Narrativa italiana Romanzi storici Il sangue dei fratelli
 

Il sangue dei fratelli Il sangue dei fratelli

Il sangue dei fratelli

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Fausto è uno schiavo, nato da una schiava e dal padrone; Marco invece è il figlio legittimo di quest'ultimo, erede dei nobili Livi Drusi. Il destino dei due giovani sembra già segnato, marchiato nelle loro carni sin dalla nascita, ma la guerra sociale e in seguito la guerra fra Mario e Silla irrompono sovvertendo l'ordine e le leggi degli avi. E quando, durante un rocambolesco viaggio per mare, Marco mette a repentaglio la vita di altri schiavi, oltre che la sua, Fausto in preda alla collera lo uccide e, di fronte ai pirati che chiedono il riscatto del giovane nobile, prende il suo posto approfittando della forte somiglianza. Tuttavia fingere non è facile, soprattutto per un uomo onesto come Fausto e, se ciò non bastasse, un'ombra dal passato del padrone si allunga sulla nuova vita dello schiavo, che - innocente - si trova a doversi difendere da accuse gravissime.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.7  (6)
Contenuto 
 
4.8  (6)
Piacevolezza 
 
4.8  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il sangue dei fratelli 2014-02-21 09:04:51 Valeria Bellobono
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Valeria Bellobono    21 Febbraio, 2014

IMPERDIBILE!

Il sangue dei fratelli

Le pagine dei libri non hanno tutte lo stesso colore. Il bianco abbraccia tonalità chiare che vanno dall’avorio al beige, passando per le sfumature del panna e del gesso. È comunque un elemento secondario. In fondo, il bianco viene sporcato dalle lettere scure, che danzano per comporre i contenuti in cui ci si tuffa.
Ma la cosa più importante di un libro non è la vista, non è quello che ci butta davanti agli occhi, trasformandolo in frasi che vorticano davanti a noi. Ciò che veramente conta è il suo odore. Non il profumo della carta, intendiamoci. Parlo delle note olfattive che trasudano dalle pagine, che emergono lievi dalla storia che leggiamo. Sono odori più o meno piacevoli, più o meno pungenti, a volte acri, altre dolci, altre ancora insopportabili, ma pur sempre odori. Ed è grazie ad essi che la storia prende corpo, trasformandosi unicamente tra le mani e negli occhi di chi la sta interpretando. E vivendo.

Mi immergo nel passato,
natante senza acqua,
legionario senza gladio.
Aspiro l’aria di un giorno che fu
accarezzando pelle senza carne,
forma priva di memoria.
Torno in me
sguainando il sogno,
torcendo un giorno che non c’è.
- Libertà per lo schiavo!-
grido senza voce!
Piango senza dolore.

Il sangue dei fratelli ha un odore tutto suo, che miscela il bianco con il rosso, attraversando il cobalto per poi tuffarsi in un giallo acceso che si muta in porpora, quindi in indaco, per poi virare e diventare verde, rosa, viola, poi ancora rosso. Sono colori che vengono respirati, che entrano nei pensieri ancor prima che nei polmoni, per essere metabolizzati piano e restituire immagini scomposte, che si ricompongono immediatamente fino a formare un’emozione. Questa emozione profuma di arpa pizzicata da dita sottili, di zucchero e di acqua di mare. Ma anche di casa, di una grande casa costruita in pietra, abbracciata da un maestoso arco che ne disegna l’ingresso. E poi sa di lievito, di storia e di passione. Odora di canti, di schiamazzi e di gioielli. Sa di legno, di drammi e di parole. Non riesco a individuare altre fragranze, ulteriori aromi, perché quando si solleva il capo dalle pagine si rientra nella propria dimensione di umanità composta, laddove ogni nota riprende, seria e compita, il proprio posto, nascondendosi in un cassetto o inseguendo un uccello fuori dalla finestra. So solo che finisce il gioco, anche se i ricordi, blandi e confusi, riescono a restituire un’immagine, seppur parziale, del viaggio che abbiamo fatto.
Ecco, io mi sono persa.
Mi sono persa tra i vicoli di una Roma che sono riuscita a vivere in prima persona, spiando una storia che non avevo mai letto sui libri di scuola. Una storia vera, fatta di persone vere. Eroi e antieroi che rendono la lettura un viaggio reale all’interno di un percorso in cui si rincorrono vicende di cui non si parla mai.
Io c’ero, ho indossato di nascosto gli abiti di Porcia e i gioielli di Frine. Ho spiato Licinio, accarezzato Lelia quando era già addormentata. Ho sporcato con il fango i calzari di Vinicio e osservato di nascosto Tito Livio. Confesso di avere avuto un ruolo, seppur marginale, nella morte di Marco e di avere portato del cibo a Fausto quando era affamato. Ho pianto e gioito per lui, fatto mie le lotte degli schiavi, armandomi come potevo e mischiandomi alla folla inferocita. Ho guardato tutto, respirato il sudore dei guerrieri senza avere paura di essere scoperta, ho assaggiato il garum, fatto il bagno nel Tevere, scritto in latino, senza neanche ricordarlo.
La cosa stupefacente è stato il riuscire a immergermi nella narrazione anche dopo aver alzato il capo dal libro. Mi bastava chiudere gli occhi per un istante per sentirmi di nuovo parte di un tutto che mi aveva rapita, succhiata come un mulinello all’interno di un vortice di vite, trapuntate in uno dei romanzi più avvincenti che abbia mai letto.
Cara Emma, superba narratrice di vicende di pancia e di cuore, di buio e di luce, di pugni e di carezze, voglio svelarti un segreto. Vedi, il sangue dei fratelli, il sangue dei tuoi fratelli, ora è un po’ anche il mio. Quando mi soffermo a pensare a loro, inevitabilmente mi immergo ancora una volta nelle loro vicende, nelle nostre storie. Acconcio i miei capelli in maniera sobria ed impeccabile, pur concedendomi la frivolezza di un fermaglio di osso là dove la nuca si congiunge con la testa e osservo la mia veste liscia e la cintura d’oro che mi cinge i fianchi. Qua e là scorgo piccole macchie, quasi invisibili ad un occhio poco allenato. Sono rosse come il sangue versato da loro, da noi, figli di un popolo, di un destino e di una storia che fluttua nell’aria e nella gola, alla ricerca di un epilogo da scrivere. Forse ancora da vivere. Allora chiudo gli occhi ancora una volta e torno me stessa, oggi, circa duemila anni dopo.
Se mi chiamo Valeria, ci sarà un motivo. Ma la mia è ancora un’altra storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chiunque ami i libri. Quelli veri.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il sangue dei fratelli 2013-02-04 17:47:37 franziska
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
franziska Opinione inserita da franziska    04 Febbraio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il sangue dei fratelli

Ho trovato il libro appassionante: la storia è azzeccata, congegnata bene, la tensione sale con lo svolgimento del racconto, non mancano colpi di scena che ti inchiodano al testo e ti spingono a leggere velocemente. Ben analizzato il rapporto schiavo-padrone che fa luce su uno dei pilastri dell'antica società romana. Più debole il riferimento al quadro storico generale, un semplice sfondo contenitivo della storia, molto sfocato nella prima parte, un po' più forte nella seconda. Quanto allo stile, risulta nel complesso teso e lucido. Peccato che a volte la struttura del periodo si inceppi, mostrando qualche carenza che non ti aspetteresti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
romanzi storici in generale
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il sangue dei fratelli 2012-08-27 10:03:30 lucia ciciarelli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
lucia ciciarelli Opinione inserita da lucia ciciarelli    27 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bellissimo

Libro notevole, mi sono avvicinata a questo genere per la prima volta e devo dire che ne sono rimasta conquistata. All’autrice va il merito di aver sapientemente fuso tematiche storiche con un genere avventuroso, dove non manca la suspance e il dramma interiore, in un mondo che ci è così lontano, ma così terribilmente vicino, per i fatti accaduti e la sconvolgente attualità della società del tempo.

Il contenuto è un perfetto mix tra fantasia e realtà, e anche se la parte romanzata è perfettamente inserita in un contesto storico principale ben preciso, esso non troneggia in modo assoluto, perché la storia si svolge in più parti, diverse per ambientazioni geografiche, personaggi ed avventure; questo crea nel racconto una dinamicità tale da alimentare un costante interesse ed attenzione da parte del lettore, che viene catturato di continuo dai nuovi sviluppi: infatti, la sensazione che rimane alla fine del libro, oltre alla piacevolezza della storia, è un senso di pienezza e soddisfazione nell’aver accompagnato il protagonista in un cammino che ha coinvolto, sconvolto ed emozionato dalla prima all’ultima pagina.

Se ci fosse una scala da uno a dieci per valutare lo stile del romanzo, questo meriterebbe sicuramente il massimo dei voti: il linguaggio è semplice, ma deliziosamente elegante, con un sapore antico, ma che perfettamente si adatta alla figura del “giovane” e “moderno” protagonista (che ne è anche il narratore in prima persona).

Per quanto riguarda la descrizione delle scene e degli ambienti l’autrice è talmente capace nella tecnica della narrazione, che durante la lettura sembra di vedere apparire nella nostra mente i particolari di una chiara ricostruzione in grafica digitale della Roma antica. Più di ogni altro ci tengo ad enfatizzare l’importanza del prologo e dell’epilogo, che anche da soli valgono tutto il piacere del libro…nel leggerli sembra di sentire la voce calda ed emozionante di Luca Ward (doppiatore di Massimo Decimo Meridio nel “Gladiatore”) che inizia a raccontare…come non aver voglia di immergersi nella lettura?

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Inizialmente attratta dal voler riassaporare l’antico interesse per i miei passati studi liceali classici, dopo anni dedicati allo studio in tutt’altro campo, credevo che questo fosse un genere molto più di nicchia. Invece, probabilmente grazie alla bravura dell’autrice non solo nella descrizione del contesto, ma anche nella spiegazione storica degli avvenimenti, posso dire che il libro è adatto a tutti coloro che sono interessati ad una storia coinvolgente, ricca di azione, ma soprattutto di qualità.
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il sangue dei fratelli 2011-08-25 10:08:08 maria paola
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
maria paola Opinione inserita da maria paola    25 Agosto, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

il sangue dei fratelli

Ho trovato “Il Sangue dei Fratelli” un romanzo avvincente! Ho letto anche gli altri romanzi di Emma Pomilio, ma questo mi è sembrato ancora più interessante. La scrittrice ha riportato le vicende della guerra civile vista dagli occhi di uno schiavo appartenente alla famiglia dei Drusi, le cui sorti sono strettamente legate all’esito della guerra. Dire che il romanzo sia ambientato “nell’antica Roma” è fortemente riduttivo, poiché il lettore è trasportato dalle domus romane, alle scuole di oratoria in Grecia fino alle navi e ai covi dei pirati. La scrittrice, inoltre, permette al lettore di comprendere il complicato rapporto che si instaurava tra i padroni e tutti gli schiavi, i liberti, i clienti che giravano intorno alla domus, così come le strategie adottate per mantenere intatti l’onore e il prestigio delle famiglie romane, anche nelle situazioni avverse. “Il Sangue dei Fratelli” rappresenta un perfetto mix di storia, avventura e thriller.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Dominus" di Emma Pomilio
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il sangue dei fratelli 2011-06-24 17:24:01 Gondes
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Gondes Opinione inserita da Gondes    24 Giugno, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL SANGUE DEI FRATELLI

Il sangue dei fratelli racconta la storia di due fratelli nati dallo stesso padre ma con due diversi destini. Uno Marco, figlio legittimo di Tito Livio Druso e l’altro Fausto, nato dalla relazione dello stesso uomo con una schiava di famiglia.
Da come ci racconta Emma Pomilio queste situazioni di promiscuità fra padroni e schiavi nell’antica Roma erano del tutto normali e accettate. Il libro prende spunto proprio da questo “strano” comportamento e sviluppo una storia veramente originale ed interessante. Questi due bambini crescono e si formano insieme, ma sempre tenendo conto dei diversi ruoli che andranno a ricoprire in futuro. Uno destinato a diventare un “dominus” e l’altro costretto a sottostare alle volontà del proprio padrone. A un certo punto però quello fra i due che dovrebbe essere “inferiore” si dimostra più attivo ed intelligente e questo creerà qualche problema. Sullo sfondo, viene raccontata la ROMA di Silla con la guerra sociale in atto, che stravolgerà e cambierà la sorte dei due fratellastri. Mi è particolarmente piaciuto il finale, condito con un pò di suspence e sentimentalismo che lascia il lettore molto soddisfatto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
74
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il sangue dei fratelli 2011-05-17 10:17:34 Francesca Romana Melchior
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Francesca Romana Melchior    17 Mag, 2011

Il sangue dei fratelli, di Emma Pomilio

Emma Pomilio
IL SANGUE DEI FRATELLI

Questo nuovo romanzo di Emma Pomilio, ambientato nel periodo della guerra sociale, combattuta dai Soci Italici contro Roma, e della guerra civile tra Mario e Silla, torna a proporci la vicenda esistenziale di due fratelli. Entrambi sono stati generati da Tito Druso, ma l’uno, Marco, con la moglie legittima, l’altro, Fausto, con una schiava. Marco, quindi, è un uomo libero, il futuro Dominus della famiglia dei Livi Drusi, mentre Fausto è solo lo schiavo personale di Marco, semplice strumento nelle mani del suo padrone.
Situazione, questa, che a qualche lettore può riecheggiare quella di Dominus. Ed è proprio su ciò che la scrittrice fa leva per mostrarci quanto fosse articolato il rapporto tra padroni e schiavi, in apparenza divisi in due caste separate, ma nella realtà costantemente interagenti tra loro. In Dominus, Marco, personificazione della romanità, si diversifica sotto ogni punto di vista dal fratellastro Ardach, prototipo dell’invincibile guerriero gallico, alto biondo affascinante, suggerendo la tradizionale contrapposizione tra romani e barbari.
Marco e Fausto, invece, molto simili tra loro, entrambi romani dalla tipica bellezza mediterranea, sono espressione dello stesso ambiente e della stessa cultura. Anche la madre di Fausto, infatti, vive da sempre nella casa dei Livi Drusi, dove è nata, essendo figlia del fratello della nonna di Marco e di una schiava.
È questa promiscuità, questo complesso intreccio di attrazione e seduzione, prevaricazione e opportunismo, la realtà celata dietro la decantata rispettabilità della domus e della famiglia romana. E quando, come spesso accade, il risentimento dello schiavo verso il padrone si trasforma in odio e desiderio di vendetta, può diventare focolaio di aggregazione e di ribellione a livello pubblico e non più privato.
Ma, al di là dell’aspetto fisico, profonde sono le differenze intellettuali e psicologiche tra Marco e Fausto. Marco è il tipico rampollo di una famiglia nobile romana, abituato ad aver tutto per diritto senza impegnarsi in nulla, e quindi presuntuoso e arrogante, ma in realtà debole e vigliacco. Pur essendo intelligente, non ama impegnarsi fino in fondo nello studio, tanto da far svolgere parte dei suoi compiti allo schiavo. Fausto, invece, intelligente coraggioso e volitivo, sotto la parvenza del cieco rispetto tipico dello schiavo nasconde non solo grande spirito critico e capacità di osservazione, ma anche costante attenzione alle caratteristiche e alle debolezze del padrone, non solo per potersi comportare nel modo a lui più gradito, ma anche per ottenere, un giorno, la libertà. Egli, fin da bambino, senza farsi notare, impara a leggere e a scrivere seguendo di nascosto le lezioni dei padroni e conquistandosi, così, la benevolenza della matrona Porcia, che lo ammette a seguire, almeno in parte, le sue lezioni. Quando lo schiavo fuggitivo Sesto torna nella casa dei Drusi per vendicarsi, Fausto ancora bambino ha il coraggio di mettergli un pugnale alla gola. Il ragazzo, crescendo, impara anche il greco e la retorica, tanto da poter aiutare il padrone nelle sue orazioni. Nei momenti liberi, durante il soggiorno a Rodi, egli arriva addirittura a frequentare le lezioni di un filosofo, cosa assolutamente inusuale e sconsigliata per uno schiavo che, secondo i Romani, non deve pensare. Ma è proprio questo ciò che Fausto comincia a fare fin dalla morte di Marco Livio Druso, circostanza drammatica in cui il padre, per salvare dalla plebe infuriata il legittimo erede, prende per mano il piccolo schiavo di Marco, spacciandolo per tale. È da questo momento che il bambino si fa sempre più consapevole delle proprie potenzialità e dell’utilità che gli potrà derivare non solo dall’aver salvato la vita al suo padrone in situazioni di estremo pericolo, ma anche dall’impressionante somiglianza con lui.
Significativa, in tale occasione, è l’entrata in scena di Lelio che, armando un gruppo di schiavi e conoscenti fidati, allontana dalla casa dei Drusi i facinorosi.
Si tratta di un ricchissimo “homo novus”, vicino di casa di Tito Druso, aspirante ad imparentarsi con lui tramite il matrimonio tra Marco e Lelia Prima. Le sue cospicue sostanze, infatti, danno a Lelio la certezza di realizzare il proprio sogno, visto che il matrimonio a Roma non è considerato il frutto dell’amore, ma un semplice contratto tra due famiglie, stipulabile fin dalla minore età degli interessati. Lelio e la sua classe sociale sono il simbolo delle grandi trasformazioni avvenute nella società romana, in cui i grandi patrimoni non sono più prerogativa esclusiva della nobiltà.
Gli Equites, gli uomini arricchitisi col commercio, possono accumulare, proprio come il vicino di casa dei Drusi, ricchezze sempre crescenti grazie ai loro traffici e possono salvaguardarle dai mutamenti politici, trasformandole facilmente in oro e preziosi. Ma anche per loro imparentarsi con la nobiltà è un irrinunciabile traguardo, visto che proprio nelle mani dei nobili sono le leve del potere. E son proprio i detentori del potere coloro che aizzano la folla contro Tito Druso, coloro che impediscono l’individuazione dell’assassino di Marco Livio Druso e trasformano costui, morto per evitare la guerra tra Roma e i socii italici, in fomentatore della guerra stessa. Il fatto che poi Tito Druso venga accusato degli stessi reati del tribuno di cui intende proseguire l’opera, indica chiaramente la subdola trama di chi, nascondendosi dietro l’ipocrita facciata di un’incorruttibile giustizia, intende appropriarsi del cospicuo patrimonio dei Drusi. Se poi Tito viene assolto, non è certo perché è innocente, ma perché i giurati vengono comprati e perché l’abilità dell’avvocato Ortensio, il più celebre a Roma prima dell’affermazione di Cicerone, ricorda a tutti che Porcia, madre di Tito, appartiene all’antica nobiltà di Roma, nientemeno che a quella di Catone il Censore. Tale è la squallida, corrotta e realistica amministrazione della giustizia a Roma, sebbene la città si ammanti del prestigioso titolo di maestra del diritto.
È in questo clima già arroventato dagli odi politici che comincia la guerra sociale (90 a.C.), nel corso della quale Roma subisce molte perdite. Estremamente pericoloso in questo momento è circolare nella città semideserta e in balia dei molti malintenzionati. Lo dimostra l’aggressione subita da Fausto quando, capitato casualmente nel degrado maleodorante della suburra, dopo aver fatto fuggire il padrone, viene picchiato e violentato da schiavi in fuga. A salvarlo è l’aiuto di Frine, una prostituta bambina, come molte allevata da mercanti senza scrupoli per farne un’attrice ed etera di alto bordo. Soffermandosi spesso sulla frequentazione delle prostitute considerata normale da ogni romano, al pari della pedofilia altrettanto diffusa, l’autrice vuol sottolineare il degrado morale della società romana ben lontana dall’austero mos maiorum .
Con l’apparente vittoria di Roma, ma con l’effettiva estensione della cittadinanza romana agli italici, comincia un breve periodo di pace.
Tornato Tito Druso, anche nella sua domus ricomincia la routine della vita quotidiana, in cui Marco mostra sempre più l’indolenza che lo induce a non impegnarsi nello studio e a far svolgere i propri compiti da Fausto, e la propensione ai piaceri, che lo spinge a fare del suo giovane schiavo il proprio amante, cosa considerata a Roma del tutto normale.
Ma con la ribellione della Grecia e delle province dell’Oriente sotto la guida di Mitridate, si crea ben presto la necessità di scatenare una nuova guerra, il cui imperium è conteso da Mario, paladino dei popolari, e da Silla sostenitore degli ottimati. È chiaro, però, che l’interesse di Mario per il popolo è solo strumentale, in quanto, incitando gli schiavi ad entrare nell’esercito da uomini liberi, egli è solo interessato ad aumentare il numero dei suoi uomini e a diminuire la potenza delle famiglie più importanti. È un momento veramente drammatico, in cui anche Tito Druso, contrario ai popolari, perde la vita, senza neanche ottenere una dignitosa sepoltura. Le bande armate che si scontrano nella città, la rendono più pericolosa che mai, lontana anni luce dalla prestigiosa dominatrice del mondo da sempre mitizzata.
Sangue, cadaveri abbandonati, scontri armati, teste di nemici sconfitti infisse nelle lance ed esposte nel foro, costituendo ormai uno spettacolo consueto, non possono che indurre a mettere in dubbio la decantata superiorità dei romani rispetto ai barbari. Lelio, sostenitore di Mario, tra mille precauzioni per salvaguardarsi dalle spie presenti ovunque, riesce a far fuggire Marco e Fausto a Rodi, dove devono frequentare la scuola di Molone. Ma Marco anche qui mostra la sua debolezza, dandosi al gioco, al vizio, all’alcool, fino a dilapidare il suo patrimonio. Quando ormai è insolvente, manda come pegno ai suoi creditori lo schiavo, da maltrattare a volontà.
Ma Fausto, dopo l’infamia e l’umiliazione a cui è stato sottoposto con cinica indifferenza, capisce che il rapporto di fiducia che si è illuso di aver costruito col suo padrone è infranto per sempre e comincia a guardarlo con diffidenza e disprezzo. Disprezzo che si rivela più che mai motivato quando Marco, violentata una donna da lui erroneamente ritenuta schiava, si prepara a fuggire nel più assoluto segreto e, forse senza volerlo, in preda all’alcool, rivela il tutto proprio a Vinicio che lo sta spiando per conto di Silla. E Fausto, comprendendo l’accaduto da quanto Marco involontariamente dice terrorizzato nel sonno, constata ancora una volta l’assoluto disprezzo di Marco per la vita di tutti gli altri e, in preda all’indignazione, lo strangola. Fa appena in tempo a togliere al morto l’anello col sigillo dei Drusi, che i pirati appiccano il fuoco alla nave.
Da questo momento, per Fausto costretto a fingersi Marco, lo stress più grande, a volte insopportabile, è dato dalla continua finzione, dalla necessità di rinunziare alla propria identità, dal bisogno di confessare tutto, continuamente represso per non danneggiare altri. Durante la prigionia presso i pirati nella imprendibile fortezza di Coracesium, “Marco Druso” è colpito dal lusso di cui i pirati amano circondarsi, dalla crudeltà delle pene che infliggono, dall’ingente numero di donne che rapiscono per venderle come schiave. E, sulla scia delle considerazioni di Polifemo capo dei pirati, non possiamo far altro che constatare la mancanza di qualunque differenza tra questi feroci assassini e i romani, che comprano le persone da loro rapite, per poi ridurle in schiavitù a livello di animali.
D’altronde, anche quando i romani giungono, come accade a Lelio catturato dai Sillani, a denudare in pubblico uno sconfitto, per poi frustarlo davanti a tutti e infilzare la sua testa in una lancia, non si mostrano per nulla diversi dai pirati.
Ma le prove per Marco Druso non finiscono col pagamento del riscatto e la liberazione dai pirati. Arrivato a Roma, infatti, egli si trova costretto a combattere con i sillani e contemporaneamente a proteggere la famiglia propria e quella di Lelio. E, cosa ancor più importante, il falso Marco deve sposare Lelia Prima, spacciandosi per il suo padrone. Paradossalmente, è proprio questo il ruolo che Fausto svolge meglio, perché la moglie nota in lui una tenerezza e una determinazione mai prima riscontrati.
Ma lo smodato amore per il potere che induce l’individuo a qualunque nefandezza, in Silla non è certo inferiore a quello di Mario.Il grande generale finge di agevolare Marco Druso che gli ha procurato più di 500 soldati ed ha più volte messo in pericolo la propria vita, salvaguardando le proprietà di sua moglie figlia di Lelio. Ma, nel frattempo, dopo aver fatto uccidere lo stesso Lelio, fa spiare Fausto da Vinicio, che conosce benissimo la vera identità del falso Marco.
L’intento è quello di accusare Marco di un reato realmente commesso, come lo stupro ai danni di una donna libera, e poi svelare la sua falsa identità.
È il modo per impossessarsi delle cospicue proprietà di Marco con un sistema apparentemente legale. Del resto, il grande Silla che si presenta come “Ultor” di Roma e come grande riformatore, è soprattutto un crudele generale assetato di bottino, seminatore di crudeltà e morte.
Ma quando i subdoli raggiri di Silla riescono a portar il falso Marco in tribunale, egli viene assolto sia dal reato di stupro, negato dalla vittima che non riconoscendo in lui l’aggressore fa sorgere il dubbio che il reo sia il defunto Fausto; sia dall’accusa di essersi sostituito al vero Marco Druso, grazie alla testimonianza della matrona Porcia e di tutti i familiari.
Molti sono coloro che aiutano il falso Marco nella sua ardua impresa. Ma lo fanno solo nell’assoluta certezza che si tratta di Fausto, persona di cui apprezzano sincerità, sensibilità e valore. Il primo fra questi è Lusio, lo schiavo di fiducia di Porcia, da sempre pieno di premure paterne e di saggi consigli per Fausto. È proprio lui, in costante contatto con Porcia e con Sabina sua futura moglie e madre di Fausto, che segue e soccorre il ragazzo ogni volta che è in pericolo o in preda allo scoraggiamento. È dalla sua figura solida, familiare e austera che Fausto trae speranza e sicurezza. Ed è proprio lui, infatti, a portare il riscatto ai pirati e a dissuadere il ragazzo ogni volta che è sul punto di rivelare la sua vera identità. Ciò, infatti, metterebbe a rischio la sorte di molti, compreso l’affrancamento dello stesso Lusio e di Sabina dalla schiavitù.
Determinante, poi, è Frine, la prostituta che, ancora bambina, aiuta Fausto nella suburra. Diventata una bellissima attrice di successo, ricercata per la sua ars amatoria, è disposta a rischiare la propria vita per preparare con Fausto un agguato, in cui Vinicio trova la morte.
Di grande rilievo è anche il contributo della moglie Lelia Prima che, apprezzando le doti e l’affetto del marito, consapevole dei pericoli a cui egli continuamente si espone, con intelligenza e senza rivelargli nulla, cerca di proteggerlo, facendolo seguire da uomini armati, che lo salvano da agguati mortali. Ma solo all’indomani del processo, quando Fausto pensa di potersi finalmente riprendere la propria identità, attraverso le parole di Porcia a cui è particolarmente affezionato, egli scopre che i Drusi, e tutte le persone che lo apprezzano da sempre, sono al corrente di tutto fin dal primo momento. Ciò che gli dà il coraggio di andare avanti per questa strada è l’incondizionata approvazione di Porcia che, consapevole di tutte le malefatte di Marco, non lo riteneva adatto a svolgere le complesse mansioni del Dominus. Porcia, la personificazione dell’intelligenza, della forza e della determinazione, virtù fondamentali del popolo romano, è colei che, pur appartenendo al sesso femminile considerato dai romani incapace di prendere grandi decisioni, sancisce la superiorità e la vittoria di tali doti presenti in Fausto.
È lo stesso Fausto, arrivato ormai a tarda età dopo aver visto morire tutte le persone a lui care, a ricordare, nelle sue memorie, gli eventi drammatici della sua tumultuosa vita.
Anche questo, come i precedenti romanzi, conferma la grande capacità della Pomilio di descrivere fasti e nefasti di Roma, svelandone gli aspetti crudi e violenti, ben radicati dietro la facciata di universalismo e grandiosità. È solo sforzandosi di valutare le cose da ogni punto di vista che si può dire di conoscerle e questo principio è ancor più valido per la complessa e articolata realtà dell’antica Roma. Il sangue dei fratelli, quindi, grazie al titolo accattivante, alla complessità delle vicende narrate nel pieno rispetto degli eventi storici documentati, all’alternarsi di luoghi diversi e di personaggi ben delineati, riesce a catturare sempre più l’interesse del lettore. Inoltre, dal momento in cui Fausto si sostituisce a Marco, l’animo lacerato dell’ex schiavo, i frequenti e drammatici colpi di scena, come ad esempio l’ambigua presenza di Vinicio con i suoi ricatti, tengono il lettore in un’ansiosa sospensione che ne potenzia l’interesse fino alla fine.

Francesca Romana Melchiorre


Indicazioni utili

Lettura consigliata
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri