Narrativa italiana Racconti Dieci prove di fantasia
 

Dieci prove di fantasia Dieci prove di fantasia

Dieci prove di fantasia

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di Dieci prove di fantasia, opera di Cesare Segre edita da Einaudi. Dopo sessant'anni spesi a occuparsi di testi letterari, Cesare Segre si è deciso a passare dall'altra parte del campo. Ma la formula che ha inventato gli permette di non abbandonare del tutto gli autori e i libri dei suoi studi. Anzi si può dire che queste dieci narrazioni siano un altro modo, attraverso la fiction, di fare critica letteraria. I racconti di Segre sono monologhi o interviste impossibili nei quali i personaggi di libri famosi, dalla Chanson de Roland a Madame Bovary, spiegano come sono veramente andate le cose, dal loro punto di vista, anche contro i loro autori. Oppure scrittori come Machado e Pavese diventano personaggi per raccontare gli episodi cruciali delle loro vite come non era mai stato fatto. Più che storie controfattuali, sono possibilità alternative. Un gioco per il divertimento dei lettori, ma forse anche un grimaldello per capire più in profondità il mondo della letteratura.

Cesare Segre è nato a Verzuolo (Cuneo) nel 1928. Per molti anni ha insegnato Filologia romanza all'Università di Pavia. Da Einaudi ha pubblicato i seguenti volumi: I segni e la critica (1969 e 2008), Le strutture e il tempo (1974), Semiotica filologica. Testo e modelli culturali (1979), Teatro e romanzo (1984), Avviamento all'analisi del testo letterario (1985), Fuori dal mondo. I modelli nella follia e nelle immagini dell'aldilà (1990), Intrecci di voci. La polifonia nella letteratura del Novecento (1991), Notizie dalla crisi. Dove va la critica letteraria? (1993), Per curiosità. Una specie di autobiografia (1999), Ritorno alla critica (2001), La pelle di San Bartolomeo. Discorso e tempo dell'arte (2003), Tempo di bilanci. La fine del Novecento (2005) e Dieci prove di fantasia (2010). Per Einaudi ha inoltre curato, con Carlo Ossola, i volumi dell'Antologia della poesia italiana.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Dieci prove di fantasia 2011-02-21 14:32:40 mariaritatraina
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
mariaritatraina Opinione inserita da mariaritatraina    21 Febbraio, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL VIZIETTO DEL FILOLOGO

Quando ami la letteratura e ti ritrovi, dopo anni frequentati in una seria università, ad armeggiare spesso con le armi della filologia, ti verrebbe voglia di piangere. L'innocenza e la felicità che il mondo libro ti apriva quando la tua mente, per quanto poco consciamente, nenache sospettava l'esistenza di certe questioni, per così dire 'tecniche', gradualmente si perdono nell'erudizione e nel cavillo, sminuendo la magia che la scrittura sa dare a chi la ama. Allora c'è da chiedersi: come fa uno come Segre, grandissimo critico e profondissimo conoscitore della letteratura italiana e romanza (ma non solo), studioso tra i più importanti del nostro panorama culturale (cioè, quello che resta) a scrivere delle narrazioni dimenticando di essere quello che è?
Semplice, non ci riesce, anche se il risultato artistico definitivo è buono. Anzitutto il libro, per le sue sottili allusioni e le delicate ironizzazioni, presuppone un pubblico abbastanza eletto. Per quanto i racconti in loro stessi siano piacevoli e leggibili, tutta la loro novità si può misurare solo conoscendo (anche non in profondità, ma più si conosce più si apprezza) gli originali, in quanto su questi si misura e si sbriglia la fantasia dell'autore. Che cerca di creare varietà stilistiche, polifonia di voci, giustificazioni fantastiche, sliding doors narrative. E lo fa con abilità.
Le storie sono brevi, snelliscono opere contenute in migliaia di versi (la chanson de roland) o in lunghi anni di vita (machado e guiomar), ci mostrano un'Isotta che sembra uscita da una battaglia sessantottina con un linguaggio da teenager e un malinconico Pavese sbattuto tra le titubanze di un ipotetico ritorno impossibile.
Il fatto è che in tutto permane sempre quell' "in più" che differenzia un critico da uno scrittore e che allo stesso tempoè un "in meno": c'è un sottofondo continuo, come dei violini ostinati che sussurrano,che più che suggerire giustificano e cercano di indottrinare narrando. Pertanto i nodi delle storie restano solo tali, non vengono sviluppati, le trame sono ridotte all'osso.
In definitiva, è una buona lettura per chi volesse saperne di più sulla letteratura europea - la varietà dei racconti si potrebbe definire cronotopica - ma odia i manuali scolastici. E diventa un'ottima lettura per chi afferra tutti i giochi che l'autore si diverte a inscenare con la tradizione, salvo sentirsi, a volte, di fronte all'ennesimo (as)saggio di storia della letteratura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù
Natale a Torino. Quindici racconti al museo
Gli occhi vuoti dei santi
Parole di scuola
I racconti
Il cane che mi guardava e altri racconti del taxista
I racconti del focolare
Col gatto è meglio
Scintille. Storie e incontri che decidono i nostri destini