Corri ragazzo, corri Corri ragazzo, corri

Corri ragazzo, corri

Letteratura straniera

Classificazione
Autore

Editore

Casa editrice

Una fuga senza fine e senza la nozione di un fine chiaro, certo, riposante. Solo per salvarsi la vita a tratti, per prendere respiro. Un bambino di otto anni, fuggito dal ghetto di Varsavia - dove ha visto sua madre sparire in un attimo come per una malefica magia - passa da un gruppo di ragazzi alla macchia, a case di contadini protettivi o malvagi e delatori, a soldati tedeschi spietati o umani; dorme sugli alberi, nelle tombe e, a forza di nasconderlo, arriva a dimenticare di essere ebreo. "Ti ordino di sopravvivere" gli aveva detto il padre prima di venire ucciso. E, per avere la forza di seguire quell'ordine, il ragazzo è costretto a cancellare il ricordo del suo passato, della madre e del paese della sua infanzia, come i continui addii del presente. Dimenticando, Yoram concentra tutta la sua energia nel momento in cui vive, povero, affamato, senza protezione, a un certo punto perfino senza un braccio, che il chirurgo si è rifiutato di curare, riconoscendolo ebreo. Ma la corsa prosegue, e "il bambino biondo senza un braccio" rimane in mente come un'inesausta sfida alla morte. In Israele, dove oggi vive e insegna, Yoram Friedman ha raccontato la sua storia - perché questa è una storia vera - che Uri Orlev ha ascoltato dalla sua voce e scritto con commozione e intensa partecipazione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Corri ragazzo, corri 2020-08-31 19:20:58 Chiara77
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Chiara77 Opinione inserita da Chiara77    31 Agosto, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Devi sopravvivere!

“Jurek sentì lo sguardo dei suoi occhi azzurri fisso su di sé, percepì il suo respiro e udì le sue parole: devi sopravvivere, Jurek. No, non aveva detto Jurek. Ecco, era rimasto in vita, per questo aveva dimenticato il suo nome, i nomi dei fratelli e delle sorelle e perfino il volto di sua madre, inghiottito dalla voragine che si era aperta nel suo cuore quando era scomparsa.”

Uri Orlev scrive la vera storia di Yoram Friedman, che, a otto anni, rimase improvvisamente solo, in un Paese in guerra. Non solo. Il piccolo era anche braccato, come se fosse una bestia feroce e non un inoocuo bambino, dai nazisti. Doveva quindi nascondersi e sopravvivere, a soli otto anni, circondato da distruzione e violenza, da una natura ora protettiva ora pericolosa, da persone pronte ad aiutarlo oppure a tradirlo e sfruttarlo.

Leggendo questo libro si ha proprio la sensazione –consentitemelo, anche se forse sembra banale- che la realtà davvero a volte supera la fantasia e che l’essere umano davvero può essere capace di sprofondare in abissi di cattiveria ma anche di elevarsi su vette di forza di volontà, inventiva, intelligenza, vitalità e dolcezza.

Srulik (questo il nome originario di Yoram), costretto a vivere nel ghetto di Varsavia con i suoi genitori e i quattro fratelli, in un caldo giorno di fine giugno, mentre fruga nell’immondizia in cerca di cibo, si perde: la mamma, che era al suo fianco, un momento dopo non c’è più. Lui non riesce più a ritrovare la stanza del ghetto dove abitavano. Comincia così una lunga, travagliata ed incredibile avventura che lo porterà ad evadere dal ghetto e a rifugiarsi nella foresta Kampinoski e nei villaggi limitrofi, per perseguire un unico e fondamentale obiettivo: sopravvivere. Il percorso da compiere non sarà soltanto di tipo pratico: per sopravvivere Srulik dovrà dimenticare chi era e diventare un altro. Da Srulik diventerà Jurek. Questa trasformazione sarà necessaria per compiere l’incredibile prova che gli è stata richiesta; e per fortuna non rimarrà irreversibile.

Un libro che si legge tutto d’un fiato, un’avventura incredibile che coinvolge la mente, il cuore, il corpo del protagonista e ci lascia sbalorditi nel constatare da quanta incredibile forza, intelligenza e capacità può essere animato un bambino.

Consigliato soprattutto ai ragazzini dagli undici ai tredici anni, può senza dubbio essere letto con soddisfazione anche dagli adulti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A tutti
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempi duri
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri