Narrativa straniera Letteratura rosa Un'estate di perdizione
 

Un'estate di perdizione Un'estate di perdizione

Un'estate di perdizione

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di Un'estate di perdizione, romanzo di Stephanie Ash edito da Tre60. Per Anna, la proposta è irrinunciabile: trascorrere due mesi a Creta per partecipare a un importante scavo archeologico. Potrebbe essere la svolta della sua carriera e l’occasione giusta per mettere alla prova il rapporto col suo fidanzato storico, Justin, che invece dovrà rimanere a Londra a lavorare per tutta l’estate. Così, senza pensarci due volte, Anna accetta l’incarico, compra il biglietto aereo e, sul volo, conosce Miranda, la ragazza con cui condividerà quella fantastica esperienza, ma che, in realtà, non sembra particolarmente interessata all’archeologia. Miranda infatti le confida di avere chiuso una relazione con un uomo sposato e mette subito in chiaro le sue intenzioni: divertirsi il più possibile! Non appena giunge a Creta, Anna rimane affascinata dall’intenso profumo della calda brezza che soffia sull’isola, dal colore ipnotico del mare e… dagli uomini che incontra. Prima Vangelis, il giovane studioso che ospita nella sua villa i componenti del team di ricerca, un ragazzo dal sorriso irresistibile e dai modi audaci e disinibiti; e poi il direttore degli scavi, William Sillery, un professore anticonformista eppure maniaco del controllo, che dietro lo sguardo magnetico nasconde un bagliore perverso… Con la complicità di Miranda, in quella torrida estate greca, Anna si lascerà coinvolgere in uno stuzzicante gioco di seduzione e ogni sua fantasia – anche la più inconfessabile – verrà soddisfatta. A Londra, però, c’è qualcuno che l’aspetta, e che è disposto a tutto pur di non perderla…



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0  (2)
Contenuto 
 
2.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un'estate di perdizione 2013-03-06 22:00:16 Lady Aileen
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Lady Aileen Opinione inserita da Lady Aileen    07 Marzo, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un'estate da dimenticare

Chiunque sia la nota scrittrice inglese che si nasconde dietro questo pseudonimo forse era agli inizi della sua carriera perché è un romanzo senza una storia ma piena di scene di sesso giusto per riempire le pagine (mi meraviglio che non abbia inserito anche un ménage à trois).
Va bene, si tratta di un romanzo erotico ma sinceramente rispetto ad altri titoli simili che ho letto, questo è quello più deludente.
All'inizio sembra sia Anna la protagonista del romanzo (il principale punto di vista) poi con il procedere della lettura il punto di vista si sposta anche su Miranda (l'amica e collega di lavoro di Anna). Anna è inglese e frequenta un uomo da 6 anni, per scoprire se effettivamente è la persona con cui vorrà passare il resto della sua vita, decide di accettare un incarico come archeologa a Creta per due mesi.
Le buone premesse, secondo me, c'erano ma l'autrice non è riuscita a svilupparle, a cominciare dalla caratterizzazione delle due donne (sinceramente sembravano più delle adolescenti in vacanza che archeologhe. Una che si strugge per l'uomo che ha lasciato in patria e l'altra perennemente in fregola). Personaggi bidimensionali e ai quali è difficile affezionarsi.
Anche il lavoro dell'archeologo (mi aspettavo che questo aspetto fosse preso più seriamente) è stato usato solo per riempire.
Solo nelle ultime pagine sembrano essere nati dei grandi amori, peccato non si capisca come sia successo (dove è finita l'angoscia di Anna divisa tra l'amore di due uomini e stesso discorso vale anche per Miranda).
Anche delle descrizioni che riguardano Creta viene svelato ben poco eppure è una location affascinante (altra occasione sprecata per rendere il romanzo migliore).
Un romanzo con un livello di sensualità alto ma che lascia davvero poco.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un'estate di perdizione 2013-01-30 08:56:47 Amarilli73
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Amarilli73 Opinione inserita da Amarilli73    30 Gennaio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Miraggio di sesso tra pescatori greci

Della serie: mi aspettavo fragole e champagne, e mi son ritrovata un brodino di pollo, confortante per carità, ma solo se sei reduce da un febbrone e ti devi forzatamente riposare.
Eppure la quarta di copertina con promesse di “torride estati greche” e fantasie di seduzione sembrava così stuzzicante…..

Tra Anna e Justin, fidanzati da anni, le cose ultimamente vanno lisce come carta vetrata, e lei – per crescere e capire finalmente stessa (!) – se ne va due mesi a Creta a scavare buche e recuperare vasi minoici.
Tutto parte bene: Creta sembra bellissima, il capo-archeologo è un tipo maturo ma intrigante, c’è un collega greco dal fascino epico, la collega Miranda è una bonazza con il corpo da pin-up ed è pronta a farsi chiunque purché respiri, e pure i pescatori del villaggio si fanno avanti assatanati al grido di –Arrivano le straniere!

Con queste premesse, una si frega le mani e si prepara comoda in poltrona…e invece, tazzona di brodino caldo….La storia è simpatica e ha alcuni episodi davvero esilaranti, tipo l’arrivo delle due allegre inglesi alla taverna o la gita in barca con i pescatori (dove la Nave delle Porche, la dice tutta!!), ma è al dunque, su quelle “fantasie” di seduzione, che la narrazione è debole: ho trovato le scene d’amore ghiacciate, plastificate, con la ripetizione degli stessi gesti da manuale e prive di un briciolo di spontaneità (tanto che le più audaci sono quelle dove Anna sogna e geme dormendo…appunto: nella realtà tanta calma piatta).

E poi ci dovrebbe essere questo grande amore che scopriamo solo sulle ultime pagine, e di cui lei non si è mai accorta prima (neppure io, a dire il vero, e infatti sono tornata indietro per vedere se mi ero persa qualche capitolo).
Alla fine non si capisce come un “dio greco” come Vangelis possa sentirsi anche solo lontanamente attratto da una come Anna, che ha il carisma di una cotoletta impanata.

Oserei dire che il titolo italiano è abbastanza ingannevole. Molto meglio l’originale “Sunkissed”: anche se è uscito in pieno inverno, consiglierei questo romanzo come leggera lettura estiva, sotto l’ombrellone.

Trovi utile questa opinione? 
230
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Lo sparo
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'erede misterioso
Il bacio. The winner's kiss
La leggenda di Loreley
Frederica
Un regalo per Miss Violet
Amo la mia vita
La metà del cuore
Appuntamento dove il cielo è più blu
Una sirena a Parigi
La casa sul fiume
Tutta colpa di Mr Darcy
Il diario segreto di Lizzie Bennet
La ragazza del sole
Ti regalo le stelle
L'opale perduto
Maledetta felicità