Narrativa italiana Romanzi storici Colosseum. Arena di sangue
 

Colosseum. Arena di sangue Colosseum. Arena di sangue

Colosseum. Arena di sangue

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

80 d.C. È il primo giorno dei giochi inaugurali dell’Anfiteatro Flavio, il primo di cento. La folla sugli spalti è in fibrillazione. Da qui, l’imperatore Tito si gode il suo capolavoro: un gigante di marmo e pietra a sfidare il cielo. Per la massima gloria di Roma. Sulla soglia dell’arena, che le generazioni future chiameranno Colosseo, c’è un gladiatore. Ha l’animo rotto ed è armato per uccidere. Il nome con cui il pubblico lo acclama è Vero. Presso il suo popolo ne aveva un altro, ma è bruciato insieme al suo villaggio e alla sua libertà. Non esiste più niente per lui da allora, solo la rabbia da alimentare come un fuoco. Oggi, dopo anni di duro addestramento e infiammato dalla passione per la giovane Giulia, Vero sarà il protagonista del più atteso spettacolo di morte della giornata. Il gladiatore dovrà scontrarsi con il suo migliore amico e uno dei due cadrà sotto i colpi dell’altro.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Colosseum. Arena di sangue 2015-02-15 17:02:54 Rebel Luck
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Rebel Luck Opinione inserita da Rebel Luck    15 Febbraio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Buono lo spunto... Ma...

Leggibile, senza infamia e senza lode.
Parte fortissimo, lasciando presagire grandi cose... Ma...
Ma si arena presto in un normale, normale, normale romanzo storico scritto benino.

Le prime cinque pagine sono il meglio che il libro riesce a dare!

Dopo averle lette si ha come l'ansia di poter finalmente assistere a combattimenti mozzafiato del campionissimo Vero... Ma... Si aspetta per tutto il libro....
Peccato. Peccato davvero speravo meglio.

E' la storia di Vero il gladiatore, di come è diventato schiavo e poi, appunto, gladiatore di Roma.
Tratto da un episodio reale e storicamente provato, narrato originariamente da Marziale, dove ai giochi inaugurali dell'anfiteatro Flavio, due gladiatori, Vero e Prisco, combatterono talmente valorosamente da...(Il finale lo lascio leggere a chi vuole leggere il libro).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Più che a chi ha letto, lo consiglio a chi ha guardato la serie T.v. Spartacus.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Colosseum. Arena di sangue 2013-02-11 18:36:27 Lostris
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Lostris Opinione inserita da Lostris    11 Febbraio, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Leggetelo...

CONTIENE SPOILER
Assolutamente fantastico.
Protagonista Vero un ragazzo di umili origini che riuscirà a diventare uno degli dei dell'Arena, un gladiatore che sarà costretto anche a combattere contro il suo migliore amico. Sarasso è fenomenale nel descrivere la Roma di quei tempi, e lo fa con un linguaggio moderno, diretto e schietto. Ho apprezzato molto il fatto che Vero è descritto con tutti i suoi difetti, le sue debolezze. Non è il protagonista perfetto, è sbandato, è immaturo. Cresce durante la storia. Questa perfezione la incarna invece Prisco, il migliore amico di Vero, che non commette mai uno sbaglio, è molto ponderato e sembra capire delle cose che vanno oltre alla sempilce evidenza. Tutto di questo libro mi ha entusiasmato... Ci sono anche molti riferimenti che fanno capire al lettore com'era veramente Roma, come vivevano schiavi, gente comune. Com'erano le abitudini dell'epoca e soprattutto cos'era in realtà il Colosseo e come i giochi di sangue fossero acclamati proprio per la loro crudeltà, per quello che mettevano in scena.
Insomma che dire di più? Libro da leggere assolutamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Colosseum. Arena di sangue 2013-01-05 18:11:57 Gondes
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Gondes Opinione inserita da Gondes    05 Gennaio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Colosseum

Non sono uno storico, ma un appassionato di storia è questo libro ha contribuito a saziare la mia voglia di conoscere e sapere. Non il solito libro sulle conquiste dell’antica Roma, ma un’attenta ricostruzione di 3 anni di storia, che vanno dal 77 al 80 d.c., che hanno visto il susseguirsi di due eventi molto importanti. L’eruzione del Vesuvio, con la conseguente scomparsa di Pompei e l’inaugurazione del più grande Anfiteatro della storia antica; quello che poi dopo il medioevo venne chiamato Colosseo.
Simone Sarasso ha sapientemente incastonato questi eventi all’interno di una storia di amicizia e di amore fra due schiavi realmente esistiti, un gallo ed un britanno, che per ritornare ad essere uomini liberi, decisero di intraprendere la difficile vita del gladiatore. Le loro eroiche gesta sono però arrivate fino ai giorni nostri e hanno ispirato questo libro. Chiaramente tutta la vicenda raccontata nel libro, ruota attorno all’attesa per l’inaugurazione del Colosseo, che l’imperatore Tito, figlio di Vespasiano vuole rendere grandiosa e ricordata per sempre.
Gli ultimi capitoli sono i più spettacolari, ma allo stesso tempo anche i più agghiaccianti , in quanto descrivono in modo molto crudo e violento, il modo in cui venivano uccisi uomini ed animali all’interno dell’arena. Un crescendo di morte, ma anche di eccitazione da parte del pubblico, che nel libro è raccontato in maniera molto coinvolgente, quasi in presa diretta.

L’autore dopo aver ricreato, suo malgrado, questa atmosfera di violenza e pazzia da parte degli spettatori, ci porta alla sfida finale; la più apprezzata perché combattuta da veri professionisti della morte come i gladiatori.
La prima di cento giornate si sta per concludere, ma non prima del combattimento fra i due “gladiatori amici” più famosi di Roma. Il problema è che sarà un scontro dove potrà esserci un unico superstite. Vivere o morire!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Spin
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Later
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Sangue inquieto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri