Narrativa straniera Racconti Il generale e il giudice
 

Il generale e il giudice Il generale e il giudice

Il generale e il giudice

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il 16 ottobre 1998, su mandato del giudice spagnolo Baltasar Garzón, il dittatore cileno Augusto Pinochet viene arrestato a Londra con l'accusa di genocidio, terrorismo e tortura. La notizia coglie Sepúlveda su un'autostrada italiana, provocando in lui stupore e speranza. Negli articoli che in quei giorni comincia a scrivere per giornali e riviste di vari paesi - e che qui vengono raccolti - lo scrittore racconta le fasi successive della vicenda e le sue reazioni, e insieme ripercorre, con sovversiva lucidità, l'ininterrotta «storia dell'infamia», dagli anni del pinochetismo fino alla «democrazia vigilata». Di fronte alle amnesie di chi si appella all'unità nazionale per impedire il processo al tiranno e all'omertà elevata a ragion di stato da una parte della società cilena, Sepúlveda pratica strenuamente il «sacro ufficio della memoria», tanto più necessario se, come poi è accaduto, le vicende giudiziarie hanno tradito le speranze suscitate quel 16 ottobre 1998. Lo fa parlandoci della sua gente, delle sue utopie derise, dei suoi compagni, attraverso una scrittura a caldo, appassionata e militante, decisa a resistere alla follia delle ragioni che negano la giustizia e alle menzogne delle parole che servono il potere.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il generale e il giudice 2022-09-23 05:19:41 Clangi89
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Clangi89 Opinione inserita da Clangi89    23 Settembre, 2022
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il Cile tra passato e speranza

Nei giorni immediatamente successivi all'arresto a Londra di Augusto Pinochet, Sepulvera scrive di getto articoli e racconti intrisi di speranza nella giustizia, con la volontà di tenere viva la memoria della dittatura cilenq.
Nel breve libro l'autore raccoglie l'animo di tutti i cileni che per oltre 16 anni di dittatura hanno lottato per i diritti umani.
È una condanna senza mezzi termini ai soprusi, alle torture, ai desaparecidos e ai diritti calpestati senza pietà dalle dittature in generale e da quella cilena in particolare.
Racconti di persone che hanno lottato e sono sparite, zenza una tomba per i parenti, zenza una giustizia nei confronti degli artefici  di tali crimini.
Un percorso a ritroso nei principali passaggi della dittatura, dal 1973 agli anni'90. L'autore combattte con le parole per demolire la storia infame che viene, a più riprese, divulgata da sostenitori del regime. Si affronta il tema del dopo Pinochet, la democrazia sorvegliata e i risvolti per il popolo.
È un libro che tocca dentro, affronta temi politici sino alla condanna della globalizzazione, intesa come dominio delle multinazionali multinazionali. Non mancano spaccati di vita personale dell'autore che rendono i racconti vicini alla IMO umano, sempre.
Oltre le differenze, oltre le distanze, vive l'animo della lotta per la giustizia, senza mai dimenticare, non si deve né si vuole dimenticare.
"In Cile le ferite sono aperte, ben aperte e sanguinanti. Né la dittatura, né la giustizia dei provocatori rappresentata dalla corte suprema cilena, né  la democrazia su cauzione ha d'atto il minimo sforzo per chiudere le nostre ferite."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consiglio a chi ha già letto qualcosa di Sépulveda
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle luci
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non aprite quella morta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Bestiario sentimentale
Melancolia
Il generale e il giudice
L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar
Una notte a Kalinteri
Sette case vuote
Sette
Prima persona singolare
Ballo di famiglia
Vie di fuga
La città di vapore
Il meglio di P.G. Wodehouse
La ragazza scomparsa