Narrativa straniera Narrativa per ragazzi Storia d'amore e perdizione
 

Storia d'amore e perdizione Storia d'amore e perdizione

Storia d'amore e perdizione

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Non è mai facile avere quattordici anni. Le difficoltà della vita sembrano insormontabili, il futuro così lontano e incerto... A volte per lasciarsi alle spalle una realtà dolorosa e insostenibile la fuga sembra l’unica soluzione. È il caso di Tar, che con Gemma decide di scappare da una casa di genitori violenti e alcolizzati, e di adattarsi a vivere per strada e in case occupate. Ma c’è anche un altro tipo di fuga, che promette ancor più di allontanare problemi e sofferenze, sollevare corpi troppo pesanti per giovani anime che aspirano alla leggerezza: l’eroina. E Tar e Gemma, insieme, scopriranno l’altra faccia di una droga che, impietosa, annulla e cancella personalità, dignità ed emozioni.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Storia d'amore e perdizione 2015-05-05 03:34:34 Bruno Elpis
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    05 Mag, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Noi, ragazzi dello zoo di Bristol

La “Storia d’amore e perdizione” raccontata da Melvin Burgess coinvolge David, detto Tar, e Gemma.
Hanno quattordici anni: Tar ha temperamento artistico (“In mezzo all’erba c’erano i denti-di-leone. Tar ci ha detto di quello che aveva dipinto…”), ma è figlio di genitori alcolizzati e violenti; Gemma è curiosa, vivace e irrequieta.
Quando Tar viene percosso ancora dal padre, perché cerca di difendere la mamma, non ci sono più esitazioni: fugge a Bristol, ove viene ospitato nella casa occupata da alcuni anarchici (Richard e Vonny) che, pur vivendo alla bohemienne, dimostrano di avere valori (“Avevo la sensazione che fosse importante rispedirla a casa prima che decollasse”) e obiettivi.
Lì lo raggiunge Gemma, per sfuggire alle imposizioni di genitori che intuiscono la sua propensione alla trasgressione (“Ti vogliamo bene, Gemma. So che abbiamo fatto degli errori… Ma era solo una trappola”).

La libertà della vita di strada trascende ben presto. Contro il parere degli amici anarchici, Tar e Gemma si stabiliscono in un altro covo presso due coetanei: l’eccentrica Lily e il compagno Rob, che già sono eroinomani e vivono di espedienti. Gemma si lascia attrarre dalla curiosità di provare un’esperienza nuova (“A volte, forse, hai bisogno di un’esperienza. Può essere una persona, o può essere una droga”), Tar – succube dell’innamorata – la segue a ruota. L’iniziale convinzione di onnipotenza (posso smettere quando voglio) viene naturalmente travolta dalla meccanica indotta dagli stupefacenti.

Le vicende successive sono le consuete tappe: l’intensificarsi delle dosi, l’assuefazione, il ricorso ad abietti metodi per procurarsi l’eroina, lo spaccio, la progressiva discesa verso l’inferno, che neppure l’arrivo di un figlio – quello di Lily – riesce a interrompere.
Mentre lo spettro della morte per overdose comincia ad aleggiare sul gruppo, ogni tentativo di “ripulirsi” è destinato al fallimento (“In un certo senso, ci contagiamo l’un l’altro”).
L’epilogo, dopo oltre tre anni di randagismo fuori legge, è variegato per i protagonisti (“Devi trovare un aiuto esterno. Non dev’essere per forza una persona, o un’organizzazione. Qualcosa di più profondo. Una forza esterna più forte di te, alla quale rivolgerti quando ti senti debole”) e la love story tra i protagonisti non ha uno sbocco univoco.

Ogni paragrafo viene narrato dai diversi personaggi, secondo un pdv mobile che consente di oggettivare la storia attraverso il racconto corale di più soggetti. Le citazioni di versi di punk band (The Only Ones, The Buzzocks…) contribuiscono a diffondere l’atmosfera culturale di sottofondo, recitata con espressioni che vorrebbero essere evocative (“Ecco cos’era, ero finita dritta in orbita”) e suggestive (“Tornando a casa, volava come un aquilone”).

Nihil sub sole novi, direbbero i latini. Nulla di nuovo, se non le ulteriori riflessioni che il lettore può ancora articolare su esperienze disperate che derivano dall’illusione di poter risolvere problemi personali e/o sociali attraverso paradisi artificiali che in realtà nascondono l’inferno della schiavitù e dell’annullamento di ogni volontà.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tokyo tutto l'anno
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri