astuzie di Bertoldo
 

Le sottilissime astuzie di Bertoldo Le sottilissime astuzie di Bertoldo

Le sottilissime astuzie di Bertoldo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

"Le sottilissime astuzie di Bertoldo", testo divertente e spregiudicato, nasce dall'incontro di tecniche espressive diverse: il proverbio, l'indovinello, la farsa, la commedia, la favola. Giulio Cesare Croce (San Giovanni in Persiceto, 1550 - Bologna, 1609), che fu scrittore di teatro ed esperto di trame, si orienta verso la farsa popolare svincolandosi dalla moralità medievale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le sottilissime astuzie di Bertoldo 2012-04-04 07:59:51 Nadiezda
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    04 Aprile, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Contadino, scarpa grossa cervello fino

Dalle mie parti, si usa spesso dire “anca Bertoldo el xe gà confessà ridendo” che significa “anche Bertoldo si è confessato ridendo”.
Proprio questo detto mi ha richiamato un piccolo classico della narrativa italiana.

Scritto nel 1606 da Giulio Cesare Croce è uno dei pochi testi della nostra letteratura che tratta di vita popolare.

Si tratta di un classico pieno di umorismo e sapienza popolare.

Nel testo si parla di Bertoldo, un rozzo contadino che vuole rivendicare di fronte ai potenti la dignità della classe contadina, utilizzando il detto “A Carnevale ogni scherzo vale” il protagonista si “confessa ridendo” alla corte del re Alboino.

È un’opera composta da diversi stili: il proverbio, l'indovinello, la farsa, la commedia e la favola.

Il dialogo è rapido e diretto, le descrizioni colorite, proprio come quelle di un contadino.

La comicità di Bertoldo è piena di ferocia verso i ricchi, ma questa sua astuzia lo porterà lontano.

La scrittura è di altri tempi, ma viene facilitata dalle note a fondo pagina.

Cosa aggiungere?

Leggetelo, non ve ne pentirete!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Classici sulla vita contadina
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri