Across the universe Across the universe

Across the universe

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Amy è una passeggera congelata in una bara di vetro a bordo della navicella spaziale Godspeed. Ha lasciato il suo ragazzo e gli amici sulla Terra ed è partita con i genitori, per risvegliarsi dopo trecento anni sul pianeta Centauri. Niente, però, va come previsto: qualcuno vuole ucciderla, così la risveglia dal suo sonno di ghiaccio, cinquant’anni prima del previsto. Amy si ritrova, quindi, a vivere secondo regole completamente mutate, su un’enorme nave in viaggio tra le stelle, in balia di sconosciuti tra cui si nasconde un assassino.L’unico che sembra aiutarla è Elder, il futuro capitano della Godspeed. Elder è potentemente attratto dalla singolare bellezza di Amy e cerca di proteggerla in ogni modo dal resto della comunità e dallo strapotere di Eldest, il capo in carica. Ma Amy può davvero fidarsi di lui?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (4)
Contenuto 
 
3.3  (4)
Piacevolezza 
 
3.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Across the universe 2015-08-14 15:58:30 Mian88
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    14 Agosto, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ne carne ne pesce.

Da sempre gli uomini sono affascinati dalle stelle, meta di grandi sogni e infinite promesse. Quando finalmente le ricerche astronomiche riescono ad individuare un Pianeta adatto alla vita e capace di ospitare il genere di appartenenza non vi è altro da fare se non organizzare una spedizione. I genitori di Amy fanno parte di quello che viene definito come “carico necessario” ovvero costituiscono quei soggetti che una volta giunti su Terra-Centauri avranno l'onere nonché il fardello di studiarlo, colonizzarlo, ed insediarlo al fine di garantire una seconda possibilità ai terrestri.
Il viaggio durerà 300 anni e dunque necessaria risulta essere l'ibernazione. La ragazza, considerata “superflua” per il suo non-ruolo e non realmente consapevole della scelta compiuta, decide di seguire i genitori e di abbandonare tutto quello che ha caratterizzato la sua esistenza.
Qualcosa non va come auspicato e il suo “risveglio” avviene con ben 50 anni di anticipo rispetto a quello preventivato. Ciò che si trova dinanzi è assolutamente inconcepibile per chi come lei è nata sulla Terra: le razze non esistono più poiché tutta la popolazione è mono-etcnica, il libero pensiero è un qualcosa di altamente pericoloso e dunque da controllare in ogni modo e con ogni mezzo, coloro che hanno doti artistiche, attitudini scientifiche o altro sono visti come matti mentre chi vive passivamente e senza particolari capacità è apprezzato, stimato, considerato sano, la storia è stata riscritta tanto che Hitler era un santo che cercava di eliminare la discordia determinata dalle diversità.
A causa inoltre di una grave epidemia è stato eletto un Eldest, figura leader della nave, con lo scopo di mantenere la pace, risolvere i conflitti interni e giungere a destinazione. Quando dunque la protagonista si risveglia viene vista come un pericolo da questo: la sua pelle chiara e i (super gettonati) capelli rossi, gli occhi verdi, il suo sapere cosa veramente c'era su Terra-Sol, rappresentano un motivo di confusione che potrebbe danneggiare l'ordine istituito sulla Godspeed.
Soltanto Elder, il predestinato successore dell'attuale Eldest, non vede nelle sue diversità il caos, anzi, ne è affascinato, irresistibilmente attratto.
Oltre allo scompiglio creato dalla sua presenza ad aggravare la situazione ci si mette anche il fatto che numerose celle di ibernazione sono state scollegate prima del tempo e gli abitanti lasciati a morire senza essere correttamente rianimati. Perché? Si chiede Amy. Qual è lo scopo dell'assassino? E perché lei è stata scongelata se superflua oltretutto sopravvivendo?
Inizia così l'avventura di Amy, Elder, Harley e tutti gli altri abitanti della spedizione su Terra-Centauri.
