Narrativa italiana Racconti Storia di Irene
 

Storia di Irene Storia di Irene

Storia di Irene

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Tre storie "di mare". "Storia di Irene l'anfibia" è la storia di Irene, cresciuta insieme a due delfini, e promessa in sposa a uno di loro, ed è la storia di una meravigliosa sirena che, non più accetta alla terra, sgualdrina incinta, si sottrae all'uomo che l'ha ascoltata e ora vorrebbe trattenerla, raccontandole a sua volta storie incantatrici. "Il cielo in una stalla" narra di cinque scampati alle rappresaglie tedesche si trovano in una stalla e devono guadagnare la salvezza attraversando nottetempo il mare che divide Sorrento da Capri (terra liberata). In "Una cosa molto stupida" un vecchioricorda, a occhi chiusi, quando fu salvato dalle acque, in tempo di guerra, e restituito alla vita.



Recensione della Redazione QLibri

 
Storia di Irene 2013-10-02 07:27:42 C.U.B.
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    02 Ottobre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Irene, Aldo, il nonnino

Alice guarda i gatti e i gatti guardano nel sole, mentre il mondo sta girando senza fretta...
Irene guarda il mare  e il mare gioca con la sabbia, mentre Irene fa l'amore coi delfini...
Leggo Erri De Luca e non posso che canticchiare  Francesco de Gregori, c'e' affinita' nella musica, i suoni si chiamano, mischio le parole, ci stanno bene.

Irene ha quattordici anni, non parla e non sente sulla terra ferma, le altre donne l' hanno isolata.
Vive di mare su una piccola isola, Irene e i suoi delfini, Irene ed il ventre gonfio e  teso, Irene e una creatura che cresce. Irene che regala un figlio alle onde, Irene che dona una storia a un uomo.

Il volume conta tre racconti, tre aneddoti di vita e fantasia raccolti  per strada da un autore che incrocia vite, ascolta momenti, crea contorni o dettagli, arrichisce e abbellisce coi connotati che piu' si impastano alla carta. Tre storie dall'agricoltura di piccole esistenze, direttamente sulla nostra tavola gia' condite e pronte per vellutare il palato.
Un'isola greca e il suo profumo di vento e sale, creature di terra e creature di acqua.
Un uomo di nome Aldo, Aldo De Luca, papa', una bomba che distrugge una casa e volumi da raccogliere, gli unici oggetti che non temono sciacallaggio.
Un nonnino denutrito, le lacrime scaldano il viso gelato dal vento di un inverno napoletano, una mandorla si scioglie in bocca.

Libro breve, la prosa poetica e' sovrana  e ci regala momenti intensi, di dolcezza e di vita, di amarezza e di morte, a meta' strada tra favola e realta' con accenni autobiografici talvolta, con sottile polemica a punzecchiare tra le righe talaltra.
Non amo i racconti ma l'autore mi piace molto, STORIA DI IRENE non e' tra i miei romanzi preferiti di De Luca ma  e' sempre e comunque un piacere passare un po' di tempo in sua compagnia, tra ovatta e sangue, solitudine e fantasia.

...ma la sposa aspetta un figlio e lui lo sa, non e' cosi' che se ne andra'...

Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
420
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0  (6)
Contenuto 
 
3.8  (6)
Piacevolezza 
 
3.7  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Storia di Irene 2022-08-31 17:48:24 Laura V.
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    31 Agosto, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Racconti tra il fantastico e il reale

Un racconto - al di là della vicenda narrata quasi inverosimile - forse non eccezionale, ma che comunque si presta a una lettura anzitutto scorrevole, piacevole e, a tratti, non priva di qualche nota poetica di grande profondità. Colpisce molto la figura della giovane protagonista, figura "anfibia" che si divide tra terra e mare, sullo sfondo di una piccola isola greca e di un angolo del Mediterraneo, già di per sé affascinante e carico di miti antichi, in cui i delfini accolgono nel loro mondo, ancor meglio degli esseri umani, la piccola orfana.
In verità, più della "Storia di Irene", ho apprezzato ancor di più gli altri due racconti brevi racchiusi in questo stesso volumetto: "Il cielo in una stalla" e "Una cosa molto stupida": il primo è ambientato tra Sorrento e Capri sullo sfondo della seconda guerra mondiale ancora in pieno svolgimento con tutti i suoi orrori, attingendo alle memorie familiari dello scrittore medesimo; il secondo, a mio parere ancor più bello e toccante, trova invece ambientazione in una Napoli dove miseria e fame si rivelano spietate, mettendo in scena il dramma di un uomo anziano, magro e senza denti che ormai per la propria famiglia, insieme a cui abita, finisce per rappresentare soltanto un peso che sottrae risorse. Un bellissimo racconto, quest'ultimo, nel quale, malgrado il freddo pungente dell'inverno e complice una noce piovuta dal cielo, un po' di sole dona l'ultimo, insperato respiro di felicità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Storia di Irene 2015-06-23 17:41:16 ant
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
ant Opinione inserita da ant    23 Giugno, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Irene il mare e la gente

Tre storie in questo libro, una su tutta quella di Irene, una bambina salvata in mare dai delfini e cresciuta orfana su un’isola greca, che di giorno vive in terraferma, di notte si unisce in mare alla sua vera famiglia. Irene decide di raccontare la sua vita a un viandante, che per forza di cose ogni lettore identifica nell'autore. Struggenti i dialoghi tra Irene ed il suo interlocutore con cui parla in modo poetico e fantasioso di tanti argomenti(la maternità, i rapporti con gli altri, la storia dei posti etc). Gli altri due segmenti del libro, che comunque sono molto validi ,riguardano, il primo: una fuga di notte in mare durante la seconda guerra mondiale, da Sorrento a Capri, di 5 amici in cerca di libertà. Il secondo: un anziano che ricorda , sempre del periodo bellico, di quando fu tratto in salvo dalle acque. Concludo estrapolando un passaggio dove Irene racconta dell'accoppiamento dei delfini(pag 53):
...""ogni delfino maschio deve girare il mondo, viaggiare per gli oceani, nello sgomento della libertà che all'inizio è un esilio...i mammifferi terrestri nell'accoppiamento stanno fermi sul posto. I delfini no, muovono la coda e vanno insieme alle spinte dell'amore. Vanno, senza sapere dove, a occhi chiusi e con il sonar spento, affidati al mare e al loro viaggio a due""...
Poetico

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Storia di Irene 2015-01-03 13:12:30 Riccardo76
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Riccardo76 Opinione inserita da Riccardo76    03 Gennaio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Terra e mare guerra e pace

De Luca ci consegna altre pagine di prosa poetica. I tre racconti che compongono il libro non sono collegati tra loro se non da colui che gli raccoglie e ce li racconta, dal mare e dalla lotta per la vita.
In storia di Irene, il più intenso e significativo dei tre, De Luca ci narra di una ragazza di 14 anni, in attesa di un "bimbo", rimasta orfana e adottata dal mare e dai suoi abitanti, nello specifico delfini, a mio parere i più nobili abitanti del mare. Irene è come una sirena, più pesce che donna. La terra e il mare contrapposti come guerra e pace, gli uomini la emarginano, i delfini ne fanno una di loro anche se diversa.
Una bellissima storia a metà tra fiaba e leggenda. Poetiche alcune frasi: "Sono stato investito dal suo vento che mi passava a fianco e sotto la schiena. Era una carezza profonda che partiva dai piedi e percorreva il corpo fino a proseguire oltre la nuca. Ho chiuso gli occhi e ho nuotato i più leggeri metri della vita."
Poi di Irene sostiene: "tu sei la congiunzione - e - che tiene insieme terra e mare".
La seconda storia è quella di Aldo De Luca, papà di Erri, che conduce alla salvezza se stesso e altri cinque compagni, su una piccolissima barca, attraversando il tratto di mare che separa la vita dalla morte.
Il terzo, brevissimo racconto, è quello di Don Saverio, anziano e umile uomo che racchiude simbolicamente il suo essere e la sua esistenza in una mandorla.
Tre storie distinte a far da cornice ad un unico messaggio: il regalo della vita, per essa si deve combattere, lottare, ringraziare prendendosi cura degli altri, nonostante le difficoltà dei contrapposti guerra e pace, morte e vita.
Racconti molto intensi, scritti con la solita eleganza "De Luchiana", con la solita cadenza poetica. Bel libro per il suo significato, non tra i miei preferiti di De Luca, ma comunque sempre di buon livello.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
Storia di Irene 2014-05-09 11:17:30 SARY
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
SARY Opinione inserita da SARY    09 Mag, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Racconti

Questo libricino racchiude tre racconti di varia natura, slegati tra loro, a tratti autobiografici e a tratti surreali. Contiene riflessioni profonde, verità odierne e passate, piccole perle di saggezza. Tocca temi di portata notevole, senza però approfondirli, quali la guerra, la religione, la meschinità dell’essere umano. Le descrizioni degli ambienti sono brevi ma vincenti, i fatti sono pochi, i pensieri molti. Non è di facile comprensione, il lettore si rende conto fin dalle prime battute di avere tra le mani qualcosa di più di un semplice romanzo, richiede una buona dose di concentrazione. Una penna colta, filosofica, poetica, di alto livello, un’opera di qualità.
Concludendo, una lettura impegnativa, foraggio per mente e spirito, da rileggere più volte per cogliere appieno il significato.

“La nostra specie umana ha bisogno di storie per accompagnare il tempo e trattenerne un poco. Così io raccolgo storie, non le invento. Vado dietro la vita a spigolare, se è un campo, a racimolare, se è una vigna. Le storie sono un resto lasciato dal passaggio. Non sono aria ma sale, quello che resta dopo il sudore.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
Storia di Irene 2014-01-20 04:12:37 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    20 Gennaio, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UNA DONNA TRA I DELFINI

“Storia di Irene”, il primo dei tre racconti di Erri De Luca contenuti in quest’opera, è una storia…

MEDITERRANEA…

Nel Mediterraneo solcato dalle vele dei VIP e dai barconi dei disperati, l’autore traccia un’ideale congiunzione tra la sua Napoli (“Il sole sorge dietro il vulcano e tramonta sui campi che fumano zolfo”), così impregnata di mitologia (“La sua prima divinità, Partenope, era una ragazza delle onde”) e la Grecia delle isole (“L’isola è sfrangiata, con ripari gettati alla rinfusa da eruzioni scivolate a mare”), del vento (“Il cielo greco è strigliato dal vento. Per mesi qui non galleggia un fiocco di nuvola”), dei tramonti (“Il tramonto addosso alla sua isola è un crollo di luce che si schianta in frantumi”). La Grecia è l’isola di Lipsi e Patmos (“Aspetto dal terrazzo la sua calata paonazza sull’isola di Patmos”).

… MITOLOGICA…

E come nella mitologia Romolo e Remo sono stati allattati da una lupa, Irene vive con i delfini: “Ora so che lei sta con i delfini. La portarono a riva da bambina. La nutrirono del loro latte denso e delle alici azzurre. Imparò le onde sonore che ricevo e sono un fruscio di mare dentro la conchiglia dell’orecchio.” E non conosce la sua discendenza: “Chi erano i suoi. Non lo sa, è stata raccolta sulla spiaggia dopo una burrasca”.

… ALLEGORICA…

Sul trauma (“Poi si viene espulsi, è successo a ognuno, cacciato via da un grembo, il più perfetto centro di universo”) della nascita (“Nascere in mare è passare da un liquido stretto a uno sconfinato”), sul significato della vita (“L’immensità del mare è sorella maggiore del grembo materno”)

… DA RACCONTARE

Irene ha una storia da raccontare, la sua: “Irene chiede se raccolgo pure le storie che non sono ancora un resto. Lei ne porta una nel ventre.”
“Irene cerca in me il vuoto di bottiglia in cui imbucare il suo racconto.”
Naturalmente, lo scrittore aderisce alla richiesta per realizzare la sua natura: “Ci si affranca dagli incubi e dalle visioni spargendole tra gli altri”.

In questa raccolta di racconti ritroviamo l’amore dell’autore per la classicità (nella gratulatoria: “il mio debito greco”), per gli aspetti linguistici (“… alla Grecia che ha sparso nel mondo il suo vocabolario, neanche grazie”) e culturali (“Ho studiato al liceo la lingua di Omero, ma per parlare con un suo nipote greco devo andare a bussare a casa di Shakespeare”), numerico-simbolici (“Il sei è il beniamino di natura: l’esagono perfetto eseguito dalle api, dai fiocchi di neve, dal ghiaccio, dai cristalli”) e ludici (la giostra degli specchi, la morra cinese: sasso, forbice, carta).
Quanto allo stile, quello di Erri De Luca è inconfondibile: procede per aforismi. Come questo, sulla corona: “Solo quella di spine, intorno alla fronte dell’uomo, riscatta l’oggetto e il soggetto.”

L’opera contiene anche IL CIELO IN UNA STALLA, storia della fuga (“Chiese all’anziano come stava. Come uno che è passato a piedi nel Mar Rosso”) – durante il secondo conflitto mondiale - di Aldo De Luca, sottotenente degli alpini che si rifugia a Capri in compagnia di altri fuggiaschi, tra i quali un ebreo (“Da quanto tempo sei clandestino? Da duemila anni”); e UNA COSA MOLTO STUPIDA, un racconto molto triste sulla vecchiaia.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
...mitologia. Le opere di Omero, citato dall'autore.
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
Storia di Irene 2013-10-07 22:15:07 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    08 Ottobre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Kum! Alzati!

"La nostra specie umana ha bisogno di storie per accompagnare il tempo e trattenerne un poco. Così io raccolgo storie ,non le invento. Vado dietro la vita a spigolare, se è un campo, a racimolare, se è una vigna.
Le storie sono un resto lasciato dal passaggio. Non sono aria ma sale, quello che resta dopo il sudore".
di Erri De Luca da Storia di Irene; Feltrinelli 2013.

Tamar di Cananea, Rahav di Gerico, Rut la Moabita, Bat Sheva/Betsabea,Miriam/Maria madre di Gesù, Erri De Luca ci ha descritto l'universo femminile fin dall'inizio della sua avventura narrativa, nella società liquida che ci circonda, dove la donna è assassinata perchè è donna, lo scrittore partenopeo indica e descrive la profondità dell'animo femminile, ci racconta quei totem di virtù,forza e sapienza che furono Rut,Maria,Rahav etc. Esse in De Luca tornano ad essere la stella polare per gli uomini contemporanei, questi marinai disperati del Ventesimo secolo che non sanno più che rotta prendere. Irene è il nome della nuova eroina, orfana quattordicenne, vince la solitudine dell'isola graca che l'ospita dividendo la sua vita con il mare e i suoi abitanti, in particolare i delfini. Dunque l'eplorazione dell'altra metà del cielo Erri De Luca la continua ancora una volta dotandosi dell'umiltà del contadino che coglie grappoli di parole fertili e preziose nei filari di vobaboli dell'Antico Testamento e della Mitologia Greca e ci consegna una fiaba senza tempo. Anche il secondo episodio racconta il mare, quello della Terra delle Sirene di Norman Douglas, quel tratto breve e pericoloso che divide Massa Lubrense da Capri. Nel '43 chi voleva togliersi "la guerra di dosso" doveva attraversarlo e così sfidare le mine, il chiarore della Luna che faceva da spia ai cecchini nazisti e le onde del mare agitato. In quel tempo lontano, Aldo De Luca, padre dello scrittore, e altri cinque compagni riusciranno ad attraversare quel mare di Sirene assassine per guadagnare la costa di Capri ormai in mano agli Americano. I fuggiaschi dopo essersi lasciati alle spalle Napoli bombardata, Sorrento occupata e l'Italia spazzata in due da Badoglio e Mussolini guidati dalla sapienza di un ebreo (errante) raggiungeranno la libertà. Infine l'ultimo racconto della trilogia racconta la vecchiaia , quando si scopre inutile zavorra , come il vecchio che , sempre durante la guerra, decide che il suo sacrificio garantirà qualche porzione in più a chi, figlio o nipote, ha bisogno più di lui di nutrirsi.
Kum , alzati!, disse il Signore a Giona, ma lui che fece ? Fuggì come molti di noi fanno, nella direzione opposta fino a cadere nello stomaco della balena. Ma non si può fuggire a Dio,non si può fuggire al suo Kum! Miriam , Rut etc ce lo hanno insegnato, Giona alla fine lascerà il ventre della balena e nuovamente partorito, servirà Dio.
Kum! Irene si alza e segue il suo destino.Kum! Aldo , soldato dell'esercito italiano in Albania si alza e segue il suo destino. Kum! Un vecchio si alza e respira l'ultimo sogno, su uno scoglio a Santa Lucia sotto il Vesuvio che, a Febbraio, ha indossato la sua sciarpa di neve più bella intorno al grosso cono nero.

di Luigi De Rosa

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

A schiovere
Tre ciotole. Rituali per un anno di crisi
Un buon posto in cui fermarsi
Finché divorzio non vi separi
La guerra privata di Samuele
Spizzichi e bocconi
La coscienza di Montalbano
Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
A grandezza naturale
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù