Bar Sport Bar Sport

Bar Sport

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Il Bar Sport è quello in cui passa il carabiniere, lo sparaballe, il professore, il tecnnico (proprio così, con due n) che declina la formazione della nazionale, il ragioniere innamorato della cassiera, il ragazzo tuttofare. Nel Bar Sport fioriscono le leggende, quella del Piva (calciatore dal tiro portentoso), del Cenerutolo (il lavapiatti che sogna di fare il cameriere) e delle allucinazioni estive. Vagando e divagando Benni ha scritto la sua piccola commedia umana, a cui presto aggiungerà un nuovo capitolo. Ebbene sì, Bar Sport è vivo, è ancora vivo.



Recensione Utenti

Guarda tutte le opinioni degli utenti

Opinioni inserite: 11

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.8  (11)
Contenuto 
 
4.1  (11)
Piacevolezza 
 
4.6  (11)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Bar Sport 2015-10-08 21:29:26 Vita93
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Vita93 Opinione inserita da Vita93    08 Ottobre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La pasta barometro

Il 1976 è l’anno in cui viene pubblicato “Bar Sport” di Stefano Benni, pittoresca opera umoristica, vagamente surreale e fantozziana. E, forse non a caso, la genesi del ragioniere Ugo Fantozzi è datata 1975.

Il Bar Sport è un locale immaginario, simile a qualsiasi altro bar situato nelle piccole province italiane. Racchiude al suo interno aneddoti, storie e leggende metropolitane che si rinnovano e si alimentano quotidianamente.
Il libro è una raccolta di 27 brevi racconti che focalizzano l’attenzione sui clienti tipici, e spesso ironicamente stereotipati e folcloristici, di ogni bar che si possa definire tale. Dagli anziani che giocano a carte dalla mattina alla sera ai carabinieri che si fermano per bere un caffè, dal ragioniere inutilmente innamorato della cassiera ai giovani in cerca di qualche passatempo fino al presunto e infallibile playboy di paese.
Una carrellata di ritratti che si affaccendano giorno dopo giorno tra cappuccini, paste indigeribili (l'iconica Luisona), aperitivi, interminabili partite a biliardino o al flipper, lunghe conversazioni al telefono a gettoni, veri e propri dibattiti con al centro puntuali riferimenti al calcio o alle donne.

“Bar Sport” è un libro ancora godibile, ma che indubbiamente tratteggia un’Italia ormai passata, in cui il bar era un vero e proprio punto di ritrovo anche per i più giovani, il nucleo indiscusso di ogni paese. Era il simbolo di un’epoca in cui la socializzazione, a differenza di oggi, era quasi esclusivamente basata sull’interazione fisica.

Ho apprezzato l’anima nostalgica e vagamente romantica del libro, che ha sicuramente una presa maggiore su persone nate prima degli anni ‘90 e che hanno vissuto il periodo storico descritto, potendo rispolverare piacevoli ricordi. Invece ho leggermente faticato riguardo al personale stile dell’autore, connotato da una certa tendenza all’esagerazione dei toni, alla deformazione delle metafore, con un vocabolario a mio avviso fin troppo surreale. Ma evidentemente in grado di abbracciare le preferenze di numerosi lettori grazie ai quali “Bar Sport” è diventato un classico della letteratura umoristica italiana.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Bar Sport 2014-11-04 14:44:47 Donnie*Darko
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    04 Novembre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alla corte della Luisona

Non amo particolarmente questo tipo di comicità oscillante tra toni grotteschi e surreali, eppure ammetto -non senza ostentare un piccolo moto di sorpresa- che Stefano Benni con questo spaccato sociale mi abbia piacevolmente intrattenuto.
L'autore bolognese è semplicemente perfetto nel costruire la fumosa e caotica atmosfera da bar anni '70/'80, in cui una bizzarra fauna umana si accalca passando da nutrita schiera di signori nessuno a caratteri dall'identità perfettamente definita secondo insindacabili regole inerenti caratteristiche fisiche, titolo di studio, sapienza riguardo i più disparati argomenti, tic e nevrosi, passioni, ecc...
Chi ha frequentato anche per un breve periodo questo tipo di locale difficilmente non riconoscerà gli avventori ivi descritti, ovviamente pompati in versioni bizzarre ed enfatizzate attraverso idee talmente sopra le righe da ricordare (dis)avventure di fantozziana memoria.
Il bar è punto d'incontro accogliente e al tempo stesso squallido, protettivo ma anche spietato; al suo interno si dibatte animatamente facendo del qualunquismo e del luogo comune i vessilli più impugnati, senza dimenticare di mostrare sempre la sicumera di chi è convinto di avere la verità in tasca.
Il calore umano offerto non si trova da nessun'altra parte e si dissolve quando si attraversa l'ingresso in senso inverso, venendo sopraffatti dal gelo anche se la notte è quella tiepida di un estate benevola.
Il tuttologo sportivo, il professore ammirato ben oltre i suoi meriti, la prosperosa cassiera di felliniana memoria, il tecnico (anzi , il "tennico") in grado di aggiustare qualsiasi diavoleria, l'ex gloria calcistica: tutti personaggi tratteggiati con grande affetto e inseriti in un contesto anomalo in cui ognuno è chiamato ad interpretare un ruolo attribuito da altri. Una parodia corale con la mitica Luisona, una brioche da tempo immemore posizionata nella vetrina dei dolciumi in attesa di uno sprovveduto forestiero che la consumi, a fare da stemma araldico di quella famiglia così stramba.
Nostalgico e divertente, probabilmente alimenterà sorrisi in chi ha avuto modo di vivere più o meno direttamente quella realtà così assurda eppure confortevole.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
Bar Sport 2012-11-29 19:39:09 p.luperini
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
p.luperini Opinione inserita da p.luperini    29 Novembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LUISONA & C.

Se si vuole ridere non bisogna perderlo soprattutto ora che ne è uscita la versione cinematografica.
Non è un romanzo ma un vademecum del tipico bar di paese formato da una serie di racconti.
Benni ha osservato e ricostruito la realtà, non ha inventato nulla ma descritto le persone che vedeva e che vediamo tutti i giorni evidenziandone le caratteristiche.
Il barista innamorato della cassiera, il cinno, il tennico, la trasferta, le vecchiette pettegole e la mitica LUISONA.
Solo la lettura del capitolo dedicato alla decana pasta della vetrina dei dolci, che in base al colore della sua crema si può prevedere che tempo farà, merita la lettura del libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Bar Sport 2012-08-20 17:03:38 Mombelli
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mombelli Opinione inserita da Mombelli    20 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il bar che abbiamo tutti sotto casa.

Cosa succede se si prendono tutti i più divertenti personaggi che chiunque può incontrare in qualunque bar, li si renda ancora più divertenti e si racconti le loro vicende più esilaranti? Nasce Bar Sport.
Un bar che è IL bar italiano. Tutti nella vita avranno incontrato lo scorbutico, l'ubriacone, l'innamorato e il CT sportivo, tutti avranno ammirato le "Luisone" in vetrina o seguito le avventure della squadra di calcio del bar. Stefano Benni riesce a concentrare tutto questo in un libro che si legge in un batter d'occhio, regalando momenti di gloria a personaggi che in altri libri probabilmente sarebbero sempre rimasti in secondo piano e in ombra.
Dedicato a chiunque voglia ridere di gusto!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Bar Sport 2012-06-17 16:48:18 peucezia
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
peucezia Opinione inserita da peucezia    17 Giugno, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il padre di tutti i bar

Probabilmente uno dei più noti in tutta la copiosa e fortunata produzione di Benni, sicuramente uno dei migliori autori "nonsense" in circolazione, il libro presenta una galleria di personaggi e descrizioni realistiche e verosimili malgrado la narrazione sopra le righe ed esagerata. A parte qualche eccessiva lungaggine di qualche racconto nel racconto in cui l'autore pecca forse ad eccedere nei particolari la storia scorre liscia e scorrevole fino al termine con la "morte tragica" della mitica Luisona e la relativa punizione del malcapitato che ha la ventura di acquistarla per soddisfare la sua gola.
Anche se scritto in epoca quasi remota, Bar Sport non perde smalto, può essere definito come "il padre di tutti i bar" perché si apre su un mondo, quello della provincia italiana, tutt'ora poco esplorato e inneggia a quel senso di amichevolezza caratteristico della gente emiliana creando i "tipi" da bar che si incontrano comunque un po' dappertutto. Adatto a tutte le età

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
tutto Benni, narrativa umoristica
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Bar Sport 2012-03-12 21:15:27 chicco76
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
chicco76 Opinione inserita da chicco76    12 Marzo, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

un'ottima caricatura

Il libro o meglio il libricino visto le sue appena cento pagine, è composto da una serie di racconti brevi e di facile scorrimento nella lettura. Adatto ad essere letto in qualsiasi momento libero della giornata: dal tempo trascorso in tram alla sala d'aspetto di un medico come alla sera prima di andare a dormire. Non si fa nessuna fatica a portare avanti la lettura.
I racconti, utilizzando lo strumento della simpatia, descrivono le varie situazioni e i personaggi tipici di un bar. C'è da dire che oramai questi tipi di locali così rappresentati sono difficilmente reperibili nell'Italia contemporanea. Per la versione "aggiornata" consiglio vivamente Bar Sport 2000 dello stesso autore.
Una pecca del libro è che si sofferma a volte per troppo tempo su argomenti calcistici.
Rimane il fatto comunque che Benni è e sarà uno dei maggiori caricaturisti presenti nel panorama degli scrittori italiani

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi ha letto o leggerà Bar Sport 2000
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Bar Sport 2011-12-01 20:22:11 bucintoro
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
bucintoro Opinione inserita da bucintoro    01 Dicembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

bar sport

ho letto solo di recente questo libricino di poche pagine (era "uscito" negli anni 70 ),e devo dire che il sig. Benni ha rappresentato benissimo un periodo e personaggi che al piu' di noi sono cari. chi non ha speso ore del proprio tempo in un bar molto simile a questo, con personaggi forse ancor piu caricature di quelli descritti nel libro. qui si trovavano sempre: il super tecnico su qualsiasi argomento (calcio in primis!), lo sciupafemmine che sulle donne e delle donne tutto sapeva, i giocatori storici di carte, l'organizzatore di tornei o gite, ecc.ecc. una menzione a parte merita il biliardo, vero e proprio mito e punto di ritrovo. mi viene un po di nostalgia a pensare che bar cosi forse non esistono piu' , tranne in periferie dove il tempo sembra essersi fermato. è stato tratto dal libro un film che a mio parere non risulta altrettanto valido.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Bar Sport 2010-12-21 13:10:04 Jan
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Jan Opinione inserita da Jan    21 Dicembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piccola rapsodia della Luisona.

Quando incontrai, perché di incontro si trattò in verità, questo libro seppi, con grande ammirazione, che in Italia era già un cult.
Sono passati alcuni anni e, devo confessare, nessuno scritto di Benni mi è mai parso così stupefacente e fantasmagorico.
Perché il bar, al di fuori di qualsivoglia schematizzazione sociologica, è una scuola iniziatica.
La magnifica tesi sulla cravatta del vecchio da bar appare così esaustiva e insuperata: essa è quasi un'arma impropria, imporporata com'è di tabacco, grumi di sugo rappreso e caffé. Spesso i vecchi da bar come samurai provetti la utilizzano come arma da rapina sguainandola a mo' di katama nei vicoli malfamati.
E che dire di Renzo, il playboy da bar che si confonde con le sue stesse balle?
Come dimenticare la favola di Cenerutolo?
I goal da quaranta km di Piva?
E la Luisona?
Quante ne ho viste di Luisone in vita mia!
Racchiuse fra panini scrostapalati e brioches di pietra...
La Luisona che, se acquistata dall'avventore male accorto,dotata di vita propria si ribella, si fa strada all'interno dell'apparato gastrointestinale fino ad atterrare, magnificamente intonsa...ai piedi del compratore?
Non c'è che dire, il bar è una entità astratta i cui tipi psicologici ricordano una acribica categorizzazione junghiana.
E' vero, forse oggi bar così non se ne trovano più.
Come le lotte in bicicletta fra Pozzi e Girardoux.
Dio sa dove sono.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Bar Sport 2010-12-21 08:31:23 barbara78E
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
barbara78E Opinione inserita da barbara78E    21 Dicembre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

bar così purtroppo se ne trovano sempre meno

Spassosissima e meticolosa descrizione del Bar Sport. Per chi, come me, ha un preciso ricordo dei bar anni 70-80, troverà che i locali erano proprio come descritto nel libro: la pasta Luisona, il telefono a gettoni nell’angolo più scomodo, e la fauna degli avventori! In tutti i bar che si rispettino c’era sempre il vecchietto, o il tuttofare, o l’”esperto”, chiamato anche “tennico”. Rileggere questo libro mi ha portata indietro negli anni e, anche se ero solo una bambina, i miei ricordi sono chiarissimi ed esattamente descritti dall’autore. Memorabile la descrizione del “Bonivelli-tuttofare”, che lavora alacremente dal lunedì al venerdì alle otto, e che poi si “beve” tutto quello che aveva guadagnato durante la settimana. Per tre giorni nulla poteva smuoverlo, tranne un allagamento che minaccia di annacquare il vino nella cantina di casa Lasagna.
Più che un libro, sembra un documentario: Benni si sofferma su ogni singola componente del tipico Bar Sport, cogliendone l’essenza e dando vita ad un divertentissimo teatrino che mostra uno spaccato della vita nei paesetti di provincia. I divertimenti come il flipper, il calcio balilla o il biliardo fanno oggi sorridere per la loro semplicità, abituati come siamo a vedere il divertimento solo in cose costose o addirittura pericolose. Vedendo certi atteggiamenti di taluni moderni “giovinastri”, mi vien da pensare che, se da piccoli si fossero mangiati una Luisona o si fossero pappati una bella manciata di Boeri, forse oggi avrebbero un po’ più di buon senso e si divertirebbero con molto meno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Bar Sport 2010-10-27 19:06:37 andrea70
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    27 Ottobre, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Esilarante

Benni ci racconta il bar dello sport dove incontri esattamente il tipo di personaggi protagonisti del libro con il loro umorismo a volte involontario ma travolgente: chiacchieroni, esperti e sapientoni, sbruffoni, tuttologi,filosofi mancati e millantatori di ogni genere. Un panorama di personaggi e situazioni che a volte sembrano scivolare verso il paradossale o in una gara a chi la spara più grossa, ma invece molto vicini alla realtà di un piccolo mondo che, purtroppo, sta scomparendo. Uno dei libri più divertenti che abbia mai letto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 
Guarda tutte le opinioni degli utenti
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù
Natale a Torino. Quindici racconti al museo
Gli occhi vuoti dei santi
Parole di scuola
I racconti
Il cane che mi guardava e altri racconti del taxista
I racconti del focolare
Col gatto è meglio
Scintille. Storie e incontri che decidono i nostri destini