Figli randagi Figli randagi

Figli randagi

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Una raccolta di racconti sull'esperienza del crescere negli Stati Uniti, sulla lotta quasi eroica che gli adolescenti affrontano per definire se stessi e i confini della propria libertà. Scritti in un arco di tempo che va dal 1965 al 1972, questi sei racconti descrivono l'universo violento degli adolescenti: lo stupro, la droga, la follia, il divorzio dei genitori, il suicidio. Oltre alla violenza, alla solitudine e al bisogno d'amore, ad accomunare questi giovani c'è una nuova moralità, che non distingue più tra bene e male, bello e brutto, morale e immorale.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Figli randagi 2014-03-21 22:13:33 Mario Inisi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    22 Marzo, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bellissimo

Dopo aver letto il primo racconto stavo per buttare il libro, non perchè il racconto sia brutto ma terribilmente ansiogeno per un genitore e a me non piace questo tipo di lettura. Andando avanti però gli altri racconti sono abbastanza diversi, e tutti leggibili. Mi pare che la Oates approfondisca in ogni racconto una fantasia particolare, o una sua paura, inseguendola fino in fondo e immaginando di vederla concretizzarsi. A differenza di altri scrittori che sembrano alludere alla loro vita passata e ruminarla, lei fantastica e immagina cose che non sono state. Ad esempio, in un racconto la protagonista Barbara, vincitrice guarda un po' del premio Pulitzer per la poesia, vede il marito professore universitario portarsi in casa la studentessa/amante. In un altro un genitore viene travolto dall'amore per un figlio che non sapeva di avere. Ma il racconto che mi è piaciuto di più è quello dell'insegnante suora e del cambiamento che si produce nella sua coscienza. Le ultime pagine del racconto sono bellissime, con la descrizione della mente della suora che si stacca e vaga per poi ritornare dov'era ma in una consapevolezza di solitudine e di isolamento del tutto nuova. L'alienazione è presente in molti racconti come condizione di partenza o di arrivo di un personaggio. Spesso l'ambiente descritto è quello universitario, un po' oppressivo e limitante. Un mondo cui è faticoso appartenere per la necessità di restarne all'altezza o di dimostrare di esserlo.
Lo stile è cristallino, pulito, chiaro con delle punte di grande bellezza. Mi è proprio venuta voglia di approfondire la conoscenza con la Oates.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
se siete ansiosi, saltate il primo racconto.
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar
Una notte a Kalinteri
Sette case vuote
Sette
Prima persona singolare
Ballo di famiglia
Vie di fuga
La città di vapore
Il meglio di P.G. Wodehouse
La ragazza scomparsa
Paranoia
Tre donne
I tre sconosciuti e altri racconti