Narrativa italiana Racconti Manuale per ragazze di successo
 

Manuale per ragazze di successo Manuale per ragazze di successo

Manuale per ragazze di successo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Sette racconti, sette ritratti di donna. Ragazze in lotta per l'amore, la maternità, il lavoro; donne che fanno carriera o ereditano fortune; donne che perdono il lavoro, vengono tradite e lasciate, provano a fare i conti con la sconfitta; che ricominciano, si ribellano, navigano a vista tra le tempeste del quotidiano. Accanto a loro uomini disorientati, capaci solo di lasciarsi vivere, privi del coraggio, dell'ironia ma certe volte anche della solitudine che circonda le loro compagne. Con uno stile asciutto Paolo Cognetti descrive, tra educazioni sentimentali e racconti di formazione, i capitoli di un immaginario "manuale per ragazze di successo": sette modi di trovare o perdere la felicità, sette storie che parlano con la voce di una nuova femminilità.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Manuale per ragazze di successo 2018-01-20 05:09:24 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    20 Gennaio, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tutte le vite meritano compassione

Manuale per ragazze di successo è una silloge di racconti di Paolo Cognetti nei quali la donna è narratrice o comunque protagonista dei disagi, delle evoluzioni sociali del rapporto di coppia, dei successi economici o delle difficoltà che la generazione dei cosiddetti millenials deve affrontare.

Così, nel primo racconto (Educazione e cortesia in mare) la giovane narratrice analizza la fine del rapporto con Nicola durante il viaggio che la coppia intraprende verso il sud per partecipare al matrimonio della madre. I rapporti falliscono per il classico dilemma tra uguali e opposti? (“Due persone devono avere almeno una decina di cose importanti in comune, per stare davvero bene insieme… Tutti siamo affascinati dal nostro opposto, ma quella è attrazione erotica, ma… due veri amanti devono essere uguali…”).

Nel quarto racconto (Fare ordine) Sara è una photo editor che cerca invano di partecipare i propri problemi lavorativi al compagno, che invece l’ha appena tradita e s’interessa piuttosto dell’auto che intralcia il percorso del tram (“La campana del tram batte quattro colpi a ripetizione. Din din din din”).

In “Tre bambine non possono giocare insieme”, una giovane ereditiera alla vigila della maggiore età, con la propria compagna e nell’agriturismo paterno, ripercorre il ciclo economico di una famiglia del nord est. Il nonno ha venduto le sue terre e si è imbarcato in un’impresa fiorente: partito come ciabattino, ha commercializzato prima anfibi e poi ha fatto fortuna brevettando scarpe di gomme. I figli hanno venduto l’azienda e hanno fallito. Toccherà a lei riscattare le sorti familiari?

“Orientarsi con le stelle” è ambientato nell’autogrill di Modena Nord: ai ritmi del traffico sulle due carreggiate dell’autostrada, il compagno gommista assiste alla carriera di Bet (“Date a una donna una carriera e vedete quello che succede”) e ne paga le conseguenze.

“La ragazza che sei stata” (“Avevo un lavoro a Malpensa, oltre a un paio di amanti: consegnavo le valigie smarrite…”) decide di cambiare vita e interrompe con violenza la sua relazione con Marco, quando l’insoddisfazione finalmente scatena in lei il desiderio di reagire (“Cercavo un buon ricordo nella mia vita adulta. Non mi veniva in mente niente”).

Un sottofondo di tristezza, d’incompiutezze e di angoscia pervade l’opera sino alla conclusione (“Tutte le vite meritano compassione. Se c’è qualcosa di buono, è che ogni vita perdente è una storia e questa è la mia”).

Giudizio finale: generazionali, vagamente sociopatici, questi racconti stanno forse alla base della fuga in montagna di Cognetti?

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La vita bugiarda degli adulti
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La vita gioca con me
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Questione di Costanza
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri