Narrativa italiana Racconti Feria d'agosto
 

Feria d'agosto Feria d'agosto

Feria d'agosto

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Racconti colmi di incanti sommessi, una prosa attenta e precisa in un libro che è un inventario dei temi più cari di Cesare Pavese: il mito innocente e selvaggio che si svela nella campagna, la solitudine metropolitana, l'io fanciullo e la memoria dell'infanzia, le contraddizioni che rimandano ai valori archetipi dell'esistere. Tre sono le parti di cui si compone Feria d'agosto: Il mare, dove le memorie infantili diventano tramite di conoscenza; La città, dove una giovinezza più adulta tenta di perpetrare il gioco delle scoperte fanciullesche; e La vigna, dove il divario fra uomo e ragazzo si fa dramma nel ricordo di un'età assoluta.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
 
Feria d'agosto 2021-09-29 13:59:17 michele87
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
michele87 Opinione inserita da michele87    29 Settembre, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La felicità è nella fanciullezza

Il libro è strutturato come un insieme di racconti, intervallati da capitoli interamente dedicati a digressioni filosofiche. Sono tre le parti principali del testo, corrispondenti alle tre fasi della vita: il mare, in cui viene rappresentata la spensieratezza della fanciullezza; la città, i cui racconti fanno riferimento ai conflitti di gioventù ed infine la vigna, in cui la maturità porta l’uomo alla consapevolezza di ciò che è veramente importante. Come in tutta la letteratura pavesiana, predomina il tema del ritorno a casa e dei bei giorni della fanciullezza ormai svaniti. La maggior parte dei racconti è pervasa da quel senso di impossibilità nel raggiungere ciò che si desidera, che può essere la vista del mare da fanciullo o l’amore da ventenni. E allora ecco che l’uomo maturo prende coscienza del fatto che l’unico modo per essere felici è chiudersi nel ricordo dei luoghi natii e dell’infanzia spensierata ormai perduta. Pur essendo caratterizzato dalla quasi totalità delle tematiche cardine del pensiero pavesiano, con le quali si può essere d’accordo o meno, il romanzo ha una struttura poco ordinata e l’alternanza di racconti a digressioni filosofiche molto ampie spesso disorienta il lettore.

Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Feria d'agosto 2014-06-06 10:44:49 enricocaramuscio
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    06 Giugno, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I luoghi, i simboli e le memorie

Un prato, una selva, una grotta, una spiaggia, una casa, ogni luogo secondo Pavese può essere un simbolo, può avere un significato assoluto, isolato dal mondo, può evocare il ricordo di un fatto, di un gesto, di un evento, può diventare perfino mito. L'autore affronta questo tema attraverso una raccolta di ventinove racconti tutti narrati in prima persona, molto suggestivi e curati nella prosa, divisi in tre sezioni, ognuna delle quali è dedicata ad un luogo e ad una diversa fase della vita. Si parte dall'inizio dell'adolescenza, quando si è ancora divisi tra il gioco e la voglia di confrontarsi con gli adulti, quando alla persistenza di alcune paure infantili fa da contraltare una nascente baldanza derivante dal desiderio di nuove scoperte. È la parte dedicata al mare, un mare che incarna la voglia di crescere e di scoprire il mondo, che rappresenta una meta agognata da raggiungere per uscire finalmente dal piccolo universo in cui si è relegati e in cui usanze, riti e abitudini si ripetono rassicuranti ma al contempo monotoni. Poi si comincia a crescere, a saperne di più, ci si allontana dalla bolla dorata dell'infanzia per affacciarsi timidamente nella vita vera. È la città il luogo che rappresenta questa crescita, è lì che si matura e ci si sviluppa, lì si fanno esperienze nuove e contrastanti. Alle feste si contrappongono le strade deserte, alle nottate in compagnia si alternano periodi di solitudine. Infine si raggiunge la piena maturità, la vita si fa più dura e impegnativa. Siamo nella terza parte, quella dedicata alla vigna che diventa l'emblema dei luoghi dell'infanzia, quelli a cui si torna piacevolmente col pensiero quando si è ormai adulti e spesso il potersi rifugiare in ameni ricordi è uno dei pochi antidoti alle asprezze che ci circondano. Rievocare le memorie infantili è altresì un mezzo per conoscere meglio se stessi e il proprio presente perché, secondo Pavese, proprio nell'infanzia è possibile trovare le tracce del nostro essere. "Il concepire mitico dell'infanzia è insomma un sollevare alla sfera di eventi unici e assoluti le successive rivelazioni delle cose...Così ognuno di noi possiede una mitologia personale che dà valore, un valore assoluto, al suo mondo più remoto, e gli riveste povere cose del passato con un ambiguo e seducente lucore dove pare, come in un simbolo, riassumersi il senso di tutta la vita."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
270
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il girotondo delle iene
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Spizzichi e bocconi
La coscienza di Montalbano
Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
A grandezza naturale
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù
Natale a Torino. Quindici racconti al museo
Gli occhi vuoti dei santi
Parole di scuola
I racconti
Il cane che mi guardava e altri racconti del taxista