Narrativa italiana Romanzi storici La sorella di Mozart
 

La sorella di Mozart La sorella di Mozart

La sorella di Mozart

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni di La sorella di Mozart, romanzo di Rita Charbonnier edito da Corbaccio. Wolfgang Amadeus Mozart, il più grande compositore di tutti i tempi, aveva una sorella che era a sua volta un genio musicale e con la quale si esibiva durante l’infanzia, sotto la guida rigida del padre Leopold. Ma d’un tratto della sorella, Nannerl, sembra scomparire ogni traccia. La figura del genio fanciullo giganteggia nel tempo e tutt’intorno si fa ombra. Perché mai? Cosa accadde di quel prodigioso talento, nato in un corpo di donna? Rita Charbonnier ha deciso di addentrarsi nel regno indistinto della storia non scritta e di restituire a Nannerl Mozart quella personalità che solo a tratti si può intuire nelle poche lettere che di lei ci rimangono. Ne è nato un romanzo da cui emerge una vibrante figura femminile del Settecento, per tanti versi così vicina a una donna del nostro tempo. Gli amori di Nannerl – il fratello minore prima di tutto, e poi i due grandi uomini della sua vita – sono influenzati dal suo vero, unico, grandissimo amore, quello per la musica che la porta a lottare senza sosta per esprimere il proprio talento, alla ricerca di un riconoscimento che appare sempre più lontano, ma forse non è...

Rita Charbonnier ha studiato pianoforte classico e canto operistico e si è esibita come attrice e cantante in diverse produzioni teatrali di primo livello, prima di dedicarsi completamente alla scrittura. È sceneggiatrice televisiva e giornalista di spettacolo, specializzata nel teatro musicale.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.9
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La sorella di Mozart 2012-09-22 03:15:43 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    22 Settembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il talento represso

Maria Anna Walburga Ignatia Mozart (Salisburgo, 30 Luglio 1751 – Salisburgo, 29 Ottobre 1829), meglio conosciuta come Nannerl, è stata la sorella maggiore di Wolgang Amadeus Mozart. Come capita sempre in questi casi, la luce del genio pone totalmente in ombra gli altri membri della famiglia, anche se nel caso specifico lei aveva un grandissimo talento non dissimile da quello del fratello, vocazione musicale soffocata sul nascere in funzione esclusiva della maggior gloria di Wolfgang.
Di questa donna, al servizio delle volontà del padre-padrone Leopold, Rita Charbonnier ci fornisce un ritratto di grandissimo spessore, facendo riemergere dall’oblio una figura le cui qualità musicali erano senz’altro indubbie.
Un romanzo storico per musicofili, si potrebbe pensare, ma non è così; certo l’arte ha il suo rilievo, e non potrebbe essere diversamente, quando si parla dei Mozart, ma quello che più conta è la condizione di subordinazione di un essere costretto all’infelicità, impossibilitato a esprimere le sue autentiche qualità, sia per il fatto di essere femmina, e quindi relegata al servizio del maschio, sia perché l’autorità paterna non aveva occhi se non per il figlio, ossessionandolo con la necessità di essere il migliore (e indubbiamente lo fu), ma rendendolo in tal modo un essere succube della sua arte, prigioniero delle sue pur celestiali note, insicuro, narcisista e infine squilibrato, perché non ebbe mai una normale giovinezza.
Anche se la storia di Wolfgang fa quasi da sfondo all’intera opera, la sua ombra aleggia sempre sulla sfortunata sorella, prima amorevole con lui, poi arrivata a un netto punto di rottura e infine di nuovo riappacificata dopo la di lui scomparsa.
Questa è una storia di desideri repressi, di vite disegnate da altri, della condizione della donna in un secolo che, per essere quello dei lumi, avrebbe dovuto parificarla all’uomo.
Eppure Nannerl è una donna che lentamente riesce a emergere dal baratro in cui è sprofondata e ciò grazie all’amore, un amore che non è condizionamento, ma reciproco rispetto. Ha infatti la fortuna di conoscere un barone, vedovo con prole e che ha un’indole poetica, un’arte che si esprime certamente in tono minore, ma che riesce a riunire due talenti, di cui il primo, quello di Fraulein Mozart è indubbiamente superiore.
Non si tratta del primo uomo, poiché prima c’è un ufficiale austriaco, pure lui vedovo e con una figlia, allieva di Nannerl, che verrà sedotta e abbandonata da Wolfgang.
Di questo amore, interrotto in prossimità delle nozze, c’è un ampio resoconto in una corrispondenza, frutto di pura invenzione, ma che rende, con indubbia efficacia, i due protagonisti dei veri e propri “io” narranti, contribuendo così a meglio delineare le loro caratteristiche e snellendo la narrazione. Queste lettere, intercalate fra i vari periodi della vita di Nannerl, ci rivelano che questa aveva trovato nel sicuramente innamorato Maggiore Franz Armand d’Ippod, militare austriaco e come tale inflessibile e portato al comando, una figura simile a quella del padre, tale da infondere sicurezza, ma anche di limitare le possibilità di esprimere compiutamente la propria personalità.
Non sarà così con il barone Johann Baptist von Berchtold zu Sonnenburg, nel cui amore troverà finalmente appagamento e pace, tanto da ricongiungersi a quella famiglia che con il tempo aveva preso a detestare e, scomparso ancor giovane il fratello Wolfgang, si dedicherà anima e corpo a curare le edizioni delle sue numerose composizioni.
La sorella di Mozart è un romanzo complesso, ma affascinante, e, pagina dopo pagina, la figura di Nannerl entra nell’animo del lettore, condividendone gioie e dolori, e quando maturerà una compassione nei suoi confronti, nascerà però subito dopo la gioia per vederla finalmente felice.
Scritto in modo egregio, in un’atmosfera ricreata benissimo, con tutti i personaggi accuratamente delineati, anche i minori, è un’opera che incanta e che alla fine lascia un grande senso di serenità.
La sua lettura, quindi, non solo è consigliata, ma vivamente raccomandata, perché siamo in presenza di un autentico gioiello.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

La sorella di Mozart 2011-06-28 21:10:12 patty81
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
patty81 Opinione inserita da patty81    28 Giugno, 2011
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Musica e passione

Ho amato e divorato questo piccolo capolavoro della Charbonnier fino all'ultima pagina.Tutti sappiamo del genio indiscusso di Mozart, ma qui l'autrice, con grande abilità narrativa e un pizzico di ironia, cerca di ricostruire e immaginare soprattutto la figura di Nannerl Mozart, sorella maggiore di Amadeus e anch'essa, fin dalla più tenera età,grande promessa della musica.Il cinico padre li fa esibire insieme come fenomeni da baraccone in tutta Europa,ma purtroppo il destino di una donna talentuosa,in quell'epoca, era di dimenticare i sogni e la gloria ...e così è per Nannerl, che si trova ben presto a mantenere i costosi viaggi di padre e fratello, dando lezioni di pianoforte alle giovani salisburghesi di buona famiglia.Sola e frustrata, giura a se stessa che non suonerà e comporra mai più, anche se è la cosa che desidera di più al mondo;solo l'affetto per la giovane allieva Vittoria, e poi l'amore per il padre della giovane,il maggiore D'Ippold,la svegliano dal torpore e dall'apatia.Ma Amadeus è in agguato... Non posso svelare altro perché i colpi di scena sono sapientemente dosati in tutto il romanzo,ma il lieto fine è assicurato, con buona pace per il lettore.
Stile scorrevole, pulito ed efficace, con delle uscite a volte esileranti che non stonano con il tono serio della storia. I personaggi sono caratterizzati in maniera minuziosa e la storia di adatterebbe bene a una trasposizione su pellicola.
Una figura femminile straordinaria, forte e fragile allo stesso tempo, che farà innamorare i lettori e le lettrici.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
imperdibile per chi ama i ritratti di donne forti e le storie ricche di pathos
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri