Narrativa straniera Racconti Winesburg, Ohio
 

Winesburg, Ohio Winesburg, Ohio

Winesburg, Ohio

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Una cittadina del Mid-West raccontata attraverso le storie di alcuni suoi abitanti. Le loro doppie vite, normalissime e nevroticissime, sono diventate un modello descrittivo degli Stati Uniti che ha avuto infinite applicazioni nella letteratura e nel cinema. «I personaggi di un libro come "Winesburg, Ohio", una volta trovati, ti accompagnano come un coro di voci. Ti parlano del loro luogo d'origine, come i viaggiatori che capita di incontrare in treno ti parlano del loro paese, ma bisogna avere anche la fortuna di imbattersi in qualcuno che te la sappia raccontare bene quella storia. Nello stile di Sherwood Anderson c'è la grande letteratura americana, c'è tutto quello che si ama del mestiere di scrivere. Conciso, neutrale agli eventi, sa come fare arrivare le luci e le ombre delle case, l'odore dei campi, il fieno tagliato, il profumo di pioggia, dell'erba da raccogliere. Le radici nella terra all'alba della modernità. Il suo stile maestro si concentra in quest'opera su uno dei soggetti che personalmente amo di più. La storia di un paese, di una comunità. È un argomento in cui è facile trovare del proprio, pure nel lontano fascino dell'America preindustriale, dove i più anziani ancora raccontano della guerra civile. È anzi un'America che viene da sentire più vicina, perché parte di tutte le civiltà contadine nel momento del passaggio che le estingue.» (dalla prefazione di Vinicio Capossela)



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Winesburg, Ohio 2023-02-18 17:10:24 Valerio91
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    18 Febbraio, 2023
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'ispirazione di tanti grandi autori

Sherwood Anderson e questa raccolta in particolare, sono considerati come l'inizio della letteratura americana moderna. E' infatti molto forbita la schiera di autori americani che si sperticano in complimenti e dicano di aver tratto grande ispirazione da questo autore, perlopiù sconosciuto dalle nostre parti. Qualcuno dei lettori di QLibri sarà a conoscenza della mia avversione per le marchette, ma forse quello di Sherwood Anderson è un caso particolare: non si tratta infatti di un best-seller ma di un romanzo fondamentalmente di nicchia, che non ha alte pretese di vendita né tantomeno deve essere spinto in qualche modo. Oltre ciò, se proprio non vogliamo scomodare gli autori le cui citazioni sono inserite in quarta di copertina (che comunque sono autori del calibro di Bukowski e in particolare Faulkner), posso dirvi che sono arrivato alla lettura per mezzo di un altro autore statunitense che in quest'edizione non è nemmeno citato: Ray Bradbury. Diciamo che, dunque, si può avere maggiore fiducia su quello che è l'effettivo apprezzamento da parte di alcuni grandi della letteratura nei confronti di Anderson. Quello che probabilmente ha ispirato di più questi autori è il modo in cui Anderson, in "Winesburg, Ohio", è stato in grado di raccontare un paese per mezzo dei suoi abitanti, dipingendo un ristretto contesto americano nelle sue peculiarità e facendone emergere i tipi umani caratteristici. Per chi conosce la letteratura statunitense, si renderà conto di quanto è peculiare questo modus operandi e di quanto quindi questa letteratura debba ad Anderson, a prescindere dalla bellezza dell'opera in sé. "Winesburg, Ohio" infatti cela gran parte del suo valore proprio in questo suo essere un apripista, al suo essere un modello per romanzi successivi che si riveleranno dei veri e propri capolavori: pensando a Bradbury stesso, non si può fare a meno di pensare che il suo "L'estate incantata" si ispiri fortemente alla struttura di quest'opera, scegliendo di dipingere la sua Green Town proprio come Anderson dipinge la sua Winesburg. C'è da dire, però, che il risultato prodotto da Bradbury raggiunge delle vette di poesia che Anderson non può lontanamente sognare, ma forse senza il suo lavoro non avremmo un tale capolavoro così come diversi altri (come ad esempio L'Antologia di Spoon River, che molti accostano a questo romanzo sebbene si tratti di un'opera poetica).
Quelli raccolti in "Winesburg, Ohio" possono essere considerati tanti piccoli racconti strettamente correlati tra loro, legati da un filo rappresentato dalla città di Winesburg e da alcuni suoi personaggi, in particolare il giovane cronista George Willard. George è il centro intorno al quale ruotano molte delle vite della cittadina, forse perché rappresenta quella necessità di evolversi e adattarsi al cambiamento ormai penetrata nello spirito di un luogo ancora ancorato a un passato ormai obsoleto. Non sarà un caso, infatti, che molti dei personaggi si decidano ad abbandonare le proprie radici e vedranno nell'allontanamento dalla patria un modo per trovare davvero sé stessi, per evolversi. Lo stesso George Willard, nonostante l'amore che prova per una giovane ragazza, sarà in grado di rinunciare a quest'impeto, a questa volontà di crescere e trovare un proprio posto nel mondo; un mondo che ha ormai esteso i propri confini oltre Winesburg, simbolo dei limiti e delle convenzioni di una società che ormai ha fatto il suo tempo, dalle quali i personaggi di questo affresco cercano disperatamente di fuggire, spesso senza riuscirci.
Nonostante non sia un capolavoro di bellezza, "Winesburg, Ohio" è comunque una lettura apprezzabile sia per l'influenza che ha avuto, sia per degli slanci di bellezza sparsi qua e là. Considerata la piacevolezza e la facilità di lettura, può valere la pena di dargli un'occasione.

“La mente del giovane era trascinata via dalla sua crescente passione per i sogni. A guardarlo non aveva l'aria molto in gamba. Mentre il ricordo di quelle piccole cose gli occupava la mente, chiuse gli occhi e si appoggiò allo schienale. Rimase a lungo cosí e quando si mosse, e tornò a guardare dal finestrino, il paese di Winesburg era scomparso, e tutta la sua vita in quel luogo era diventata nient' altro che uno sfondo per dipingervi sopra i sogni della sua gioventù.”

Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
L'America in automobile
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

La vita altrove
Le botteghe color cannella
Lieto fine
Che cosa fa la gente tutto il giorno
Le cose che abbiamo perso nel fuoco
Winesburg, Ohio
Un giorno come un altro
Bestiario sentimentale
Melancolia
Il generale e il giudice
L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar
Una notte a Kalinteri
Sette case vuote