Narrativa italiana Racconti Spizzichi e bocconi
 

Spizzichi e bocconi Spizzichi e bocconi

Spizzichi e bocconi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

“Il cibo ha una storia spaventosa, eroica, miracolosa. La scrittura sacra contiene narrazioni di provviste dal cielo. La parola fame è stata più temuta della parola guerra, della parola peste, di terremoti, incendi, inondazioni. Si è ammansita presso di noi l’ultima virata di bordo del secolo, permettendo insieme alla medicina la prolunga inaudita dell’età media. Si è costituita una scienza dell’alimentazione. Lentamente le porzioni si sono trasformate in dosi, le etichette forniscono l’apporto in calorie. Sono di un’epoca alimentare precedente a questa, basata sulla scarsa quantità e varietà. Mi è rimasto in bocca un palato grezzo, capace di distinguere il cattivo dal buono, ma povero di sfumature intermedie. Ho le papille del 1900. Qui ci sono storie mie di bocconi e di bevande, corredo alimentare di un onnivoro.” Così scrive nella premessa Erri De Luca, che subito ci conduce con il suo stile inconfondibile fra odori e sapori che raccontano di lui ma anche di un mondo perduto di pranzi della domenica al profumo di ragù, di pasti consumati in cantiere e nei campi base in ascesa sulle vette, e di osterie, dove le generazioni si mischiavano, “stanze di popolo”. Un mondo che si fa materia e trasmissione di cultura anche grazie alle ricette di sua nonna Emma e della zia Lillina, fedelmente trascritte dalla cugina Alessandra Ferri e condivise con i lettori in questo libro.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Spizzichi e bocconi 2022-09-22 16:49:44 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    22 Settembre, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bocconcini di tradizione

«Non provo gratitudine per quella sazietà, adesso e neanche allora. Erano tempi che facevano cambiare le cose materiali mettendo insieme persone sconosciute ma concordi, tempi puntuali come un appuntamento. Uno come me, schizzato fuori dal suo posto di origine, poteva essere sfamato da una folla compatta. Capivo che la politica era camminare in molti al centro della carreggiata. Entrare in quella politica era scendere dal gradino del marciapiede e unirsi a una corrente.»

Cucina e sapori di cucina, sapori di casa, sapori di palati affamati. Ricordi, ambienti, famiglia, infanzia. Luoghi che si snodano tra odori ed esperienze di viaggio, incontri e papille gustative che vengono allietate nel tempo che cresce.
E per comprendere davvero l’importanza del mangiare, della pietanza, del suo gusto e del suo intento ecco che viene a galla l’importanza del digiuno e dello “svuotamento”. A conclusione del testo affiorano ed emergono anche ricette che fanno parte della tradizione e che sono risultato dei segreti di nonna Emma e zia Lilina, passando da ragù, peperoni ‘mbuttunati, casatiello, pastiera e nocino. Tra luoghi comuni e vivere nell’esistere.

«Alle tavole dove sono cresciuto si spalancava bene l’apparato orofaringeo per ricevere la consistente forchettata, che perciò si chiamava boccone, niente a che vedere con il bocconcino. Qui ci sono spizzichi e bocconi, storie di cibo familiare.»

Sono tanti i romanzi a firma Erri De Luca, romanzi eclettici ed eterogenei che oscillano tra tematiche, storie e verità diverse, che narrano di poesia e narrativa, di quotidianità e speranza. Tradizione che si sussegue tra ricordo e antiche e succulente pietanze come nel caso di “Spizzichi e bocconi”. Ed è da questa breve premessa citata che si evince lo scopo di De Luca di coinvolgere il lettore, renderlo parte e partecipe, non solo spettatore di un piatto presentato in casa.
Ad avvalorare ulteriormente l’ultima fatica del romanziere vi è anche l’apporto di Valerio Galasso, nutrizionista che ci ricorda quanto sia importante mangiare e quanto lo sia porre attenzione negli alimenti assunti e assorbiti, potenzialmente rientranti nel nostro piano alimentare.
Erri De Luca si dimostra nuovamente un maestro nel creare scene che sanno essere evocative, empatiche, emotive e che conducono il lettore per mano. Qui il cibo non è però solo evocazione ma identità e fattore di aggregazione in un tempo che passa e che scorre.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Spizzichi e bocconi
La coscienza di Montalbano
Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
A grandezza naturale
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù
Natale a Torino. Quindici racconti al museo
Gli occhi vuoti dei santi
Parole di scuola
I racconti
Il cane che mi guardava e altri racconti del taxista