Narrativa italiana Racconti di viaggio Le rivolte inestirpabili
 

Le rivolte inestirpabili Le rivolte inestirpabili

Le rivolte inestirpabili

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Immigrati, rom, sans-papier, profughi, rifugiati e rifiutati, concentrati, espulsi. Milioni di piedi decisi a resistere, fermi, e milioni di piedi in movimento. Noi e gli altri. Milioni di ‘altri’ che abbiamo fra noi, a incrociare le vite con le nostre, tornano in questo volume, nella cadenza dei testi di Erri De Luca e delle fotografie di Danilo De Marco. Sguardi colti nei luoghi più diversi del terzo e quarto mondo, nel pugno chiuso e alzato di bambini, ragazze e donne, nella fierezza e nella tenerezza di gesti e corpi di altre culture.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le rivolte inestirpabili 2011-01-23 13:52:41 Jan
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Jan Opinione inserita da Jan    23 Gennaio, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Notte eterna.

De Luca e De Marco, incrocio di rara raffinatezza.
Le fotografie risaltano come poesie mute, le parole di denuncia scivolano dinamiche pur lasciando il segno.
L'unico errore di De Luca è sui profughi delle guerre slave: compie alcuni errori di un certo peso, ma questo nulla toglie alla bellezza del narrato.
La voce degli ultimi si eleva come un battito cardiaco pulsante e battente contro l'indifferenza.
Sorta di inferno di terza classe espresso fra le rughe degli zigomi, le mani alzate in una richiesta di semplice soccorso,il viso intento a celare le lacrime.
De Luca sta toccando vertici austeri.
Non c'è null'altro da spiegare.
Occorre leggere di duro e fermo piglio.
In troppi, altrove, hanno chiuso gli occhi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le rivolte inestirpabili 2011-01-11 19:08:24 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    11 Gennaio, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La stupidità cresce senza bisogno di pioggia

Vi sono autori di cui ho letto centinaia di scritti e ogni volta arrivato all’ultima pagina, spero sempre di essermi sbagliato, che ci sia ancora un capitolo,un brano, un rigo da qualche parte,magari nascosti, da leggere ancora:Erri De Luca è uno di questi.
In “Le rivolte inestirpabili” i racconti e le emozioni che trasmette la penna di De Luca si fondono, si completano nel bianco e nero “illuminato a giorno” del fotografo Danilo De Marco e il risultato lascia senza parole.
Nel libro si narra delle rivolte inestirpabili, quelle degli uomini oppressi che prima o poi si uniscono e fanno vacillare e crollare il potere, perché il potere, soprattutto quello che opprime, a dispetto di quanto vanno raccontando,è precario.
Ho letto dei sopravvissuti in Bosnia,degli oppressi in Kurdistan (l’unico paese che esiste ma tutti ignorano), ho letto dei bambini bruciati nell’Africa del sud “mi è rimasto nelle orecchie il vuoto del loro silenzio e l’odore del fuoco nei loro corpi", ho letto della visita di Erri De Luca ad Auschwitz-Birkenau “ho disceso quei gradini, quelli che portavano ai cameroni con le finte docce, intorno soffiava un vento silenzioso, il fiato di una moltitudine di assenti”.
Le rivolte inestirpabili sono pure quelle dei contadini Europei, Sudamericani, Asiatici etc etc che hanno inventato il grano,il riso, l’orzo. Nessun potente ha potuto fare a meno di loro. Li ha oppressi e predati ma ne ha avuto sempre bisogno. Oggi le multinazionali hanno deciso che grano, riso e orzo sono un loro brevetto. Ma non basta perchè accanto ai brevettatori abusivi spuntano i proprietari delle acque (hanno deciso che anche l'acqua è brevettata?).Presto accamperanno diritti sulle nuvole e la neve. Presto l’aria verrà erogata come la corrente?
Per finire mi viene in mente un’altra rivolta inestirpabile quella della donna in un mondo maschile, sì perché il femminile riproduce l’opera della creazione, fa nascere,l’uomo che si arrabbatta col suo giocattolo più desiderato:il potere, è solo un’appendice che la Storia prima o poi sistemerà a dovere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Saggi sull'olocausto, la guerra nell'ex Juogoslavia, la condizione dei contadini in Asia e Sud America.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri