Narrativa italiana Racconti Purché non sembri Natale
 

Purché non sembri Natale Purché non sembri Natale

Purché non sembri Natale

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Ammettiamolo: Natale è tempo di scelte. E il più divisivo. Gli schieramenti principali, in realtà, prima di azzuffarsi sulle alternative pranzo o cenone, albero o presepe, panettone o pandoro, si confrontano proprio sulla festa in sé. Quell’atmosfera che per alcuni significa magia, soffici nevicate e insondabile desiderio di bontà, per altri è più semplicemente inutile stress e insopportabile routine. Ed ecco dunque fronteggiarsi gli irriducibili amanti del Natale e i contrari a priori. Tra la formazione dei folletti di Santa Claus e quella degli inguaribili Grinch allergici a ogni manifestazione di buoni sentimenti d’occasione si cela, tuttavia, un’inesplorata terra di mezzo ricca di sfumature. Questa raccolta nasce proprio dal desiderio di avventurarsi lungo questa strada e soddisfare le esigenze di chi, stanco delle opposizioni un po’ bidimensionali e scontate, cerca punti di vista originali e nuove vie da percorrere. In questo volume le voci uniche dei più amati autori italiani contemporanei e le più originali penne internazionali si alternano per guidarvi in un viaggio all’insegna dell’inatteso. Se Pino Cacucci, Gianrico Carofiglio, Piero Colaprico e Antonio Pascale vi accompagneranno lungo le più oscure vie del male, Maeve Brennan, James Herriot, Roberto Perrone e Nadia Terranova vi mostreranno che anche il più classico dei Natali nasconde delle crepe. Andrea Molesini, Luca Ricci e Jean Stafford vi presenteranno tre insospettabili protagonisti alle prese con lo spirito natalizio, mentre Morley Callaghan, Mavis Gallant e James Thurber vi daranno prova dell’importanza di sapersi lasciare sorprendere. E se le sorprese migliori, in fondo, sono quelle in grado di scardinare le nostre aspettative, il Natale non è esente da questa regola: ogni Natale ha un suo perché. Purché non sembri Natale.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Purché non sembri Natale 2018-12-05 17:57:25 ornella donna
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    05 Dicembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un Natale anticonformista

Il Natale da sempre evoca calde atmosfere: il camino acceso, una bella cioccolata calda, le luci variopinte, la magia della neve che cade lenta, lenta… Ebbene se cercate quello che ho appena detto non leggete questo libro: Purchè non sembri Natale. Una raccolta di racconti che hanno per protagonista, per un modo o per un altro, il Natale, ma andando controcorrente. Infatti:
“E’ nata così l’idea per l’antologia che avete in mano, una raccolta di racconti che, attraverso toni, ambienti ed epoche diverse, dia conto a questa varietà, dando voce soprattutto alla dissonanza, agli sguardi verso il Natale meno convenzionali e rappresentati, meno riconosciuti.”.

E allora c’è, ad esempio, il racconto di Roberto Perrone in cui il figlio Giovanni non vuole andare a festeggiare il Natale a Milano, perché è sempre andato in Liguria. Lui è deciso a fare il tutto per tutto per continuare la tradizione. E poi c’è il Natale di Bari, Milano, Roma con Gianrico Carofiglio, Piero Colaprico e Antonio Pascale.

Poiché:

“se la famiglia era nel futuro, le radici si infilano ben salde nel passato.”

Il Natale attende, infatti è:

“un rito che va avanti da 2000 anni. E vieni, vieni, il Natale ti aspetta, i tuoi cari stanno per sedersi a tavola a mangiare.”

Un’antologia di racconti di grande fascino, poiché:

“Il Natale migliore è quello che riesce a sorprenderci.”

Un unico volume che dà spazio alle voci parlanti di autori famosi per

“guidare il lettore in un viaggio all’insegna dell’inatteso.”

Una bella, calda ed intrigante, lettura natalizia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Il tunnel
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lazarus
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri