Lieto fine Lieto fine

Lieto fine

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Una storia d'amore raccontata al contrario: dalla fine all'inizio. Partendo dai tradimenti, le bugie, le difficoltà, la nascita delle figlie, il matrimonio, l'incanto dell'innamoramento, via via fino al primo incontro, al primo sguardo, alla scintilla. Paradossalmente, al finale felice di una storia che il lieto fine non ha. Antonio e Ángela stanno insieme da tredici anni, ne hanno poco più di quaranta, hanno due bambine piccole, vivono nella costosissima Madrid e lavorano entrambi nel settore culturale. Iniziando dal finale, e cioè dalla loro separazione, Isaac Rosa ripercorre in un lento rewind il loro rapporto, registrandone, come un implacabile sismografo, l’euforia, la stanchezza, le vette, i fallimenti, e allo stesso tempo le vibrazioni più recondite e inconfessabili. Un’autopsia incessante dei desideri, delle aspettative e degli errori di una relazione amorosa, in cui emergono risentimenti e incomprensioni. Ma anche una galleria di momenti felici.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lieto fine 2023-08-20 16:54:20 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    20 Agosto, 2023
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

(Non) Lieto fine

«Tu cercavi di convincermi che il divorzio non è la fine del mondo, neanche un divorzio con due figlie, siamo circondati da amici separati, anche i nostri genitori, e stanno tutti bene, la vita continua, la gente si ricostruisce in fretta, i bambini si adattano, il divorzio è una cosa come un’altra, comune come sposarsi. Io dicevo di no, mi opponevo: che me ne importa di quello che fa la gente, questo è il nostro divorzio, fa male a me, sono mie le figlie che dovranno adottare le loro vite al fallimento dei genitori, che sia un male comune non mi consola, non mi interessa perché la gente si separa, voglio solo sapere perché ci separiamo noi, perché io e te, perché, perché. Perché.»

Questa è la storia di Angela e Antonio ma potrebbe tranquillamente essere la storia di ognuno di noi. Sono sposati da 13 anni, hanno poco più di quarant’anni, hanno due figlie, vivono in una costosissima Madrid e lavorano entrambi nel settore culturale. Due volti, un uomo e una donna, che rappresentano una famiglia classica in una realtà classica e in una città classica. Tuttavia apprendiamo subito che qualcosa non va come dovrebbe andare. Cominciamo infatti dal finale: l’amore è finito, venuto meno, è stato soppiantato da ripicche, infelicità, tradimenti e bugie. Tante, troppe le difficoltà che questo sentimento ha dovuto affrontare perdendo del suo incanto, perdendo di quella scintilla che ha fatto ardere e bruciare i cuori.
Ma facciamo un passo alla volta perché dal titolo sarebbe dunque plausibile aspettarsi un “lieto fine” eppure, questa storia che parte dal finale tutto sembra avere tranne che questo. Sono un uomo e una donna fatti di fragilità, stanchezza e fallimenti in cui sono caduti dopo aver toccato le più alte vette. Sono il risultato di tanti non detti ma pensati. Tra aspettative, errori, incomprensioni. Tra momenti felici e non.

«Me lo chiedo anch’io, mormoravi tu, e io insistevo: se potessimo tornare indietro nel tempo, risalire la nostra vita come un fiume dalla foce, scavare in verticale nel nostro passato, sollevando strato per strato, fino a dove credi che dovremmo arrivare, in quale momento eravamo ancora in tempo per sistemare le cose? E dopo una pausa drammatica, tu: indietro, Angela, molto indietro.»

Solchiamo insieme a Isaac Rosa, solchiamo insieme la fine di un amore. Un passo a due, due voci che si alternano nella sintesi di un sentimento che non ha confini e che difficilmente può essere definito. Un passo a due narrato da voci che si alternano tra lui e lei ma che sono rancorose, arrabbiate, funeste. Non sanno più scambiarsi parole d’amore ma solo recriminazioni. L’amore ha cambiato forma, è stato piegato da nuove esigenze della vita e al contempo è stato marchiato che porta il cuore a inaridire e quel “ti amo” si trasforma in un “ti voglio bene ma”.
E forse, chissà, sarebbe bastato davvero poco per salvare tutto. Forse una maggiore comprensione, uno scambio di opinioni, un interesse mantenuto, una maggiore vicinanza e desiderio di ascoltare oltre che di essere ascoltati.
Ma ormai è tardi. È diventata inaccettabile la vita in comune, si è perso il desiderio fisico che non è più tale quanto al massimo un bisogno o peggio ancora una supplica, un tentativo anche umiliante di recuperare un qualcosa quando ormai le lancette hanno concluso il loro giro dell’orologio.
“Lieto fine” è una parabola discendente dell’amore, uno scritto narrato con voce chiara e limpida, analizzato in ogni suo aspetto e in ogni sua vicissitudine. C’è durezza tra queste pagine, c’è crudezza ma c’è anche un’analisi così intima e particolare che porta a interrogarsi, a guardarsi dentro senza affossare quelle che sono le vibrazioni dell’amore nella sua forma più semplice, nuda e cruda.

«Angela ha ragione, chiamiamo amore quello che è semplicemente desiderio, un bene di consumo come gli altri. Ma l’amore senza desiderio non è possibile. Sto parlando di un’altra cosa, l’amore è l’opposto del desiderio che ci lascia sempre insoddisfatti, il desiderio mira a consumare e sostituire, mentre l’amore vuole preservare, produrre, riprodurre, ho letto da qualche parte che l’amore è centrifugo mentre il desiderio è centripeto.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Legami
Ambos mundos
La vita altrove
Le botteghe color cannella
Lieto fine
Che cosa fa la gente tutto il giorno
Le cose che abbiamo perso nel fuoco
Winesburg, Ohio
Un giorno come un altro
Bestiario sentimentale
Melancolia
Il generale e il giudice
L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232