Narrativa italiana Racconti Un buon posto in cui fermarsi
 

Un buon posto in cui fermarsi Un buon posto in cui fermarsi

Un buon posto in cui fermarsi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

A volte la vita ci colpisce fino ad abbatterci. E se invece di rialzarci, provassimo a guardare il mondo con gli occhi di chi è a terra? Forse proprio la resa può regalare un’inaspettata felicità. Dopo “Il rosmarino non capisce l’inverno”, il nuovo commovente romanzo di Matteo Bussola. In pochi hanno saputo raccontare la fragilità maschile senza stereotipi, senza pregiudizi, senza vergogna. Matteo Bussola sa farlo con schiettezza e umanità. In queste pagine lancinanti eppure piene di luce, un uomo trova il coraggio di disertare la propria esistenza e costruire un sogno. Un padre in neuropsichiatria con il figlio impara ad accogliere la ferita di chi ha messo al mondo. Un anziano marito, prendendosi cura della moglie malata di Alzheimer, si domanda che cosa rimanga di una relazione quando chi amiamo sparisce, anche se possiamo ancora toccarlo. Un hikikomori che si è innamorato online vorrebbe incontrare chi è diventato per lui così importante, ma la paura di uscire lo imprigiona. Un bambino ubbidiente scopre la bellezza inattesa di deludere le aspettative. Incrinati, piegati, sconfitti, capaci però di cercare un senso, di intravederlo lì dove mai avrebbero creduto, questi protagonisti trovano ognuno un modo personale, autentico, spudoratamente onesto, di rispondere alla domanda: «Che cosa fa di un uomo un uomo?»



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un buon posto in cui fermarsi 2023-08-18 16:09:13 Pelizzari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    18 Agosto, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Catena umana

E’ un libro di racconti, che si apre con la storia di due uomini storti, improbabili, incasinati e poveri che avviano, senza soldi, un investimento senza senso, per dare comunque un senso alle loro vite ed ai loro sogni, e che si chiude con il punto di vista dell’uomo che ha reso possibile quel sogno. Nel mezzo, la catena di racconti si snoda con la storia di un marito che si prende amorevolmente cura di una moglie con l’Alzheimer, la storia di un ingegnere nigeriano immigrato che salva la vita a una giovane donna incinta dopo un incidente stradale, la storia del suo amante, e così via. Racconti che a volte sembrano una staffetta, con personaggi che in un racconto sembrano secondari e che nel racconto successivo diventano i protagonisti e la voce narrante. Di mano in mano si scopre e si scioglie questa catena umana incredibile, con racconti tutti a voce maschile; che il punto di vista sia quello di un figlio, di un padre, di un marito, di un amante, di un innamorato, viene raccontata la fragilità maschile, con schiettezza ed umanità, con sincerità e trasparenza, creando pagine lancinanti piene di luce.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un buon posto in cui fermarsi 2023-08-10 21:47:21 ANDREA
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da ANDREA    10 Agosto, 2023

Un buon posto in cui fermarsi

Tra i tanti scassamenti di maroni quotidiani, quello che più di tutti mi ha impegnato in questi giorni, c'è stato quello della lettura. Si perché mia moglie ha detto che bisogna leggere e, siccome l'ultimo libro letto è stato dieci anni fa .. mi era sembrato giusto accontentarla. Tra le tante proposte, ho avuto almeno la possibilità di scegliere e ho scelto. Non vi nascondo che la scelta, normalmente, cade sulla copertina ma stavolta ho deciso di leggere anche la "quarta" di copertina. La scelta è quindi caduta su un libro, un romanzo (io odio i romanzi) che parla in sostanza della crisi dell'uomo. Mi hanno colpito alcune frasi del libro che nella loro astrazioni anticipano il contenuto del romanzo. Tutto ruota intorno a una domanda "Che cosa fa di un uomo, un uomo?" - bella la domanda. L'ho letto pensando di trovare la risposta e incuriosito dalla trama articolata intorno ad una riflessione esistenziale che riguarda gli uomini intesi come "maschi", ma che più in generale induce ad una inevitabile riflessione esistenziale personale. È doveroso precisare che il libro è stato un regalo della sopra indicata moglie premurosa, preoccupata della mia scarsa attitudine alla lettura e votata propensione allo smignottamento social, insomma in altre parole "leggi e stai meno su Facebook". L'ho accontentata certo del fatto che come uomo sono sicuramente critico e di crisi ne ho affrontate svariate. Poi sempre quella famosa quarta pagina di copertina anticipava argomenti che non era possibile ignorare. "A volte la vita ci colpisce fino ad abbatterci. E se invece di rialzarci, provassimo a guardare il mondo con gli occhi di chi è terra? Forse proprio la resa può regalare un'inaspettata felicità". Eccerto, ho pensato che gli scrittori, non sapendo più cosa inventarsi, hanno pensato bene di romanzare le sconfitte puntando sul fatto che per esempio Napoleone, dopo la sconfitta di Waterloo, tutto sommato esiliato nell'isola di S. Elena ha fatto una bella vita ed è morto di altro, non dell'amara sconfitta e comunque con una invidiabile vista mare. Perché dargli torto. Quindi perché non leggere un libro sulla fragilità maschile, sugli stereotipi, sui pregiudizi su quel variegato mondo chiamato "universo maschile". Perché non leggere un libro sull'uomo in un momento storico in cui la donna è al centro dell'attenzione mondiale, dopo anni di sottomissione, relegata al più a stare dietro un "grande uomo". Andando avanti mi sono reso conto che quel libro voleva riportare in auge il grande uomo attraverso piccoli gesti quotidiani (ho scoperto essere finzione, ecco il perché del romanzo, ispirati a fatti realmente accaduti e che ciascuno di noi può aver vissuto direttamente o indirettamente). Insomma si prospettava un bel luogo di incontro per incrinati, piegati, sconfitti o nient'altro che falliti, che però sono ancora capaci di trovare un senso nella propria esistenza al maschile laddove nessuno vi avrebbe mai creduto. E la risposta alla domanda iniziale? La risposta la trovi subito, nelle prime pagine del libro e ti lascia perplesso. Ti lascia la voglia di leggere il libro perché sei sicuro che nello svolgimento degli eventi troverai conferme, confronti e spunti di riflessione personale durante i quali non potrai non ritrovare una parte dell'uomo che sei e non potrai non trovare una parte di quella crisi che, in quanto uomo, ha coinvolto anche te. E tu in quel momento diventi parte del romanzo con la tua storia, anche se lì non la trovi scritta. E anche tu ritrovi le tue sconfitte, le tue cadute e quel momento in cui hai scelto di stare a terra per guardare il mondo con gli occhi da un punto di vista basso e non dalla cima come avresti voluto... o come avrebbe voluto chi ti sta intorno: i tuoi genitori, i tuoi amici, la tua compagna, tua moglie, il tuo capo, i tuoi colleghi. Il libro attraverso lo sviluppo di un originale tessuto narrativo ti prende sin dalle primissime pagine ed evolve nei vari capitoli soffermandosi su inciampi, dolori, inadeguatezze e anche "inciampi" che investono vari uomini. Posso dire che in larga parte li affronta tutti, in varie forme, anche se a tratti diventa scontato e, dico io, quasi banale (senza offesa). Il centro del discorso però c'è e io penso di averlo trovato ed è un libro che va dritto dove deve andare e colpisce pure. L'ho letto tutto d'un fiato e riletto una seconda volta per focalizzare quei concetti che l'autore forse, in fondo attraverso una storia, voleva sottolineare per spingere il lettore a riflettere sull'esistenza umana e sull'essere uomo nel senso più maschile del termine. "La vita non è una montagna ?? da scalare, un treno da non perdere, un obiettivo da centrare, ma è una piccola stanza da arredare con cura. Non è una cima da raggiungere a tutti i costi. È la scelta di un buon posto in cui fermarsi". Prima di scrivere questa recensione ho voluto scrivere all'autore, per confrontarmi su quello che avevo letto e chissà, forse perché nella pagine non scritte ho trovato la mia storia. Le cadute, i miei dolori, le mie inadeguatezze, i miei fallimenti forse l'illusione di aver trovato una stanza da arredare con cura, forse il coraggio di rimanere a terra evitando gli inutili tentativi di rialzarsi subito e combattere per dimostrare di essere un uomo che non esiste e se esiste, esiste solo negli stereotipi che con il tempo si stanno sciogliendo come neve al sole. Quindi, detto questo vi consiglio la lettura di questo libro, veloce e leggera, con tante riflessioni al seguito. Buona Lettura e Buon Divertimento!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

A schiovere
Tre ciotole. Rituali per un anno di crisi
Un buon posto in cui fermarsi
Finché divorzio non vi separi
La guerra privata di Samuele
Spizzichi e bocconi
La coscienza di Montalbano
Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
A grandezza naturale
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù