L'uomo che trema L'uomo che trema

L'uomo che trema

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Vorremmo dirvi: fidatevi. Questo è un memoir di una potenza rara. È la storia della depressione di un giovane uomo, o meglio è la storia di un giovane uomo che guarda il suo male in faccia per cercare di capire più che può. Usando tutte le armi che ha: l'intelligenza, la forza delle parole, la letteratura, l'arte, la musica, l'ironia, la memoria. L'uomo che trema racconta, s'inoltra nel dirupo della vita di tutti i giorni, non si ferma davanti a niente. Se la sua storia è simile a quella di undici milioni di persone nel nostro Paese, il suo modo di rivelarla non ha molti paragoni. Andrea Pomella è nato a Roma nel 1973. Ha pubblicato delle monografie su Caravaggio e su Van Gogh, I Musei Vaticani (Editrice Musei Vaticani 2007), il saggio 10 modi per imparare a essere poveri ma felici (Laurana 2012) e tre testi narrativi: Il soldato bianco (Aracne 2008), La misura del danno (Fernandel 2013) e Anni luce (Add 2018). Scrive su «Doppiozero» e «minima & moralia». L'uomo che trema racconta. Guarda la sua malattia come se fosse un corpo estraneo, lo viviseziona, cerca di capire qualcosa d'importante, e di farcelo capire. È in gioco il senso di tutto, per lui, che sa che più si è depressi «più le cose si fissano nell'attesa di farsi ghiaccio», come scriveva Cioran. E, in un certo senso, la sua cronaca è di ghiaccio. Proprio per questo emoziona nel profondo. Le reazioni del corpo e della psiche alle aggressioni chimiche dei farmaci, la paura, i vari incontri con gli psichiatri, il rapporto con la compagna e con il figlio costretti a convivere con i tumulti della malattia. Le corse per le vie di Roma, le passeggiate nei luoghi di Giuseppe Berto, autore de Il male oscuro. E, al culmine della sofferenza, l'appuntamento che riporta in vita un antico fantasma di famiglia, il padre ripudiato. Uno spiraglio di luce, la possibilità di pronunciare, forse, la parola «guarigione». Leggere questo libro significa immergersi nel mondo di un altro fino a sentirlo completamente tuo. Significa seguire passo dopo passo, con i sensi in allerta, il percorso da una condizione di dolore assoluto a una condizione nuova e possibile. Significa, letteralmente, essere rapiti. Perché a conquistarvi sarà la temperatura di ogni riga, la pasta della scrittura, l'intelligenza febbricitante, la qualità dello sguardo. In una parola: la voce dell'uomo che trema.

Recensione della Redazione QLibri

 
L'uomo che trema 2018-09-23 06:07:44 siti
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    23 Settembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

OGNI UOMO TREMA

È un resoconto dettagliato di uno stato patologico, quello legato alla depressione, che accompagna l’autore, un quarantacinquenne, nel suo percorso di vita. Ha il sapore dell’amarezza quando i limiti imposti dalla malattia si fanno insopportabili, paralizzanti ed escludenti. Ha il sapore della speranza quando il paziente cerca l’aiuto del medico e si affida alla chimica per ristabilire gli scompensi che causano il suo malessere. Ha il sapore del disinganno quando ci si imbatte nella scarsa empatia di chi lo dovrebbe sostenere. Ha tutta la magia di un tentativo di vivere nel racconto della quotidianità in seno alla sua famiglia: è sposato e ha un bimbo piccolo. Riesce ad amare e a essere amato. Lavora e anche in quell’ambiente, almeno quello più recente, trova comprensione.
Dietro la storia personale della malattia c’è in fondo il male di vivere, quello di tutti. C’è poi quello specifico, la depressione, una cassa di risonanza quasi delle stesse percezioni e difficoltà che si sposano alla condizione umana. C’è inoltre una grande capacità di razionalizzare lo stato patologico, di scinderlo dalla vera essenza della persona. Vi è poi il vissuto, a partire dall’infanzia, l’abbandono del padre e la punizione inferta dal figlio che a sua volta lo negherà impedendogli il proseguimento del loro rapporto. C’è poi il figlioletto suo che chiede del nonno…
È un contributo interessante per chi ha nella sua sfera di interessi le scienze umane. È però anche una bella storia, come quella che si potrebbe leggere in un romanzo. Il taglio autobiografico, la narrazione in prima persona, lo stile chiaro e limpido, i numerosi riferimenti culturali – si spazia dalla musica, al cinema, alla letteratura – lo rendono un libro adatto a tutti. Conoscere la prospettiva dell’altro è sempre illuminante.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il male oscuro
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'uomo che trema 2019-03-16 06:23:48 enricocaramuscio
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    16 Marzo, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’uomo è una imprevista anomalia

"Io sono un essere logico, e lo sono ancora di piú quando la mia mente impazzisce per effetto della depressione maggiore. Questa è la parte piú difficile da far comprendere a chi non si è mai ammalato di depressione, ma è anche il piú subdolo degli inganni. Per un malato di depressione la visione è netta, senza nebbie. Una persona non affetta da depressione invece ha una visione sfocata, lavora di fantasia, interpreta, completa le forme come un bambino alle prese con i primi esercizi di geometria. L’opacità è dei sani. Lo è perché il non vedere l’esatta forma delle cose è il dispositivo di natura attraverso il quale ci salviamo da noi stessi". Con delicatezza, precisione e una consistente dose di autoironia, impreziosendo la narrazione con interessanti citazioni che spaziano dal cinema alla letteratura, Andrea Pomella, autore e protagonista del libro, racconta i suoi anni alle prese con un nemico subdolo e sfiancante, un piccolo essere che vive dentro lui occupandone ogni spazio ed impedendogli perfino di respirare: la depressione maggiore. Pomella non si risparmia, non si nasconde, non lascia spazio all'immaginazione. La sua cronaca, o reportage, o memoir che sia, pur essendo scritto con la prosa e la sensibilità del romanzo, rappresenta un interessante e dettagliato viaggio nei meccanismi di un malessere invadente ed invalidante che, partendo dalla mente, raggiunge ogni parte del corpo rendendo difficili, a volte perfino impossibili, anche i gesti più semplici e banali. L'autore si mette a nudo senza alcun pudore, raccontando una storia che comincia dalla sua infanzia, con la separazione dei genitori e termina ai giorni nostri. Un susseguirsi di alti e bassi che convincono Andrea ad affidarsi alle cure di un professionista e anche, di conseguenza, alla chimica. Se l'inizio della terapia sarà poco incoraggiante, pian piano l'aiuto della medicina, in concomitanza ad un piacevole cambiamento nella vita del protagonista, porterà i suoi frutti e Pomella, dopo anni di sconfitte, riuscirà finalmente a segnare un punto decisivo nella sua lunga lotta contro il terribile nemico, consapevole tuttavia del fatto che, in questa come in tutte le guerre, non si può mai abbassare la guardia, anche quando tutto sembra andare per il meglio. "L’uomo è una imprevista anomalia verificatasi nel corso del processo evolutivo della vita, non il risultato a cui l’evoluzione doveva necessariamente portare. È mai concepibile infatti che l’officina della natura mettesse determinatamente in circolazione un animale nello stesso tempo debole, intelligente e mortale, cioè inevitabilmente infelice? Fu una specie di sbaglio, un caso quasi inverosimile che ragionevolmente non ha motivo di ripetersi in nessuno dei pianeti i quali presentano condizioni ambientali uguali alla terra".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'uomo che trema 2019-01-31 14:22:42 Mian88
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    31 Gennaio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quel leggero e pesante tremito dell'uomo

«Dopo molti giorni in cui mi svegliavo di cattivo umore, con un peso nel petto, difficoltà a deglutire, senso di oppressione, una mattina mi sono svegliato chiedendomi: perché mi sveglio sempre di cattivo umore? E ancora: perché dovrei invece svegliarmi di buon umore? Ma soprattutto: cosa sono il buono e il cattivo umore? Dove sta la verità dell’umore? Fingo di più quando sono di buono o di cattivo umore? E fingo rispetto a cosa? Rispetto alla realtà del mio umore, o rispetto alla fisionomia oggettiva della realtà che mi circonda? E quindi come dovrei essere, una volta accertata la fisionomia oggettiva della realtà che mi circonda, di buono o di cattivo umore? E se riesco con ragionevole obiettività ad accertare la fisionomia della realtà che mi circonda, ossia se mi riscopro dotato della qualità psicologica necessaria a giudicarla con ragionevole obiettività, perché allora il mio umore sembra insensibile a questa realtà, perché reagisce come se non esistesse, ma anzi come se la realtà di riferimento fosse un’altra, come se quest’altra realtà fosse, diciamo, tendenzialmente più brutta della realtà oggettiva?»

È da questo breve incipit che ha inizio il memoriale di Andrea Pomella sulla malattia che la comunità scientifica definisce sommariamente “depressione maggiore”. Una malattia che non ha una fisionomia precisa potendo, due malati della medesima patologia, mostrare sintomi differenti, provare diverse esacerbazioni, sempre nuove corruzioni del sistema nervoso. E ancora, quando la terapia farmacologica è efficacie, quando al contrario è contro-produttiva? Perché è importante scrivere, riportare su carta il proprio percorso di autoanalisi?
Con “L’uomo che trema” l’autore non offre al panorama letterario soltanto un testo inedito sullo studio e analisi della depressione e sulle problematiche relative alla salute mentale, dona molto di più. La sua è una ricostruzione accurata degli stati d’animo, dei pensieri, delle evoluzioni attraverso un continuo salto temporale tra presente e passato dove vengono toccate tematiche quali la disoccupazione, l’insoddisfazione comunque persistente dettata da un lavoro parastatale quale impiegato e emozioni quali l’angoscia, la delusione, la rabbia, il rincrescimento per tutte le circostanze avverse, l’incapacità di gestire quell’assenza di un senso a quella vita che rapida scorre via e che fa da cornice ad una serie di vicende familiari rimaste irrisolte e che hanno reso frammentaria la sua esistenza. Il divorzio dei genitori, infatti, ha tolto certezze, ha frantumato una costante, è stato la molla scatenante di un disordine incessante, ha determinato l’assenza di un padre che forse sempre poco presente è stato. Ma guarirà alla fine Andrea? Si può dire che una persona depressa possa guarire del tutto? Riuscirà, ancora, lo scrittore a far fronte al disagio umano scrutandolo nelle più oscure profondità?
Il tutto avviene mediante una penna lucida, orgogliosa, espressiva ma anche umoristica che fa sentire il lettore parte integrante del percorso di analisi, che lo fa entrare in totale sintonia e empatia con la psiche del protagonista sino a renderlo completamente partecipe di questo complesso percorso interiore. Pomella non teme di mettersi a nudo e la dimostrazione è data dal fatto che costantemente nel testo sono riportati precedenti della sua vita familiare che con la loro presenza rendono lo scritto ancora più concreto e tangibile.
In conclusione, un elaborato di grande riflessione, completo, capace di toccare le corde più profonde e perfetto per comprendere i meccanismi di una delle malattie più diffuse e ancora oggi difficili da curare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Guardando il sole
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il cuore e la tenebra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cuori fanatici. Amore e ragione
Valutazione Redazione QLibri
 
1.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Certe fortune
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'isola dell'abbandono
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I nomi epiceni
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Elevation
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sospettato
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Fedeltà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
2.3 (3)
Noi siamo tempesta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Morto che cammina
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri