Narrativa italiana Racconti Fantozzi totale
 

Fantozzi totale Fantozzi totale

Fantozzi totale

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Mutande ascellari, faccia servile e baschetto di ordinanza, il ragionier Ugo Fantozzi è un pezzo della nostra storia: immortale come un cartone animato, angelico come un'idea platonica. La maschera creata da uno scrittore che ha cambiato la storia del costume e della comicità. Questo libro riunisce finalmente le sue avventure tragiche, iperboliche e paradossali. Curato dal ragionier Ugo in persona. Con un racconto inedito scritto per l'occasione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Fantozzi totale 2011-11-16 13:56:50 Nadiezda
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    16 Novembre, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ogni volta sono risate a crepapelle

Il libro parla del ragioniere più servile e famoso del mondo, precisamente il Ragionier Ugo Fantozzi. Un uomo perseguitato dalla sfortuna e dalla "nuvoletta tipica da ragionieri" quella che quando eri pronto per una gita fuori porta era lì, in un angolo del cielo, che aspettava solo di rovinarti la giornata con un acquazzone più o meno violento.
Il protagonista è sposato con Pina una donna non bella, ma fedele come la definisce lui.

Non c'è molto da dire su questo libro o meglio se continuo svelo tutte le disavventure del protagonista!
Voglio solamente aggiungere, che si tratta di un libro leggero, nato per far ridere il lettore delle disgrazie che capitano al povero Fantozzi.
Come ho scritto nel titolo ogni volta che rileggo questo libro mi faccio delle grasse risate!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Agli amanti delle letture comiche e di Fantozzi
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Fantozzi totale 2010-12-21 17:05:19 Jan
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Jan Opinione inserita da Jan    21 Dicembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Appunti di vita di un genovese crudele.

Durante alcune memorabili interviste, Paolo Villaggio ha risposto che il segreto celato dietro alla "maschera" plautina di Fantozzi è l'odio.
Il grande artista genovese non ha mai negato di invidiare i suoi colleghi,di esultare alla morte dei suoi coetanei e, soprattutto, di essere afflitto da un'invidia mostruosa.
Io adoro il lato genialmente ferino di Villaggio.
Fantozzi, in realtà una parodia di tutti noi, è cresciuto alla corte di prodromi illustri come Marcovaldo e, con soave levità, si è innalzato a sfere che hanno preceduto di molto Pennac.
Alle spalle del ragioniere, che qui è composto in una silloge delle sue più tragiche peripezie, sta Paolo Villaggio.
Il genovese classico: crudelissimo verso il mondo esterno e, contemporaneamente, dotato di una sensibilità melanconica iridescente.
Quando arrivai in Italia mi dissero che, per ridere, potevo imparare meglio questa lingua vomitevolmente difficile sfogliando alcuni vecchi libercoli da poco.
Erano i libri del ragionier Ugo Fantozzi.
Be', oggi non smetto di rileggerli.
Anche perché sono scritti veramente bene.
Che tristezza i libri scritti dai comici di oggi.
Paolo Villaggio non s'improvvisava: e ancora oggi il suo stile risulta inconfondibile.
Nonostante la lingua cartonata dell'autore e, diciamolo, la sua palese, evidente, terrificante sete inesausta di denaro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù
Natale a Torino. Quindici racconti al museo
Gli occhi vuoti dei santi
Parole di scuola
I racconti
Il cane che mi guardava e altri racconti del taxista
I racconti del focolare
Col gatto è meglio
Scintille. Storie e incontri che decidono i nostri destini