Dettagli Recensione

 
Dopo il divorzio
 
Dopo il divorzio 2017-04-12 11:08:32 antonelladimartino
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
antonelladimartino Opinione inserita da antonelladimartino    12 Aprile, 2017
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN VISO GIALLO D’UCCELLO RAPACE

Questo è uno dei suoi primi romanzi di Grazia Deledda, tra i meno conosciuti. Scritto nel 1902, quando la donna è poco più che trentenne, sposata da poco, studiosa di etnologia, scrittrice ancora lontana dalle opere della maturità e dal Premio Nobel. Proprio in quel periodo, in Italia il divorzio è materia di discussione: c’è perfino una proposta di legge, ma è troppo presto, ci vorranno circa settant’anni per intaccare i privilegi della Sacra Rota.

La scrittura ha ancora un sapore acerbo, ma proprio per questo appetibile. In questo romanzo si sentono chiaramente le intenzioni autoriali, che prendono la parola nel dibattito politico di allora e documentano gli studi sul folklore e la tradizione sarda. Le inclinazioni didattiche sono talmente esplicite che non penalizzano la fruizione di una scrittura fresca, dal sapore acerbo ma intenso.

Grazia Deledda eccelle soprattutto nel raccontare per immagini la sua terra, il suo cielo, e il mutare degli umori e delle stagioni. Le sue descrizioni sono più che cinematografiche, non ci consentono soltanto di camminare accanto ai suoi personaggi ma ci sommergono fino a farci sentire gli odori domestici e selvatici, il calore del sole e del vento, il sapore dei maccheroni e del pane.

Anche i personaggi vengono descritti con la stessa passione e la stessa attenzione nei particolari, come se fossero estensioni delle case e delle brughiere: i capelli, i denti, gli abiti, i fianchi, i gesti, il portamento, le espressioni, le parole, il canto, il colore del viso e degli occhi. Così zia Bachisia, la strega, racconta la sua prepotenza con il “suo viso giallo d’uccello rapace”; così la protagonista, Giovanna esprime il suo dolore e la sua timidezza mentre siede “lontana dal fuoco, un po’ curva, con le mani entro le aperture della gonna”.

Leggere questo romanzo significa camminare in una terra che non esiste più, ascoltare parole e suoni ormai lontani e quindi portatori di suggestioni intense. Leggere diventa osservare consuetudini e rituali e superstizioni “da selvaggi idolatri” eppure non così lontani nello spazio e nel tempo. Leggere ci fa sentire che il matrimonio, fino a pochi anni fa, era davvero sacro: vivere nel peccato non era poi così insolito, ma sposarsi più di una volta no, era inaccettabile, era tabù più che peccato.

“Dopo il divorzio” è un romanzo da vivere come un viaggio esotico, che ci offre una scrittura che incanta anche per i suoi termini desueti, per le sue citazioni dialettali, per la sua appartenenza al secolo ormai estinto dal nuovo millennio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
classici, libri della stessa autrice, romanzi sulla Sardegna.
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

5 risultati - visualizzati 1 - 5
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Bella presentazione, Antonella! Colgo l'occasione per segnalarti "Quasi Grazia" , di Fois : una bellissima piece teatrale che si legge come un romanzo ; un testo incentrato su tre momenti nodali della vita della Deledda.
Ti ringrazio di cuore Emilio! Soprattutto per la segnalazione, graditissima :-)
Molto interessante, grazie Antonella.
Antonella ha colto nel segno: il libro sembra un viaggio esotico, una storia tutta del sud ed in cui la Legge dello Stato rispetto alle tradizioni ed al sentire della gente si frappone sempre come un ostacolo(il tema del divorzio come fenomeno sociologico o /e coniugale in sé neanche si sfiora , è semplicemente connesso al problema di una condanna penale grave a tal punto da giustificare lo scioglimento del matrimonio), non aiuta, non interpreta, è sempre un qualcosa in piu' di estraneo che non serve alla quotidiana lotta per la sopravvivenza.
Grazie Valentina! Si parla poco dell'opera di Grazia Deledda, che meriterebbe molta più attenzione.
5 risultati - visualizzati 1 - 5

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Qualcun altro
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Il garofano rosso
Vita
La ballerina
Eleonora d'Arborea
Satiricon
L'illusione
L'uomo è forte
La bella di Cabras
Il marchese di Roccaverdina
Una giornata
Una vita
Suor Giovanna della Croce
Dopo il divorzio
Il podere
Con gli occhi chiusi
Geografia. L'Italia