L'idea di fondo del romanzo è buona perché il fascino delle stelle è innegabile. La trama risulta essere piacevole, lo stile sufficiente anche se non particolarmente forbito e scorrevole. Sinceramente alcune abbreviazioni tipo “xk” o “nn” o termini quale “frazzo”, anche se minimi/e, le avrei evitate soprattutto in un periodo in cui la lingua italiana è vittima di questi scempi ed omicidi. Non esagero, sono semplicemente realista.
Ma non venitemi a dire che questo è un romanzo di fantascienza perché l'unica cosa di questo genere che ha è la presenza di una nave spaziale con una missione! Non può essere definito nemmeno un fantasy ne tanto meno un romance per young-adult. Francamente? Non è ne carne ne pesce.
Come sopra detto la base di partenza c'è ma nell'evolversi manca qualcosa, c'è di tutto un po' ma non prende una direzione, non si sviluppa. I personaggi sono approssimativi e tra tutti quello un po' meglio delineato è Elder. Amy è a tratti odiosa e a tratti ancora più detestabile. Ma dico io... Ammesso e non concesso che un qualcosa del genere veramente accada, hai deciso tu di imbarcarti e far parte di una spedizione – per la quale milioni di persone avrebbero fatto carte false per essere al tuo posto – quando chiaramente la tua presenza non era indispensabile, un incarico dall'importanza tale che i tuoi genitori erano disposti a lasciarti sulla Terra pur di compierla, e ti lamenti? Era proprio necessario che per 2/3 dello scritto i suoi unici pensieri fossero diretti al passato e a bubbolare su quel che aveva lasciato?
Ok, qualcuno potrà obiettare che è giovane e bla bla bla, ma mica glie lo ha ordinato il dottore di salire sulla Godspeed dunque l'autrice, nel momento in cui l'ha messa in condizione di intraprendere un viaggio del genere avrebbe dovuto munirla anche dello “spirito” giusto per affrontarlo invece che creare una sorta di pedante fardello da portarsi dietro pagina dopo pagina. Questo suo atteggiamento la rende “finta”, non concreta, intangibile. Non funziona.
Il romanzo è adatto a chi non ha mai letto testi di fantascienza veri e che abbia desiderio di avvicinarsi al filone per gradi, diciamo che può essere una base di partenza accettabile da questa prospettiva, mentre risulta essere completamente inadatto ai lettori più “esperti” del genere e della letteratura in generale.
Non indimenticabile, leggero, sufficientemente piacevole anche se c'è di meglio.
Mi farò coraggio (visto che oltre che a questo primo capitolo, mi è stato donato anche il secondo episodio della saga) per affrontare il successivo auspicando in un pur minimo miglioramento.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
si = a chi non conosce la fantascienza e cerca un qualcosa di facile con cui iniziare,
no = a chi ama la fantascienza e non vuol sentirsi offeso da un romanzo spacciato per tale, a chi ama i romanzi veri.
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Across the universe 2013-03-14 11:32:34 Iry
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Iry Opinione inserita da Iry    14 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il fascino della nave

Un inizio difficile e lento quello di Across The Universe. I primi capitoli annoiano parecchio e danno poco entusiasmo nella continuazione del libro. Fortunatamente dopo qualche capitolo introduttivo però la trama ha finalmente preso una piega affascinante riuscendo così a conquistarmi. Sicuramente mi aspettavo più romance in questo libro, o almeno la copertina fa pensare a una storia d'amore. Tuttavia non è così. La storia ha solo un pizzico di romance e si presenta in un modo pressoché dinamico! Affascinante è l'ambientazione scelta, i colpi di scena che si presentano lungo la storia e i due diversi punti di vista dei protagonisti. Personalmente ho adorato il personaggio di Harley più dei personaggi principali che, secondo me, non sono sfruttati appieno nella storia. I misteri, che si celano nella nave, sono sicuramente la parte più affascinante dalla storia; la motivazione per qui vale la pena finire questo romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Across the universe 2013-02-24 19:36:20 Fr@
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Fr@ Opinione inserita da Fr@    24 Febbraio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Guarda le stelle per non dimenticare chi sei.

Le stelle affascineranno sempre l'uomo. Fin dall'antichità le persone ammirano il cielo di notte, per molte e varie ragioni: ritrovare la strada per tornare a casa per esempio.
Amy però sa che ormai la sua casa è lontanissima e che tutti ciò che conosceva ormai l' ha perso. Dovrà ricostruirsi una nuova vita su un nuovo pianeta, senza i suoi amici, senza i suoi zii, senza Jason.
Trecento anni durerà il viaggio che la porterà su questo pianeta sconosciuto dove insieme ai suoi genitori e altre donne e altri uomini darà vita ad una nuova società.
Ma c'è un piccolo problema: qualcuno la risveglia dal suo stato di ibernazione con cinquant'anni d'anticipo. Si ritrova così catapultata tra persone che la guardano con diffidenza perchè diversa. Si ritrova a vivere su una navicella spaziale, che nonostante sia enorme, le sta stretta. Lei che amava correre non può più farlo. Lei che amava guardare il cielo non può più farlo.
Non riesce proprio a capire come adattarsi a questa nuova vita. In suo soccorso però arriva Elder, l'unico che non sembra spaventato dalla nuova arrivata, anzi ne sembra molto attratto.
La trama di questo romanzo è molto interessante perchè, nonostante la copertina potrebbe trarre in inganno, leggendolo si nota come l'aspetto romantico è subordinato al racconto giallo-fantascientifico. Inoltre a mio parere si sviluppa una storia d'amore molto diversa dalle solite: qui si riscopre l'amore per il cielo. L'amore per l'Universo. Per questo aspetto, ammetto di aver molto apprezzato il romanzo. Ma in alcuni punti la narrazione risulta troppo lenta. Comunque lo consiglio, in particolar modo alle ragazze che vorrebbero leggere un romanzo per adolescenti diverso dai soliti.
In attesa dei libri che concluderanno questa trilogia, vi posso solo dire: Buona lettura! ;)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lo consiglio a chi ama i libri di fantascienza e i gialli, conditi un pizzico di romance.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Across the universe 2012-11-19 17:43:06 Vivix
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Vivix    19 Novembre, 2012

Capolavoro mancato

Partiamo dalla cover: l’ho trovata bella, certo l’idea quello dei due ragazzi che si guardano non è originale, anzi, è un po’ un cliché ma a me piacciono sempre, in più i colori usati per lo spazio e le stelle sono bellissimi, l’unica pecca della copertina è il tipo di scrittura utilizzato per il titolo, quello non mi è piaciuto molto, ma passiamo alla storia. A mio parere è molto originale ma forse la penso così perché è il primo libro fantascientifico che leggo. La narrazione è al presente, in prima persona. I capitoli si alternano in modo simmetrico: una volta racconta Elder ed una volta Amy. Solitamente l’uso della prima persona permette all’autore di indagare a fondo l’animo dei personaggi ma, purtroppo, in questo libro i sentimenti sono appena accennati eccetto nei capitoli dove si descrive l’ibernazione della ragazza, quelli sono fatti piuttosto bene. Anche le descrizioni sono piuttosto sommarie ed è un vero peccato perché l’idea era buona e la narrazione è un susseguirsi di colpi di scena (alcuni ce li si aspetta ma altri sono una vera sorpresa!). Vengono inoltre, affrontate tematiche importanti come il razzismo, l’eticamente giusto o sbagliato, la solitudine, i limiti che la scienza non deve oltrepassare, l’idea di prigione, il tutto in modo leggero così che il libro non ne esce appesantito. Il mondo ideato sulla nave è davvero formidabile, affascinante in ogni sfaccettatura. Mi è piaciuto molto anche il “rapporto con le stelle”, l’unica cosa del mondo di fuori che gli abitanti della nave (e nemmeno tutti) possono vedere. Se l’autrice avesse dato più spazio agli stati d’animo dei personaggi questo libro sarebbe potuto essere davvero un capolavoro ma non l’ha fatto, perciò mi ha dato l’impressione di un libro a metà. Ad ogni modo, è sicuramente un ottimo passatempo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tokyo tutto l'anno
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri