Narrativa straniera Letteratura rosa Ricordati di sognare
 

Ricordati di sognare Ricordati di sognare

Ricordati di sognare

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Per due anni, è come se non avessi vissuto; ero persa in un baratro di dolore, da cui credevo non sarei più riemersa. Poi ho incontrato Wes Michels. Lui è il raggio di sole che ha squarciato le tenebre della mia esistenza, la luce che mi ha ridato la speranza e la forza di ricominciare. Mi sono affidata ciecamente a lui, anche quando tutti mi dicevano di non farlo: Wes è troppo ricco, troppo impegnato a diventare la nuova stella del football e, soprattutto, troppo corteggiato per rimanere fedele a una ragazza come me. Non sanno quanto si sbagliano. Non conoscono il suo cuore e sono all’oscuro del suo segreto. Su una cosa però avevano ragione: non avrei dovuto innamorarmi di lui. Ho paura che, se resterò ancora una volta sola, sprofonderò di nuovo nel baratro. Perché adesso so che ogni giorno passato con Wes potrebbe essere l’ultimo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
2.4
Stile 
 
2.3  (4)
Contenuto 
 
2.5  (4)
Piacevolezza 
 
2.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ricordati di sognare 2015-03-09 09:50:04 Mian88
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    09 Marzo, 2015
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra favola e realtà.

L'incontro tra Kiersten e Wes Michels è sinonimo di serenità poiché grazie alla reciproca presenza i protagonisti riscoprono una ragione per vivere e andare avanti. Il quadro che ci viene descritto è quello di una giovane reduce dalla perdita dei genitori che si contrappone alla figura dello sportivo campione di football in attesa dell'operazione per estirpare “il male” che lo sta conducendo alla morte. Ha il 50 % di possibilità di farcela. Innamorandosi conoscono l'altro ma anche loro stessi forse per la prima volta.
Lo stile è fluente ed il componimento si conclude nell'arco di un pomeriggio. Sorvolando su tutte le eccezioni che potrebbero essere mosse (dal modo alquanto opinabile con cui la scrittrice ha affrontato il tema della depressione, della leggerezza con cui i medicinali per combatte la patologia vengono snocciolati, ingurgitati e triturati quasi come se fossero all'ordine del giorno e non sussistessero criteri per la somministrazione, la rapidità dell'innamoramento che sicuramente innalzerà il livello glicemico dei romantici diabetici e non – anche se personalmente non è stato quest’ultimo l’elemento che mi ha dato maggiormente da pensare – e dunque una – forse voluta – palpabile superfluità nella trattazione), quale indice di piacevolezza ha questo romanzo? Tutto dipende dallo spirito con cui si legge.
Se lo si apre aspettandosi un capolavoro, la delusione è assicurata perché nonostante l'idea sia buona manca di pathos – è questo il vero problema di Ricordati di sognare – non riesce a toccare l'animo del lettore.
Se lo si scorre considerando il proposito per il quale è stato scritto, ovvero offrire serenità, speranza ed un attimo di ristoro a chi convive quotidianamente con la malattia, la morte, la sofferenza, è il testo adatto perché nella sua semplicità e genuinità non ha pretese se non quelle di far sognare il lettore.
Non l'ho amato, ma non l'ho neanche disprezzato. Mi aspettavo peggio sinceramente. Come sopra accennato la pecca vera è quella del poco pathos, di trattare la malattia senza entrarvi veramente dentro. Si crea dunque una sorta di schermo tra il lettore e il testo, una barriera invisibile che fa da filtro alle emozioni lasciandole sempre un pelino indietro ai propositi (dettaglio a cui si somma un’eccessiva miracolosità degli eventi). Resta un libro piacevole, semplice, non impegnativo e capace di regalare sorrisi. Leggetelo con l’imperativo di ricordarvi di sognare, la profeticità del titolo è sorprendente

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ricordati di sognare 2015-02-24 16:09:05 Claire
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Claire Opinione inserita da Claire    24 Febbraio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sdolcinato e troppo miracoloso !

Ho finito di leggere questo libro la settimana scorsa, ma non avevo granché voglia di commentarlo perché ho le idee un pò confuse.
Da un lato mi è piaciuto con tutti i suoi piccoli difetti, ma dall'altro lato posso dire che questo libro è un tantino ma proprio un tantino ridicolo ma ve lo spiegherò meglio dopo.

Come sempre abbiamo in questa storia due giovani e bei ragazzi, lui "Weston" (per gli amici Wes) campione sportivo, bello, anzi bellissimo, ricchissimo e famosissimo.

Lei la mentecatta di turno, ingenua fin quasi al paradosso e con ovviamente un trauma e una tragedia alle spalle.
Niente di nuovo insomma, a parte il fatto che la nostra Kiersten oltre ad essere un'ingenua patentata stordita dagli antidepressivi ha pure due fette di salame spesse 10 cm sugli occhi !
Lasciamo perdere il fatto che dopo nemmeno 10 minuti di pura casualità in cui i due si conoscono già non possono fare altro che sognarsi a vicenda ( e già questo la dice lunga ....) ma la situazione tende a diventare ridicola quando quel povero ragazzo di Wes malato e acciaccato, corre, fa sport, gioca partite di football e corre con Kriesten per km solo per poi avere un piccolo mancamento ....
Ora vorrei dire alla scrittrice due cose :
Che io sappia nella mia piccola esperienza di vita ,una persona che ha un cancro non sta di certo a correre come se nulla fosse, anzi, io mi ricordo che mio papà che due anni fa ha avuto un cancro all'intestino si sentiva uno straccio senza forze, e mio padre non è tipo da abbattersi più di tanto.
Questo Wes invece sembra un super eroe, certo ovviamente qualche piccolo mancamento ce l'ha solo che la piccola e ingenua Kriesten non se ne rende conto nemmeno quando lo vede verde e pronto a vomitare addosso a lei.
Ma a parte questo aspetto che secondo me la scrittrice ha trascurato un pò per romanzare la storia in maniera meno dolorosa, a me ha un pò fatto storcere il naso la fine del romanzo, insomma sono felicissima che tutto sia andato benissimo per carità, io amo i lieto fine , però questo qui mi sa un pò troppo di "miracolo"... l'infermiera che somiglia alla mamma che guarda caso vede solo lui...insomma forse sto diventando un tantino troppo cinica, ma che volete farci per adesso sono un pò sotto stress .
Comunque se evitate questi due punti che io ho cercato di sottolineare, la storia è molto carina, dolcissima e soprattutto romantica.
A voi la scelta se leggerlo o meno, in tal caso buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ricordati di sognare 2015-02-17 15:17:55 ELEONORA FRACCARO
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ELEONORA FRACCARO Opinione inserita da ELEONORA FRACCARO    17 Febbraio, 2015
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il mio cuore in cambio del tuo

Ricordati di Sognare è il primo romanzo della serie Ruin di Rachel Van Dyken.
I protagonisti sono Kiersten, una giovane matricola del primo anno universitario, e Weston Michels, un bel ragazzo dell’ultimo anno, stella nascente del football e figlio di uno degli uomini più ricchi di Washington.
Il romanzo si apre col loro incontro o, meglio, scontro in cui si imbatte Kiersten il primo giorno di scuola sul fisico perfettamente muscoloso di Wes, sui suoi addominali scolpiti e i suoi occhi blu.
Kiersten è descritta come la ragazza ingenua ed innocente con problemi legati al suo passato per la perdita dei propri genitori, perdita che le causa spesso incubi.
Wes, invece, è il referente universitario del dormitorio dove alloggia Kiersten, anche lui ha dei problemi che vengono ben presto alla luce.
Ben presto i due protagonisti diventano amici, anche se tra di loro scoppia una grande attrazione che li spinge l’uno verso l’altra.
Wes cerca di aiutare Kiersten ad “uscire dal suo guscio” mentre Kiersten prova ad aiutare Wes a “tenerlo in vita”.
Il romanzo alterna capitoli ove il racconto è in persona di Kiersten, a capitoli in cui il narratore è Wes.
Il testo è molto scorrevole, la lettura semplice e piacevole.

«La vita non è giusta. Ciononostante, vivere è bellissimo. È un dono. E ogni dono è diverso, ogni destino è diverso. A noi è capitato questo, anche se non so perché. Prima lo accettiamo, prima smettiamo di piangerci addosso e cominciamo a vivere.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Ricordati di sognare 2015-02-06 22:31:10 Lady Aileen
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Lady Aileen Opinione inserita da Lady Aileen    07 Febbraio, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Si poteva fare di meglio

Ricordati di sognare è il primo volume della serie Romance New Adult Ruin, (storie autoconclusive in quanto ogni volume vede protagonista una coppia diversa).
In questo volume i due protagonisti sono Kiersten e Wes, entrambi studenti universitari ed entrambi con una situazione difficile da affrontare. Le vicende sono raccontate attraverso punti di vista alternati in prima persona dei due protagonisti (Ogni capitolo ha il nome del personaggio che "parla").
Bellissima e lodevole l'idea generale della storia e la destinazione del ricavato del libro della versione americana ma sinceramente il modo in cui è stata resa la storia a me è sembrato superficiale e poco credibile.
1. I due ragazzi nel giro di poco tempo si incontrano e s'innamorano.
2. Il padre di Wes un momento prima affronta il figlio dicendogli che sicuramente Kiersten è come le altre ragazze che vuole lui solo per il patrimonio, successivamente diventano una famiglia. Praticamente il lettore, senza un confronto tra i Kiersten e il padre di Wes, da per scontato che abbia cambiato idea ma quale sia stato il momento non è dato sapere.
3. Viene introdotta una ex di Wes che dapprima mette in guardia Kiersten poi scompare dal volume (una che non ha problemi a fare accuse infamanti, si presenta ad una festa in cui non dovrebbe nemmeno esserci, scompare senza fare ritorsioni. E allora perché è stata inserita?)
4. I compagni di squadra e gli amici inesistenti di Wes. Eri (lo sei ancora) un ragazzo ricchissimo, eri (sei) popolarissimo e poi non c'è nessuno al tuo fianco e la soluzione di questo vuoto è la frase: Io non avevo detto che non stavo bene?
5. Gli "amici" di Kiersen. La compagna di stanza e il cugino diventano subito suoi grandi amici nonostante lei sia insicura e diffidente. Non è nata un po' troppo velocemente questa amicizia?
6. L'amicizia nata tra Wes e il cugino della coinquilina di Kiersten. Scambiandosi 4 parole.
7. Il cambiamento di Kiersten stessa ha un qualcosa di magico.
Sinceramente, secondo me, alcune situazioni andavano approfondite perché la storia alla base non era male e lo stile è scorrevole.
Se fossi stata un'adolescente, l'avrei apprezzato di più ma da adulta è un romanzo che non mi ha convinto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa senza ricordi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Léon
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia unica
Valutazione Utenti
 
3.0 (2)
Il codice dell'illusionista
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri