Satiricon Satiricon

Satiricon

Letteratura italiana

Autore

Editore

Casa editrice

Giuntoci in forma lacunosa, il "Satiricon" racconta le vicissitudini del giovane Encolpio, del suo amante Gitone e dell'ambiguo amico Ascilto. Tra orge sacre e profane in templi e lupanari, banchetti infiniti - proverbiale la cena a casa del volgare liberto Trimalcione - e disquisizioni letterarie, il Satiricon si presenta come un vero e proprio romanzo "realista" per l'aderenza ai fatti della vita quotidiana e la descrizione precisa dell'ambiente e dell'epoca.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Satiricon 2020-05-27 01:16:42 DanySanny
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
DanySanny Opinione inserita da DanySanny    27 Mag, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La vertigine della parodia

Tengo molto a quest’opera di Petronio e mi piacerebbe riuscire a incoraggiare qualcuno nella lettura. Di Petronio sappiamo poco, se non il ritratto straordinario che ne fa Tacito come “arbiter elegantiae” nei suoi Annales, collocando il misterioso autore alla corte di Nerone. Non fa sorgere meno dubbi interpretativi questo suo “Satyricon”, testo che credo epocale per più di un motivo. Intanto la forma: approssimandolo a una categoria moderna, si potrebbe dire che il Satyricon è un romanzo, genere davvero poco praticato nell’antichità e certo considerato una forma di letteratura minore. L’esempio più celebre è Apuleio con le sue “Metamorfosi”, e pochi altri sono i romanzi di cui abbiamo conoscenza, tutti di matrice greca e tutti basati sullo stesso schema: una coppia di innamorati che non può unirsi a cause di fattori che ne determinano la separazione fino al ricongiungimento finale. Eppure il Satyricon ribalta completamente questo modello: al centro della storia un triangolo amoroso del tutto irreale tra tre uomini, con non infrequenti incursioni femminili a dire il vero, in cui il bel Gìtone è conteso tra diversi aspiranti e approfittatori. Ancora più celebre è però la famosa cena di Trimalcione, tripudio pantagruelico e volgare dei nuovi arricchiti, della più turpe delle degradazioni, tra portate immaginifiche, sessualità dubbia, sproloqui indecenti. Quello che però crea ancora più confusione è che quanto ci resta del Satyricon corrisponde al solo libro XV e parte del XIV e del XVI: tutto il resto è andato perduto. Ne segue che questo romanzo dovesse essere un’opera monumentale e che forse proprio per questo fosse pubblicato addirittura a puntate, innervando tutta una vendita di libri più “frivoli” e leggeri, nonché licenziosi, che doveva essere in realtà molto ricca nella Roma imperiale. Eppure il gioco letterario del Satyricon è tutt’altro che popolare, anzi, è piuttosto raffinato: tutto gira attorno alla parodia più estrema, al rovesciamento sistematico dei modelli classici cui la letteratura importante si ispira e che qui vengono ribaltati: i protagonisti sono implicati in una inverosimile storia omosessuale, il dio che perseguita Encolpio, il protagonista, non è l’Helios che tormenta Ulisse, ma Priapo, dio dall’esuberante mascolinità che lo punisce con l’impotenza; o ancora i modelli alti dell’amore coniugale (Ulisse e Penelope) vengono sovvertiti nella irriverente novella della “Matrona di Efeso”, che apre una sottonarrazione nel mentre della cena di Trimalcione, la quale è a sua volte la parodia di un’intera società che ha toccato il denaro e che subito si è corrotta e forse un’estremizzazione dei curiosi libri di cucina che sappiamo stavano iniziando a circolare all’epoca. Eppure col proseguire del testo la parodia si fa ancora più estrema: poco prima delle ultime scene che ci restano, uno dei personaggi si lancia nella declamazione di un poemetto, il “Bellum civile”, del tutto tradizionale, anzi, si direbbe stantio. Allora qui l’arte di Petronio si fa escplicita: quello del “Bellum civile” non solo è un topos letterario straordinariamente prolifico, ma in quegli stessi anni era il tema di un’altra opera memorabile, la “Pharsalia” di Lucano, che a sua volta era il rovesciamento del più grade epos latino, l’”Eneide” di Virgilio. Ecco che Petronio realizza l’indicibile sfidando i modelli più alti e facendo della parodia il motore della narrazione; inoltre inserendo all’interno di quest’opera narrativa interi poemetti, novelle, composizioni elegiache ed epigrammi e richiamando l’epos più alto, annulla la tassonomia dei generi letterari così come ancora oggi intesa, in un modo che forse si realizzerà poi di nuovo solo nel Novecento.

Dunque il Satyricon è un’opera modernissima, che però non finisce di regalarci sorprese. Infatti a chiunque legga con attenzione, appare chiaro che il protagonista, e in generale ogni personaggio, sia la caricatura estrema di un tipo umano e che dunque coesistono due piani narrativi: quello di Encolpio, narratore “mitomane”, che trasfigura le sue vili imprese con le parole dell’epica e il narratore “nascosto”, Petronio, che guida la storia con i modelli letterari che stanno dietro al libro. Il risultato è che Encolpio, imprigionato nei suoi modelli sublimi, accentua la parodia, che si fa strumento allora per rivelare, attraverso la trivializzazione, come gli schemi del romanzo abbiano reso melodrammatici i veri modelli sublimi.
Da questo romanzo Fellini ha tratto l’omonimo film scandalo del 1969, tutto dominato da tinte rosse e nudità promiscue, con sconvolgenti introspezioni sul senso della vita e l'angoscia della morte, e credo che molto del senso del Satyricon sia nel più recente “La grande bellezza” di Sorrentino: anche lì la macchina del regista è quella di una parodia che smaschera la trivializzazione della vera bellezza, quella che non è grande, ma sublime.

Chiudo aggiungendo una piccola nota editoriale. L’edizione Mondadori di questo libro è, per usare un eufemismo, scandalosa: sono stati tagliati tutti gli inserti poetici e i poemetti che sono parti integranti del testo per favorire il lettore moderno, con una traduzione che più che libera, mi pare arbitraria e che dimostra come del libro non sia stato compreso il senso più proprio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Satiricon 2020-05-09 22:18:46 Kvothe
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Kvothe Opinione inserita da Kvothe    10 Mag, 2020
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

FRAMMENTI NEL TEMPO

Questo romanzo antico non deve mancare tra le proprie letture. Ci sono elementi ripresi da un po’ tutte le opere classiche con elementi comuni e rivisitati a proprio modo con una vena dissacrante. E' una lettura mai noiosa, molto intelligente e con uno sguardo acuto su molti aspetti dell'uomo. Si legge d'un fiato vista la brevità. Ho dato uno sguardo su qualche altra versione del Satiricon e sono un po' più antiche come impronta; penso che quella di Piero Chiara sia perfetta, per modernità e fluidità, per le altre non mi posso pronunciare del tutto ma penso siano un po' più ostiche. E’ un libro molto dinamico che non si ferma mai e anche quando lo fa, lo fa con episodi scorrevoli. C’è sempre questa incombenza che aleggia e permea i luoghi e i personaggi, tutto sa di pericolo e persecuzione. Un’ opera grandiosa che mi ha affascinato in tutti i suoi aspetti. E’ veramente un peccato che ci sia arrivata solo una parte di questa opera e poterne apprezzare solo una parte. Solo grazie alle abbazie francesi e alle biblioteche croate questo romanzo è giunto fino a noi ma resta ancora molto misterioso e non si sa di preciso chi sia l’autore né il titolo preciso ma la potenza si intravede da ogni parte.

La cena di Trimalchione è un tripudio di sfarzo e di riflessioni di vari personaggi che è restata nella storia. Il poeta è un personaggio che mi ha colpito molto che si inserisce bene nell’insieme dei personaggi e avrà un ruolo cardine per tutto il resto del romanzo. C’è vendetta, viaggi e antagonisti pomposi, città perdute e inganni. Il romanzo è moderno, con un ottimo ritmo e con scene molto divertenti, c’è di tutto; possiamo solo immaginare cosa potesse essere nella sua versione completa e a quanto abbiamo perso. Mi viene veramente da ringraziare tutte quelle persone che hanno trascritto, tramandato e tradotto nel tempo tutte le opere a noi pervenute, e grazie a loro, il mondo è un posto più ricco di cultura e di diversità. lo consiglio vivamente perché è un patrimonio della letteratura latina, un patrimonio dell'umanità

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri