Narrativa italiana Classici Le vergini delle rocce
 

Le vergini delle rocce Le vergini delle rocce

Le vergini delle rocce

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Il rapporto uomo-donna, la virilità e la femminilità, il sogno dell’uomo perfetto nelle pagine di un grande viveur e straordinario scrittore. Claudio Cantelmo, il primo superuomo della narrativa dannunziana, è disgustato dall’epoca in cui gli tocca vivere. Sogna così di procreare un individuo che sia capace di ridurre all’obbedienza il popolo e sappia restaurare l’antico ordine distrutto. La sua ricerca della donna adatta a dare alla luce una simile progenie si rivelerà destinata al fallimento.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le vergini delle rocce 2014-02-20 09:17:37 silvia71
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
silvia71 Opinione inserita da silvia71    20 Febbraio, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le vergini delle rocce

Nelle intenzioni originarie di D'Annunzio, “Le vergini delle rocce” doveva essere il primo capitolo di una trilogia. Ciò lo apprendiamo dalle ultimissime righe del romanzo, in cui l'autore rimanda il lettore a seguirlo nei titoli successivi.
L'incompiutezza dell'opera ci obbliga ad elaborare un'opinione sul contenuto limitata a questo titolo, ponendoci amari interrogativi su come sarebbe stato l'intero excursus.

L'opera è del 1896 e rappresenta il punto d'incontro tra letteratura ed ideologia filosofica, figlia dell'attrazione d'annunziana per il mito del superuomo elaborato da Nietzsche.
La figura cui D'annunzio affida il ruolo del superuomo è il nobile Claudio Cantelmo, che entra prorompente in scena col suo bagaglio di idee ed ideali, contrario all' avanzata democratica, intenzionato a generare un erede che perpetui la propria gloriosa stirpe, voglioso di poter restaurare un sistema politico del privilegio.
Claudio è un animo focoso, volitivo, eccentrico, appassionato; egli incarna in toto l'ideologia politica e di pensiero promossa dalla penna che lo partorisce.

Stilisticamente il romanzo è percorso da una cesura netta; se la prima parte è l'espressione più alta del credo politico e filosofico d'annunziano, raggiungendo un alto grado di retoricità, la seconda parte è addolcita da un contenuto amoroso-passionale, ricca di protagonisti, esempio mirabile di prosa elegiaca e raffinata.

I piani di lettura del romanzo sono diversi, ciascuno è significativo e dotato di una caratterizzazione propria.
Il volto contenutistico dell'opera è uno spaccato fedele dell'ideologia contemporanea all'autore, trae linfa da determinate correnti socio-politiche dell'epoca, corroborato dagli impulsi filosofici nietzschiani che si insinuano tra le maglie narrative.
Tuttavia la sensazione netta di anacronismo che scaturisce dalla lettura, non ne deturpa il valore storico e letterario, anzi mette in luce la capacità dell'autore di far incarnare ai propri protagonisti ruoli ben definiti, di tratteggiare personalità cariche di emotività.
I personaggi che scorrono nell'arco della narrazione hanno il pregio di essere eterei eppure consistenti, avvolti da un'aura misteriosa che a mano a mano si dirada, svelandone sentimenti e aspirazioni.
Bellissime le figure delle tre sorelle candidate a ricoprire il ruolo di sposa del superuomo Claudio; donne che incarnano tre visioni differenti della vita, donne nebulose di cui non si riesce a cogliere l'essenza fino in fondo, archetipi della sensualità, della passionalità, della profondità spirituale.
Le pagine che accolgono l'incontro di Claudio con le sorelle, costituiscono un territorio in cui la penna di D'Annunzio abbandona il registro retorico ed ideologico dell'apertura dell'opera, per esplodere in una prosa aulica, raffinata e potente.
Egli mette in scena una danza morbida che vede abbracciarsi l'animo umano e la natura circostante; le descrizioni dei luoghi trasportano il lettore tra paesaggi accarezzati dal sole, tra gli aromi vaporosi delle essenze odorose dei vegetali oppure su collinette scoscese, rupi grigie e sassose, sotto cieli plumbei.

Un documento letterario datato, eppure di valore, espressione mirabile di una penna lirica in toto, anche nelle pieghe più ideologiche e filosofiche del suo pensiero.
Un frammento di un'opera forse già pianificata nell'interezza ma arenatasi nella produzione, di cui rimpiangiamo l'impossibilità di conoscere l'evoluzione degli eventi e dei protagonisti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Km 123
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Guardando il sole
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le parole di Sara
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il cuore e la tenebra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cuori fanatici. Amore e ragione
Valutazione Redazione QLibri
 
1.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Certe fortune
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'isola dell'abbandono
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I nomi epiceni
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Di punto in bianco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Elevation
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sospettato
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri