Narrativa straniera Narrativa per ragazzi I ragazzi della via Paal
 

I ragazzi della via Paal I ragazzi della via Paal

I ragazzi della via Paal

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


La trama e le recensioni de I ragazzi della via Paal, romanzo di Ferenc Molnar pubblicato da De Agostini. Per gli adulti il deposito di legname tra i palazzi della periferia di Budapest è solo un vasto terreno abbandonato. Ma per i ragazzi della via Paal è molto di più: è il regno incontrastato della loro fantasia e dei loro giochi. Finché, un brutto giorno, una banda rivale decide di impossessarsi di quel campo. Tra i due gruppi si scatena una vera guerra. E mentre si susseguono i tradimenti, gli atti di eroismo, i drammatici colpi di scena, la realtà degli adulti finisce per dare una conclusione del tutto inaspettata alla battaglia.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I ragazzi della via Paal 2019-05-29 08:05:32 Valerio91
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    29 Mag, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Da leggere due volte nella vita

Nel momento in cui ho cominciato a leggere questo libro e qualcuno si è soffermato a leggerne il titolo, anche persone che non conosco come grandi lettori mi hanno detto di averlo letto da ragazzi, o quantomeno ne avevano sentito parlare. Sì, in fondo, chi non conosce “I ragazzi della via Pàl”? Anche io lo conoscevo e ne possiedo in casa più di una copia; eppure, devo ammettere di non averlo mai letto prima d’ora, con mia assoluta vergogna.
Tuttavia, la prima domanda che mi sono fatto quando ho voltato l’ultima pagina è stata: davvero questo è un libro che si legge principalmente da ragazzi? Non mi fraintendete, non è assolutamente una lettura difficile e mi è piaciuto tantissimo... ma soprattutto nel finale fa lo stesso effetto di un treno che ti arrivi dritto in faccia.
Profondo, ma assolutamente devastante.
Comunque, pensandoci su per un po’ di tempo, mi sono dato una mezza risposta: in fondo, “I ragazzi della via Pàl” é un libro apprezzabilissimo anche quando si è dei ragazzini; un libro in cui trovare tante similitudini con il periodo della vita che ci si sta trovando a vivere; un libro il cui finale può intristire, ma che non ci devasta come fa durante una lettura fatta in età adulta. Da grandi, inoltre, si colgono bellissime sfumature e messaggi nascosti che da piccoli possono facilmente sfuggire; veniamo colpiti dalle tantissime analogie che questi ragazzini e la vita che conducono hanno anche con gli adulti e da come incarnano le qualità onorevoli che ognuno di noi dovrebbe mostrare, ma che forse un bambino non arriva a capire e forse mostra in maniera spontanea.
Dunque, “I ragazzi della via Pàl” è un libro che nel corso della vita va letto almeno due volte, in due età molto diverse.
Molnàr ha delle incredibili capacità di descrizione dell’ambiente ma anche dell’azione: impossibile infatti non rimanere colpiti dalla descrizione della battaglia del Campo di Via Pàl, resa assolutamente vivida è caricata di un’epicità che ci aspetteremmo solo da una vera battaglia. Cosa più importante, ha caratterizzato i suoi protagonisti in maniera perfetta, permettendoci di affezionarci a molti di loro e in particolare ad alcuni; mentre uno di loro non può far altro che restarci nel cuore in eterno.

Credo che dilungarsi sulla trama di un simile capolavoro sia solo un riempitivo di cui non c’è alcun bisogno. Leggetelo, indipendentemente da tutto; lo merita.

“[...] Giovanni Boka guardava fisso davanti a sé: e, per la prima volta, la sua anima di fanciullo intuì quel che è veramente la vita, per la quale noi, suoi schiavi ora tristi ora lieti, lottiamo.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
181
Segnala questa recensione ad un moderatore

I ragazzi della via Paal 2013-11-17 16:39:42 Pia Sgarbossa
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Pia Sgarbossa Opinione inserita da Pia Sgarbossa    17 Novembre, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

IL GIOCO PIU' BELLO? LA GUERRA ???????

"Ci sono libri per maschi e libri per femmine".
Questo il mio pensiero da piccola.
E questa è stata la motivazione per cui non ho mai letto "I ragazzi della Via Pal".
Sapevo che parlava di bande di ragazzi che giocavano alla guerra e per questo non poteva assolutamente rientrare nei miei interessi e giungevo persino ad allargare questa mia concezione al resto del mondo femminile; tra l'altro non ho memoria di amiche che l'avessero letto.
Ho faticato a capire la valenza di questa narrazione, che vede dei ragazzi "vivere la guerra" in un gioco.
Ciascun ragazzo assume un ruolo ben preciso, seguendo i gradi dati ai vari componenti di un vero e proprio esercito: soldato semplice, tenente, comandante...
C'è chi comanda e sembra nato per esserlo, c'è chi vorrebbe esserlo ma non lo è e perciò prova invidia e si muove di conseguenza, c'è chi tenta di avanzare di grado, ma pur di esserci ,rimane in silenzio o quasi e..e accetta tristemente.
Due sono le bande di ragazzini che si contendono un semplice campo, che è il simbolo di tutti i loro sogni.
Rappresenta tutto per loro: a momenti è una prateria, in altri una distesa pianura ,o il mare, il polo nord....qualsiasi posto dove vorrebbero andare.
E con la capacità di fantasticare tipica dei ragazzi sognano il proprio futuro e Boka, uno dei ragazzini protagonista principale ne rappresenta la maggior rappresentazione.
Una guerra si scatena tra due bande che ambiscono a questo "magico" e pezzo nudo di terra.
Una guerra che li porta a imporre delle regole e a non ripettarle nel momento dell'azione.
La gran saggezza di Boka, è ciò che ho apprezzato di più.
La sorte invece del piccolo Nemeksec mi ha provocato diversi sentimenti, primo fra tutti la rabbia.
Lui che più di tutti si è speso per la loro causa, lasciandosi trascinare in giochi pericolosi che mancavano in assoluto di un minimo di precauzione e di lungimiranza...Una sorte la sua che fa riflettere che un atto eroico sia pur vissuto intensamente, se poi si rivela essere stato vacuo...lascia molto amaro in bocca...
Certo vengono lanciati anche dei buoni messaggi, come la capacità di perdonare, di sapersi rivedere, dell'importanza di credere nei sogni e nel futuro...
Fatto sta che trovo questo racconto profondo e molto delicato al tempo stesso...
L'indole alla guerra c'è nella maggior parte dei ragazzi...Solo una lettura attenta se non addirittura guidata potrebbe essere la miglior soluzione per questo libro.
Si, sono contenta d'averlo letto, ma trovo di non aver perso nulla , nella mia scelta di non averlo letta da piccola.
Già la vita ti porta ad affrontare guerre quotidiane, e che non vorrei vivere...No, la guerra anche scritta non fa per me!...
Buona lettura a chi invece si appassiona a questa tematica.
"I ragazzi della Via Pal" è un classico...me ne rendo benissimo conto... termino con dei quesiti ai quali non ho per ora risposta precisa: "Un libro perché classico, deve ritenersi sempre valido? Siamo sicuri che i contenuti siano sempre proponibili?...e per ultimo: se siamo nella condizione in cui siamo...e mi riferisco a livello generale...non è anche colpa di qualcosa che andrebbe riveduto?...
Sarà che ho sempre pensato che "Guerra porta altra guerra"...
Mentre lo leggevo e ne davo un'anticipazione ai miei alunni, vedevo particolarmente presi ragazzini che più facilmente degli altri ricorrono alle mani e ad atti non sempre adeguati nei confronti dei compagni.
A questo punto mi chiedo: E' pur vero che anche io nella mia semplicissima vita ho dovuto rapportarmi con ( pochissime per fortuna) persone che in qualche modo mi hanno fronteggiato e contraddetto...Forse l'avessi letto, mi sarei ricordata che vale più l'astuzia della forza...che quando il gioco si fa duro, i duri si fanno vedere...e altri accorgimenti che ...magari mi sarebbero stati utili... e che invece ho scoperto vivendo...
Spero vivamente in un confronto, in pace pero' ;)...magari con Daniela e Dean Lucas, visto che è stato il loro libro preferito...
Grazie,
Pia

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama conoscere le dinamiche della guerra...a chi ha capito che in fondo la vita è come una guerra.
Trovi utile questa opinione? 
290
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri