Narrativa italiana Racconti Tra due guerre
 

Tra due guerre Tra due guerre

Tra due guerre

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La presentazione e le recensioni di Tra due guerre e altre storie, racconti di Mario Rigoni Stern editi da Einaudi. Una raccolta di racconti fulminei, eppure ricchi di narrazione dove s'intersecano più piani temporali e diversi luoghi geografici. Usciti nell'arco di oltre vent'anni sulle pagine del quotidiano "La Stampa", questi racconti privilegiano il "viaggio della memoria" sulle orme dei racconti di guerra, di entrambe le guerre che hanno devastato l'Europa. Un intreccio fra il tempo presente e un passato più o meno lontano, dalla Prima alla Seconda guerra mondiale, fino ad arrivare al racconto dei viaggi in Russia compiuti prima del crollo del Muro.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tra due guerre 2008-10-30 02:38:50 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    30 Ottobre, 2008
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un po' di storia

Sono cinquantotto le storie che compongono questa raccolta di racconti apparsi, in parte, nell’arco di oltre vent’anni sulle pagine del quotidiano La stampa.

I temi affrontati sono quelli cari all’autore asiaghese e cioè la guerra, la montagna e la natura, ma c’è anche la ricerca di qualche cosa di nuovo, onde evitare, inevitabilmente, di ripetersi.

Si passa così dalle Storie della prima guerra mondiale, in cui alla fantasia creativa è lasciato poco spazio per dare invece una visione dei fatti sulla base di documenti o della memoria di chi vi partecipò, per affrontare poi in modo più partecipe quelle della seconda guerra mondiale.

La differenza fra le prime e le seconde è data dal fatto che Stern è nato nel 1921, quindi a conflitto già concluso, mentre quelle della seconda guerra mondiale sono frutto della sua testimonianza diretta di fatti ed eventi, ripescati dallo scrigno della memoria, con l’aggiunta di interessanti riflessioni. Al riguardo, esemplare è Nel cuore la rabbia del Don, sugli eventi dell’8 settembre 1943, dove l’esperienza diretta (l’autore fu fatto prigioniero dai tedeschi e deportato in un lager) si fonde con razionalità con l’aspetto puramente storico, riuscendo così a fornire un quadro esauriente dello stato di incertezza prima e di rabbia dopo dei nostri soldati, abbandonati dal re e da Badoglio alla mercé dell’ex alleato.

Ci sono però anche Le storie dell’est, resoconti di viaggi di Stern ritornato nell’Unione Sovietica sui luoghi teatro del suo celeberrimo Il sergente nella neve. In questi ho rilevato che al sentimento di ammirazione per il popolo russo, di cui non si sentì mai nemico, si aggiunge un certo compiacimento per quella realtà post bellica comunista che tuttavia non ritengo frutto di una scelta politica, bensì di un ampliamento della base di ammirazione di cui ho appena accennato. Così ci sono visite ai luoghi di battaglie, commoventi ritorni dove tanto si è sofferto, emozione che l’autore riesce a trasmettere tangibilmente al lettore, ma anche la visita a un collcos, con tanto di festeggiamenti e di pranzo speciale, oppure disamine tecniche di quell’economia i cui risultati sembrerebbero soddisfarlo pienamente.

Troviamo, però, anche nuovi orizzonti letterari, che vanno oltre le pur belle Storie dell’Altipiano (stupendo è il ricordo del giorno dei Morti di quando lui era fanciullo), e che sembrano inaugurare un nuovo filone che comunque in seguito non sarà sviluppato.

Ed è un peccato, perché i racconti delle Storie dall’Europa, pur svolti con quell’indole volta a privilegiare le radici di un popolo e la natura in cui vive, assumono una veste nuova, una specie di desiderio recondito di andare oltre i confini della propria esperienza diretta per abbracciare realtà diverse, viste con l’occhio e la creatività di un osservatore esterno.

Però, Rigoni Stern è uomo che scrive soprattutto della sua vita, con una mano felicissima, con un’indole poetica naturale che fanno assumere alla narrazione un carattere autonomo e del tutto unico, in un giusto equilibrio fra fatti e inventiva.

Proprio per questo qualcuno ha lamentato il ripetersi dei suoi argomenti, il riprendere un evento già raccontato per riproporlo in una prospettiva e in una stesura diversa, fermo restando l’immutabilità della storia. Qualche cosa del genere c’è anche in Tra due guerre, ma, pur sovvenendomi di aver già letto di un certo fatto, ho potuto apprezzare la diversa visuale, l’esposizione in altri termini, ritraendone, anziché un fastidio, un ulteriore motivo di compiacimento per la indubbia capacità artistica di questo autore.

Tra due guerre è un libro senz’altro da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Tre cene
Chiaroscuro
Angeli e carnefici
Sei casi al BarLume
Il libro dei mostri
Le ragazze sono partite
Come una storia d'amore
Le piccole virtù
Natale a Torino. Quindici racconti al museo
Gli occhi vuoti dei santi
Parole di scuola
I racconti
Il cane che mi guardava e altri racconti del taxista
I racconti del focolare
Col gatto è meglio
Scintille. Storie e incontri che decidono i nostri destini