Narrativa straniera Racconti Creature di un giorno
 

Creature di un giorno Creature di un giorno

Creature di un giorno

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Mai come in questo libro la scrittura di Yalom rivela la sua componente più nascosta, quella terapeutica, e permette al lettore di guardare negli occhi le due questioni fondamentali dell'esistenza: come vivere una vita piena e come conciliarsi con l'inevitabile prospettiva di abbandonarla. L'autore di "Le lacrime di Nietzsche" presenta in queste pagine la grande esperienza accumulata in più di cinquant'anni di pratica psicanalitica, e con onestà intellettuale ci pone dinanzi a una serie di casi in cui, assieme ai suoi pazienti, ha affrontato il problema della perdita, dell'invecchiamento, della malattia e della solitudine. In pagine pervase da una grande umanità, con garbo e tuttavia con la precisione propria dell'analista, Yalom delinea una schiera di personaggi diversi tra loro per età, estrazione sociale, prospettive di vita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Creature di un giorno 2016-03-13 18:26:01 Natalizia Dagostino
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Natalizia Dagostino Opinione inserita da Natalizia Dagostino    13 Marzo, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La relazione al centro della cura

Apprezzo e leggo con passione i romanzi di Irvin Yalom, psichiatra psicoterapeuta e insegnante di fama internazionale, nato nel 1931. Il titolo riprende un pensiero di Marco Aurelio: “Siamo tutti creature di un giorno; colui che ricorda e colui che è ricordato...”.

La memoria, l’atto di ricordare, dinanzi ad un testimone, gli episodi della propria vita serve, ad ogni essere umano, per offrire un senso al dolore e per ritrovare le ragioni del viaggio esistenziale.
Ciascun capitolo è dedicato ad un incontro, alla storia di una persona che sceglie di essere guidata per ridecidere le proprie prospettive rispetto alla malattia, alla morte, all’abbandono, alla sconfitta, al tradimento, al trauma dell’esistenza. Ogni percorso di rinascita che leggo mi appartiene, ogni racconto è parte di me: l’analisi, la riflessione, la coscienza e la conoscenza rappresentano i passaggi per divenire consapevole e autonoma.

Irvin Yalom partecipa alla svolta relazionalista, iniziata negli anni Ottanta, della psicoanalisi americana. Nell’approccio classico, monopersonale, i confini fra paziente e psicoterapeuta sono rigidamente dichiarati e mantenuti. Invece, nella psicologia bipersonale, ambedue i partecipanti alla relazione terapeutica sono pienamente coinvolti in essa.

Yalom, fine intellettuale, con la grande esperienza accumulata in più di cinquant’anni di pratica psicanalitica, conferma, ed io insieme a lui, l’idea delle possibili numerose letture della malattia psicologica. Nella Educazione alla Persona, la consapevolezza della mancanza, della morte, del limite è la via del benessere, l’unica. La è affrontare il tema esistenziale, all’interno di una relazione di éros che si pone all’opposto del rapporto di potere. La relazione di éros, riconferma le libertà di ogni persona, fa circolare energie vitali positive, avvia apprendimenti nuovi e pratiche quotidiane verso il cambiamento.

“Le categorie diagnostiche sono invenzioni arbitrarie, sono il prodotto del voto di un comitato e vengono invariabilmente sottoposte a considerevoli revisioni a ogni decennio che passa.”p.181

Non ci sono, quindi, tecniche risolutive. Solo nella relazione gli esseri umani accolgono il divenire, governandone i processi con la narrazione. Autore e lettore, terapeuta e paziente, si trovano nella stessa relazione e utilizzano un linguaggio non tecnico, semplice ed amabile. Un elemento importante che permette a tutti gli “attori” coinvolti di partecipare alla ricerca delle letture e delle ipotesi di soluzione possibili.

Il messaggio, per chi legge, deve essere chiaro: è bene rimanere ancorati ad una scuola di formazione, ad una scelta teorica precisa, ad un percorso personale di analisi. Solo attraverso lo studio sistematico e guidato, è possibile divertere e apportare modifiche ai paradigmi di base. Questo assunto vale per i professionisti della psicologia e di ogni altra disciplina. Il rischio riguarda le licenze a fare, a formare e a curare che molti assumono con pericolosa leggerezza, fantasticando che tutto si risolva in una gran bella chiacchierata.

“Rinunciare alla speranza di un passato migliore è un’idea potente… Lei non ha rinunciato alla speranza di un passato migliore, se n’è scritta uno nuovo di zecca…”p.148

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La mala erba
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Flashback
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita prima dell'uomo
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.1 (2)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Bestiario sentimentale
Il generale e il giudice
L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar
Una notte a Kalinteri
Sette case vuote
Sette
Prima persona singolare
Ballo di famiglia
Vie di fuga
La città di vapore
Il meglio di P.G. Wodehouse
La ragazza scomparsa
Paranoia