Narrativa straniera Racconti La foresta in fiore
 

La foresta in fiore La foresta in fiore

La foresta in fiore

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


"La foresta in fiore" è la prima traduzione mondiale dell'opera d'esordio di Mishima, pubblicata in Giappone nel 1944. I racconti, scritti durante la guerra tra i sedici e i diciotto anni dell'autore, scaturiscono dall'abbandono della mente a uno stato fluttuante, ed evidenziano il rapporto libero e ludico di un adolescente con la poesia e la letteratura. Gli antenati, la tradizione, le antiche capitali, il mondo degli dei, una sottile analisi introspettiva dei personaggi, la creazione di un mondo, onirico e psicologico, alternativo a quello reale, animano questi racconti giovanili nei quali è già possibile intravedere le caratteristiche più profonde di Mishima: l'ispirazione classica, risolta in uno stile enfatico e solenne, e l'analisi distaccata.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La foresta in fiore 2016-03-14 04:42:16 Bruno Elpis
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    14 Marzo, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il profumo di un nuovo germogliare

La foresta in fiore è una raccolta di cinque racconti scritti da Yukio Mishima all’età di diciassette anni, in un esordio letterario che è considerato la fase romantica dello scrittore.

Nei primi quattro racconti - “La foresta in fiore”; “Otto e Maya”; “La luna sull’acqua” e “A futura memoria” – sono già condensati molti temi cari a Mishima: la tradizione degli antenati, l’indissolubilità che lega amore e morte, le complicanze delle relazioni, il senso incombente della morte della cultura nipponica.

L’ultimo racconto, “Diario di preghiere”, è forse il più accessibile ed è un’analitica rappresentazione dell’evoluzione sentimentale di due bimbi – Yumio (“Yumi in giapponese significa arco… due ideogrammi yumi (arco) e o”) e Yasuko – nel loro passaggio dall’infanzia all’adolescenza.

La ragazza, Yasuko, ha sofferto per un morbo (“La malattia aveva ridotto le mie gambe a oggetti del tutto estranei”) e si rapporta a genitori tra i quali prevale la figura materna (il padre è “genero adottivo ossia un uomo che sposato prende il nome della moglie. E ciò esercita … un effetto psicologico negativo sul suo ruolo di capofamiglia”).
La frequentazione attraversa la fase dei giochi e si svolge con situazioni simboliche. Come infilare la testa nella tana della volpe (considerata animale dai poteri magici). O mantenere il segreto del gioco dei pirati (“Più tardi su un grande foglio da disegno tracciammo una mappa con delle matite colorate”) nella casa abbandonata. Un tradimento reciproco allontana temporaneamente i due bambini, che qualche anno dopo si ritrovano al mare e condividono la scoperta del sesso sorprendendo nel bosco due ragazzi più grandi della comitiva. Un incontro serale nella casa di Yasuko pone la ragazza di fronte all’irrazionalità delle reazioni emotive e al dilemma di come confidarsi con la madre.

L’analisi dell’evoluzione sentimentale è minuziosa (“Da quel giorno mi sforzai a tal punto di scacciare dalla mente il sospetto che in me fosse avvenuto un cambiamento, che a poco a poco cominciai a perdere la spensieratezza che avevo avuto fino alla fine dell’estate. Eppure la malinconia che ora sentivo era diversa da quella che avevo provato nella stagione delle piogge, era una malinconia che mi spingeva in un abisso dove, tuttavia, avvertivo il profumo di un nuovo germogliare”) e coglie tutte le sfumature (“Il mio cuore sembrava frantumato come tante sottili spighe di riso selvatico sminuzzate”).

Nonostante la giovane età dello scrittore, i racconti non sono di facile lettura perché accolgono già tutte le potenzialità della complessità artistica di Mishima, che qui si arrocca nelle asperità adolescenziali.

Giudizio finale: analitico, immaginifico, complicato.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... opere di Mishima
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Fine
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'inverno più nero
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli estivi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I baffi
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vento selvaggio che passa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I segreti del professore
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Tutto chiede salvezza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il regno delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Insegnami la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte della svastica
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri