Narrativa italiana Classici Dopo il divorzio
 

Dopo il divorzio Dopo il divorzio

Dopo il divorzio

Letteratura italiana



Dopo il divorzio è un romanzo di Grazia Deledda pubblicato nel 1902 in un periodo in cui già da diversi anni era in corso una animato dibattito sull'introduzione del divorzio in Italia. I protagonisti sono Costantino Ledda e la moglie Giovanna Era. Constantino è condannato con l'accusa di aver ucciso un suo zio. Nonostante sia innocente, accetta il verdetto per amore della moglie Giovanna. Quest'ultima con l'assenza del marito non ha più possibilità di mandare avanti la sua famiglia, così divorzia dal marito e sposa un ricco ma malvagio proprietario terriero. Nel frattempo Constantino, dopo la confessione dell'autore dell'omicidio, viene liberato e con Giovanna inizia una relazione proibita.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Dopo il divorzio 2017-04-12 11:08:32 antonelladimartino
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
antonelladimartino Opinione inserita da antonelladimartino    12 Aprile, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN VISO GIALLO D’UCCELLO RAPACE

Questo è uno dei suoi primi romanzi di Grazia Deledda, tra i meno conosciuti. Scritto nel 1902, quando la donna è poco più che trentenne, sposata da poco, studiosa di etnologia, scrittrice ancora lontana dalle opere della maturità e dal Premio Nobel. Proprio in quel periodo, in Italia il divorzio è materia di discussione: c’è perfino una proposta di legge, ma è troppo presto, ci vorranno circa settant’anni per intaccare i privilegi della Sacra Rota.

La scrittura ha ancora un sapore acerbo, ma proprio per questo appetibile. In questo romanzo si sentono chiaramente le intenzioni autoriali, che prendono la parola nel dibattito politico di allora e documentano gli studi sul folklore e la tradizione sarda. Le inclinazioni didattiche sono talmente esplicite che non penalizzano la fruizione di una scrittura fresca, dal sapore acerbo ma intenso.

Grazia Deledda eccelle soprattutto nel raccontare per immagini la sua terra, il suo cielo, e il mutare degli umori e delle stagioni. Le sue descrizioni sono più che cinematografiche, non ci consentono soltanto di camminare accanto ai suoi personaggi ma ci sommergono fino a farci sentire gli odori domestici e selvatici, il calore del sole e del vento, il sapore dei maccheroni e del pane.

Anche i personaggi vengono descritti con la stessa passione e la stessa attenzione nei particolari, come se fossero estensioni delle case e delle brughiere: i capelli, i denti, gli abiti, i fianchi, i gesti, il portamento, le espressioni, le parole, il canto, il colore del viso e degli occhi. Così zia Bachisia, la strega, racconta la sua prepotenza con il “suo viso giallo d’uccello rapace”; così la protagonista, Giovanna esprime il suo dolore e la sua timidezza mentre siede “lontana dal fuoco, un po’ curva, con le mani entro le aperture della gonna”.

Leggere questo romanzo significa camminare in una terra che non esiste più, ascoltare parole e suoni ormai lontani e quindi portatori di suggestioni intense. Leggere diventa osservare consuetudini e rituali e superstizioni “da selvaggi idolatri” eppure non così lontani nello spazio e nel tempo. Leggere ci fa sentire che il matrimonio, fino a pochi anni fa, era davvero sacro: vivere nel peccato non era poi così insolito, ma sposarsi più di una volta no, era inaccettabile, era tabù più che peccato.

“Dopo il divorzio” è un romanzo da vivere come un viaggio esotico, che ci offre una scrittura che incanta anche per i suoi termini desueti, per le sue citazioni dialettali, per la sua appartenenza al secolo ormai estinto dal nuovo millennio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
classici, libri della stessa autrice, romanzi sulla Sardegna.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La parata
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri