Narrativa straniera Racconti I giovani. Tre racconti
 

I giovani. Tre racconti I giovani. Tre racconti

I giovani. Tre racconti

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

"The young folks", che dà il titolo alla raccolta, è la primissima prova letteraria del giovane Salinger: un indimenticabile, ironico e spietato ritratto di due ragazzi dell'alta società newyorkese. Il secondo racconto, "Go see Eddie", apparve sul giornale dell'università (The University of Kansas city Review). Il terzo, "Once a week won't kill you", fu stampato nel 1944, di nuovo per Story magazine. Questa piccola raccolta, anticipa i grandi temi e le ambientazioni delle opere successive: la solitudine, la difficoltà e le follie della giovinezza, la ricerca di libertà e la speranza nel futuro, la necessità di riparare nel mondo favoloso dell'infanzia. I racconti sono pervasi dall'inconfondibile atmosfera di New York alla fine degli anni Quaranta.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I giovani. Tre racconti 2016-04-19 17:52:35 68
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    19 Aprile, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Incomunicabilita'....

La raccolta " I giovani", esordio letterario di Salinger , si compone di tre racconti giovanili, i primi due del 1940, il terzo del 1944, scritto dopo l' atroce esperienza bellica vissuta dall' autore, segnato pesantemente da morte ed orrore. Sono stati tradotti e pubblicati in Italia nel 2015.
Tre racconti brevi, un soffio accomunato dallo stesso spartito, una coppia, lei e lui, uno sfondo di un interno, pochi oggetti, gesti lenti e ripetuti, rallentati, sempre quelli, come le parole che si trascinano stancamente.
Dialoghi che esprimono silenzio, incomunicabilita', soliloqui accomunati dall' immobilismo di un palcoscenico dove nulla accade, se non il tentativo di intrecciare una conversazione subito negato dal formalismo, dal perbenismo, dall' inutilità di un dialogo che non ha approdo sicuro.
Sono le parole ad emergere, disadorne, secche, mutevoli, entrano, occupano ed attraversano la scena, mentre l' inazione dei personaggi e della storia, così' scarna e diafana, quasi inesistente, ne costituisce solo il contorno.
I protagonisti sfuggono e si defilano, restano immagini lente e ripetute, sigarette gia' fumate o ancora da fumare, una clessidra a scandire il tempo, una pellicina sul pollice, un paio di occhi chiusi, il lasciarsi cadere pesantemente su quella grossa poltrona rossa, a sottolineare un passaggio rallentato ed un certo immobilismo, oltre una malcelata solitudine interiore che cerca di evadere nella possibilita' dialettica ma che finisce per confermarci l' incomunicabilita'' ed inespressione dei personaggi.
Il racconto eponimo ed emblema della trilogia, il primo, è' il più' riuscito, laddove si parla della cocktail society di New York, nel bel mezzo di una festa di adolescenti intrisa di noia, superalcolici, vizi, in un tentativo banale e maldestro di dialogo e corrispondenza tra Edna e Bill, entrambi disinteressati o fintamente interessati, altrove indirizzati, isolati e decadenti, in un limbo di attesa e di tempo sospeso, quasi immobile, con una idea di essere altrove e che nulla in realtà' stia realmente accadendo.
Ogni dialogo ed evento e' monologo ed attesa di quello che non sarà', e ciascun attore è' semplice comparsa, c' e' ma vorrebbe non esserci, è' distante, distratto, e le parole finiscono per perdersi o deviare in altro.
Non distinguiamo un tempo ed un luogo, ogni frase trasformata o sostituita, ma il risultato non cambia, e non importa, quasi che l' immobilismo sia voluto e determinato, e la noia e ripetitività' sia espressione del nulla di quel mondo dell' alta e media borghesia cosi' inviso all' autore e dal quale, peraltro, proveniva.
Non c' e' nessuna risposta se non la solitudine ed il silenzio, tanto che lui stesso anni dopo ne traccera' la via.
Traspare nella narrazione quel filo conduttore che ne segnera' le opere a venire, anche se qui ancora piuttosto scarno, disadorno, ancora acerbo, ma già' velato da una malinconica presenza che sara' espressione, un giorno, di totale e voluta assenza, fisica e di produzione letteraria.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Bestiario sentimentale
Melancolia
Il generale e il giudice
L'universo in un granello di sabbia
I colori dell'addio
Ricordare Parigi
Il soldato Schwendar
Una notte a Kalinteri
Sette case vuote
Sette
Prima persona singolare
Ballo di famiglia
Vie di fuga
La città di vapore
Il meglio di P.G. Wodehouse
La ragazza scomparsa