Tutti al mare Tutti al mare

Tutti al mare

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


È il primo agosto del 1985 quando Michele Serra parte da Ventimiglia su una Panda con destinazione Trieste. A piccole tappe, giorno per giorno, raggiungerà la meta finale un mese dopo, il 31 agosto. Ogni sera si ferma e detta un articolo al suo giornale, "l'Unità", descrivendo luoghi, persone, abitudini, mediocrità e sfaceli dell'Italia balneare. Ne esce un diario intimo che proprio in virtù della sua arbitrarietà e soggettività coglie nel segno. Il libro è illustrato con le vignette di Sergio Staino.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tutti al mare 2013-12-16 07:09:49 drysdale
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
drysdale Opinione inserita da drysdale    16 Dicembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Se ve lo siete perso, recuperatelo!

Lessi questo testo, per la prima volta, tanti anni fa. Era in un’edizione diversa, ormai introvabile, che persi, in malo modo, rimpiangendola. Me l’aveva regalata un amico sorridendo, e poi capii perché.
Ricordo ancora quando avvenne la lettura. Era una giornata incredibilmente afosa di luglio, le vacanze ancora lontane, i condizionatori assenti. In casa, l’unico sistema di sopravvivenza era rappresentato dall’immobilità più assoluta, seduto sul divano, nella penombra. Ogni minimo movimento era produttivo di istantaneo sudore appiccicaticcio.
“Tutti al mare” giaceva su un ripiano della libreria già da qualche settimana: era un librettino di poche pagine, scritto fitto, da autore sconosciuto. Quel giorno, non potendo fare null’altro che leggere, pensai di sfogliarne qualche pagina: il minimo utilizzo di movimento fisico avrebbe reso fattibile l’impresa. Tra l’altro, il titolo si addiceva al periodo stagionale.
Lo lessi in poco più di tre ore, senza soste, e in quelle smisi perfino di avvertire il caldo. E risi come mai mi era avvenuto con un libro. Se vi è sfuggito, recuperatelo perché ne vale assolutamente la pena.
“Tutti al mare” è una raccolta di articoli che Serra (ma che grande!) produsse nell’agosto dell’85 come inviato, allora, dell’Unità. A quell’epoca il suo nome era ai più ignoto, ma la qualità del suo scrivere, l’ironia, lo humor e le capacità descrittive non passarono inosservate. Così, quella che lui stesso descriverà, poi, come una propria iniziativa per riempire un po’ il giornale in periodo tradizionalmente asfittico di notizie (agosto, per l’appunto), si risolse in un tale successo da indurre Feltrinelli - scomparsa rapidamente la prima edizione by Milano Libri – a ripubblicare quattro anni dopo la raccolta di articoli, in tale circostanza impreziosendola con le illustrazioni di Sergio Staino (il creatore del mitico “Bobo”).
Ecco come andarono le cose.
Con budget limitato e a bordo di una Panda 4 x 4, messa a disposizione dallo sponsor Fiat, Serra, il 1° agosto dell’85, partì da Ventimiglia per un viaggio, lungo circa 4.000 chilometri (ultima tappa Trieste, trenta giorni dopo), che lo avrebbe portato a toccare tutte le principali località della costa peninsulare, trasmettendo al giornale, quotidianamente, un servizio sulle esperienze vissute.
Ciò che ne venne fuori, e che purtroppo, a quasi trent’anni da allora, appare immodificato, se non ulteriormente peggiorato, fu la perversa strategia paesaggistica (spesso legata a connivenze politiche; qualche volta anche a quelle malavitose), il degrado, il malcostume locale (ma anche quello turistico) che ha relegato negli anni quella che doveva essere una risorsa primaria dell’italico paese a coacervo di speculazione e trascuratezza nonché di vero e proprio abbandono.
Una cronaca che avrebbe potuto essere, in genere, solo tristissima, ma che Serra, descrivendo, luoghi e realtà locali con l’ironia e l’uso del “colore”, di cui è maestro, riuscì, senza nulla nascondere delle ignominie riscontrate, a rendere nello stesso tempo riflessiva e divertente
In certe pagine troverete delle descrizioni talmente esilaranti che se presente qualcuno nelle vicinanze verrà a chiedervi che diavolo state leggendo che vi faccia ridere in maniera così rumorosa (nei passaggi a Vico Equense e al villaggio Valtur di Crotone, per citarne un paio, vi ritroverete, probabilmente, con le lacrime agli occhi).
Ho riletto “Tutti al mare” in questi giorni, ricavandone le stesse riflessioni e risate di allora. Un testo che garantisco 100%.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri