Tu, mio Tu, mio

Tu, mio

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Il ragazzo e il mare: l'avventura estiva di un adolescente del dopoguerra, l'incontro con la pesca, e con una ragazza più grande, col suo segreto, con il suo dolore per la perdita del padre in guerra, prima della fine delle vacanze. C'è un'estate brusca nell'età giovane in cui s'impara il mondo di corsa. In un'isola del Tirreno, in mezzo agli anni cinquanta del secolo, un pescatore che ha conosciuto la guerra e una giovane donna dal nome difficile, senza intenzione trasmettono a un ragazzo la febbre del rispondere. Qui si racconta una risposta, un eccomi, decisivo come un luogo di nascita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0  (4)
Contenuto 
 
4.3  (4)
Piacevolezza 
 
4.3  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Tu, mio 2016-04-22 21:06:02 Vincenzo1972
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Vincenzo1972 Opinione inserita da Vincenzo1972    22 Aprile, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Guagliò, che brutta carogna è 'a guerra...

Nicola è un ragazzo di 16 anni, terminato l'anno scolastico trascorre i mesi estivi presso l'abitazione degli zii che vivono in una piccola isola vicino Capri.
E' una fuga dalla città, un'evasione tanto agognata da Nicola che trova su quell'isola il suo habitat naturale, la terra da calpestare a piedi nudi per non perderne mai il contatto, per sentirne sempre il calore se non quando la si abbandona per salpare in mare, con la barca dello zio, capostipite di una famiglia di pescatori, uomini che vivono il mare e lo rispettano, ne conoscono le insidie ma anche la suprema bellezza.
"Si ottiene dal mare quello che ci offre, non quello che vogliamo. Le nostre reti, coffe, nasse, sono una domanda. La risposta non dipende da noi, dai pescatori. Chi va sotto a prendersela con le sue mani la risposta, fa il prepotente col mare. A noi spetta solo la superficie, quello che ci sta sotto è roba sua, vita sua."

Nicola, nel pieno della sua adolescenza, non si riconosce negli altri ragazzi della sua età, spesso non ne condivide gli interessi e soprattutto l'atteggiamento di spensieratezza e baldoria che li contraddistingue: sono ragazzi degli anni '50, ragazzi che hanno ancora negli occhi il riflesso delle fiamme, la polvere delle macerie e nelle orecchie il sibilo dei proiettili e la sirena che preannuncia l'attacco aereo.
Loro vogliono dimenticare, vogliono convincersi che sia tutto finito, così come gli adulti che preferiscono cambiare discorso piuttosto che spiegare, perchè spiegare significa ricordare, riportare in vita quei momenti.
"Dopo la guerra i vivi avevano indurito il silenzio, un callo sopra la pelle morta della guerra. Volevano abitare in un mondo nuovo."
Ma Nicola vuole sapere, non gli basta quello che è scritto sui libri, perchè non è la vera storia quella:
"Pure se parlo fino a domani, tu di com'è stata la guerra che ho visto non puoi sapere niente. Si deve sapere con gli occhi, con la paura, con la pancia vuota, non con le orecchie, coi libri."
Nicola conoscerà la guerra strappandola parola dopo parola dalla bocca del cugino maggiore, mentre sono occupati con la rete da pesca e la mente non ha appigli per trattenere i ricordi ed il cuore ha bisogno di parlare, di raccontare l'odio e la rabbia per l'incapacità di opporsi ad ordini disumani, parole di morte urlate in tedesco, una lingua sconosciuta ma dal suono inconfondibile, impossibile non riconoscerlo nelle voci dei turisti che ora girano per l'isola, anche loro spensierati, anche loro immemori della violenza perpetrata.
E poi quella ragazza, l'unica tra le tante sull'isola che incontra lo sguardo di Nicola e lo cattura; diceva di chiamarsi Caia, ma 'lei non era Caia, un nome, lei era una persona che si chiamava così'.
Ed ancora una volta la guerra ritorna prepotente, nascosta nel segreto di quel nome Caia, un segreto ben custodito dalla ragazza, sotterrato nel profondo del suo cuore perchè farebbe male se riaffiorasse.
E' un dolore che chi ha vissuto la guerra in prima persona non vuole condividere, per difesa propria e degli altri, per non soffrire ricordando e per non turbare chi ascolta, incredulo di fronte a tali atrocità, per non generare altro odio, altra violenza, altra guerra.
Nicola, però, non può non sapere, in quel segreto scoprirà anche l'amore:
"Ci s'innamora così, cercando nella persona amata il punto a nessuno rivelato, che è dato in dono solo a chi scruta, ascolta con amore. Ci s'innamora da vicino, ma non troppo, ci s'innamora da un angolo acuto un poco in disparte in una stanza, presso una tavolata, seduto in un giardino dove gli altri ballano al ritmo di una musichetta insulsa e decisiva che fa da colla di pesce per una faccia che si appunta a spilli sul diaframma del petto."
E Nicola diventerà adulto, e diventerà un soldato, perchè la guerra non è solo in trincea, è nel cuore degli uomini.

Per chi ha già amato De Luca in 'Non ora, non qui' oppure 'I pesci non chiudono gli occhi', non rimarrà deluso da questo piccolo capolavoro.
Lo stile dell'autore è unico, inconfondibile: la narrazione segue uno spartito musicale, le frasi non si leggono ma si sentono, non ci sono rime ma quei periodi vibrano con un'intensità e con una magia che solo la poesia sa creare.
E' una questione di feeling sicuramente.. sono vibrazioni che non tutte le corde potrebbero percepire, molti potrebbero rimanerne del tutto indifferenti.
Ma per gli altri: prendete De Luca, prendete il mare... e lasciatevi trascinare..
"Era una notte ferma. Il mare a riva non riusciva a muoversi di un passo. Quand'è così non è nemmeno mare, pare cielo. Sul crocchio delle nostre teste stavano fitte a gragnuola le stelle, senza fiato nei pini."
"Sentivo il parlottio quieto mischiato allo sciacquo del remo, smozzichi di parole, perchè a mare s'intendevano tra loro solo con la sillaba principale, l'accentata, stenografia insegnata dal vento che porta via il resto."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Non ora, non qui
I pesci non chiudono gli occhi
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tu, mio 2015-02-01 13:21:00 Riccardo76
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Riccardo76 Opinione inserita da Riccardo76    01 Febbraio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mare, l'amore e la vita

Una passione, più passioni, in una sola estate, talmente densa da cambiare la vita per sempre, l’essenza che fa crescere ed imparare ad amare. Il mare e la pesca come arte, come via, come filosofia, andar per mare con tutto il rispetto possibile, chiedendo permesso:

“Nicola non sapeva nuotare mi ha trasmesso il rispetto per il fondo. Si ottiene dal mare quello che ci offre, non quello che vogliamo. Le nostre reti, coffe, nasse, sono una domanda… A noi spetta solo la superficie, quello che ci sta sotto è roba sua, vita sua.”

E come ogni forma d’arte tutto nasce dal rispetto e dalla passione, non esiste arte senza.

Un giovane ragazzo in vacanza cerca di apprendere questo rispetto, cerca di conoscere la sua strada, siamo nel secondo dopoguerra, e le storie di quell'estate cambieranno per sempre la sua vita, conoscerà l’amore, un amore superiore, fatto di palpitazioni, un amore che al giorno d’oggi difficilmente riusciremmo a concepire. Incontra una ragazza con un passato difficile, una ragazza che ha vissuto in prima persone le tragedie di quel periodo sciagurato, la incontra e se ne innamora si lega a lei con un legame che è quanto di più romantico e puro si possa pensare, una amore non fatto di passioni, un altro tipo di amore, quasi una magia.

Bello il concetto che De Luca esprime tramite il suo protagonista: comprendere la storia di quel periodo non dai libri, i libri non dicono quello che i diretti testimoni possono trasmettere, la storia che lui vuole sentire è quella di chi ha vissuto quegli anni, di chi ha dovuto rispettare ordini assurdi per sopravvivere, di chi ha dovuto combattere nemici che non erano i suoi, di chi faceva il possibile per vivere e non far male agli altri.

Un’altra perla di De Luca, scritto con il suo solito stile poetico, marchio distintivo e originale di questo autore, un libro che si legge in pochissimo tempo e che lascia un gran bel senso di bellezza e appagamento.

Tu, mio … rimarrai sempre tra i miei autori preferiti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tu, mio 2013-12-28 15:47:22 Rosa Iorio
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Rosa Iorio Opinione inserita da Rosa Iorio    28 Dicembre, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La pace oltre la guerra

È la storia di un fuoco, di fiamme che incendiano improvvisamente l’estate di un adolescente prima di diventare adulto senza averne l’età.
È fuoco il suo battesimo del pescatore, quando impara a fare i conti con la paura del dolore, desiderata e affrontata semplicemente con la pazienza di sopportarlo.
È fuoco la voglia di conoscere la guerra appena trascorsa nei suoi aspetti più intimi.
È fuoco il suo rapporto con lo zio Nicola, maestro di vita e di pesca con il quale, in una notte di tempesta, diventerà una cosa sola, a dispetto di tanti inconfessati segreti.
È fuoco l’ingresso anticipato nel mondo degli adulti, verso il quale sarà spinto in maniera irreversibile.
È fuoco l’incontro con una ragazza più grande di lui che gli farà vivere la differenza che passa tra un ragazzo e un uomo, traghettandolo verso l’asprezza dolce della maturità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Tu, mio 2012-12-06 20:09:32 mauriziocasamassima
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
mauriziocasamassima Opinione inserita da mauriziocasamassima    06 Dicembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un dopoguerra difficile

Un libro sulla guerra, sulla impossibilita' di correggere il passato...nella consapevolezza di non essere in grado di vivere e costruire un presente diverso, migliore. E l'amore, anche nella sua forma più elevata, non riesce a trionfare sull'odio, seminando il germe di una nuova 'guerra', anche se oramai solo nell'animo di un giovane, che ritiene di essere diventato adulto...Ma il tributo di sangue pagato dall'umanità con la guerra ha lasciato in eredita' alle nuove generazioni il dono della democrazia... Sta a queste non mandarlo in fiamme insieme ai loro sogni.
Resta il valore di un amore autentico, che favorisce una crescita.
E restano tre concetti di fondo....
1. Il mare, stupendo nel suo mistero, lascia scorrere la vita, divenendone partecipe
2. L'amore, quando è autentico, non è desiderio di possesso, ma di protezione dell'altro...
3. Il dolore, causato alle persone che amiamo, che ci sono vicine, non appartiene solo a loro, ma si propaga, coinvolge anche la vita degli altri...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Chiudi gli occhi, Nina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio