Narrativa straniera Racconti L'uomo con due vite
 

L'uomo con due vite L'uomo con due vite

L'uomo con due vite

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Ante Valdemar Roos ha quasi sessant’anni e conduce un’esistenza ordinaria. Sua moglie non lo capisce; le figlie di lei lo considerano un fallito; i colleghi di lavoro lo trattano con indifferenza, se non con disprezzo. Ma un giorno la fortuna gli sorride, e la schedina giocata con tanta pazienza anno dopo anno risulta vincente. Valdemar decide di tenere per sé questa notizia e comincia a costruirsi una vita parallela, che comprende un’idilliaca casa nel bosco. Anna Gambowska è una ragazza difficile, in fuga da un centro di recupero per tossicodipendenti. Vent’anni, una chitarra, uno zaino e un passato burrascoso che sta cercando di lasciarsi alle spalle quando si imbatte in un’idilliaca casa nel bosco... L’ispettore Gunnar Barbarotti è bloccato in un letto d’ospedale con una gamba rotta, quando Alice Ekman Roos gli chiede di indagare sulla scomparsa del marito. Il caso non sembra complicato, finché le ricerche condotte dai colleghi dell’ispettore non portano al ritrovamento di un cadavere: di chi si tratta? E cos’ha a che fare con Anna? O con Valdemar? A questo punto Barbarotti non può fare a meno di essere incuriosito dalla figura di quest’uomo all’apparenza tanto banale da risultare interessante.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'uomo con due vite 2013-03-21 08:56:11 ChiaraLotus
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
ChiaraLotus Opinione inserita da ChiaraLotus    21 Marzo, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Poco pathos, tanta psiche

In questo periodo, ho avuto modo di leggere diversi romanzi di Hakan Nesser. Questo è quello che mi è piaciuto meno.
Solitamente un romanzo giallo adegua il punto di vista del lettore a quello del detective: i due viaggiano insieme e condividono la propria conoscenza. Man mano che la polizia delinea la verità, anche il lettore apprende.
Qui non avviene così: la scelta di utilizzare un narratore esterno onniscente toglie ogni suspance: chi legge, infatti, scopre gli accadimenti in tempo reale, ne sa di più rispetto all’ispettore Barbarotti ed al suo staff. Questo rende, a mio avviso, il tutto un po’ noioso. La parola che meglio di altre delinea il quadro è “piatto”. Senza spessore. Forse ciò dipende dal fatto che Nesser ha deciso di dare la priorità ad altre questioni: ciò che passa nella testa dei personaggi, ad esempio. E lo fa con addirittura troppa cura: tanta attenzione a pensieri non certo sensazionali, finisce ulteriormente per rallentare il ritmo.
Sicuramente è impossibile non provare empatia con Valdemar, sessantenne annoiato dalla vita e considerato una palla al piede. Questa figura fa provare una sorta di amarezza: si capisce che è una persona per bene e i suoi occhi tristi richiamano alla mente tutte le volte che anche noi ci siamo sentiti un po’ inutili e soli.
La tossicodipendenza di Anna avrebbe dovuto avere, a mio avviso, più spazio all’interno della narrazione: della droga si parla relativamente poco. E credo di non aver mai sentito di nessuno che viene sbattuto in comunità per qualche canna.
Il finale aperto conferisce al romanzo quell’alone di mistero che è mancato nelle precedenti 400 pagine. Un po’ tardi, considerando che la presenza di enigmi è – solitamente – la caratteristica che regala verve ad un buon giallo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'uomo con due vite 2013-02-13 13:20:32 *Monica*
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
*Monica* Opinione inserita da *Monica*    13 Febbraio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'UOMO CON DUE VITE

Una prima parte con un ritmo lento, ma non per questo noiosa, descrive i protagonisti con le loro vite e i loro problemi: il 60enne Ante Valdemar Roos e la 20enne Anna Gambowska. Entrambi conducono una vita insoddisfacente, dalla quale decidono di fuggire e, quando i due si incontrano casualmente, ciascuno trova conforto nell'altro.
Un giorno Valdemar scompare misteriosamente e nei pressi della sua casetta nel bosco viene rinvenuto il cadavere di un giovane...
La seconda parte è più dinamica e riguarda le indagini, condotte dall'ispettore Barbarotti e dalla collega Eva Backman.

Terza indagine del commissario Barbarotti. Un bel libro, ben scritto e scorrevole nella lettura. Il punto di forza del libro non è tanto la trama gialla, ma la dettagliata analisi psicologica dei personaggi, che mostrano una grande umanità. Anche in questo libro ci sono interessanti riflessioni sulla vita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Una prima parte con un ritmo lento, ma non per questo noiosa, descrive i protagonisti con le loro vite e i loro problemi: il 60enne Ante Valdemar Roos e la 20enne Anna Gambowska. Entrambi conducono una vita insoddisfacente, dalla quale decidono di fuggire e, quando i due si incontrano casualmente, ciascuno trova conforto nell'altro.
Un giorno Valdemar scompare misteriosamente e nei pressi della sua casetta nel bosco viene rinvenuto il cadavere di un giovane...
La seconda parte è più dinamica e riguarda le indagini, condotte dall'ispettore Barbarotti e dalla collega Eva Backman.
Un bel libro, ben scritto e scorrevole nella lettura. Il punto di forza del libro non è tanto la trama gialla, ma la dettagliata analisi psicologica dei personaggi, che mostrano una grande umanità. Anche in questo libro ci sono interessanti riflessioni sulla vita.
Trovi utile questa opinione? 
22
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri